Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 3676-3710 di 35985

Disposizioni Attuative Codice di Procedura Civile art. 159-ter

ISCRIZIONE A RUOLO DEL PROCESSO ESECUTIVO PER ESPROPRIAZIONE A CURA DI SOGGETTO DIVERSO DAL CREDITORE Colui che, prima che il creditore abbia depositato la nota di iscrizione a ruolo prevista dagli articoli 518, 521-bis, 543 e 557 del codice, deposita per primo un atto o un'istanza deve...

Disposizioni Attuative Codice di Procedura Civile art. 169-quater

ULTERIORI MODALITÀ DEL PAGAMENTO DEL PREZZO DI ACQUISTO 1. Il prezzo di acquisto può essere versato con sistemi telematici di pagamento ovvero con carte di debito, di credito o prepagate o con altri mezzi di pagamento con moneta elettronica disponibili nei circuiti bancario e postale. (Articolo...

Disposizioni Attuative Codice di Procedura Civile art. 169-sexies

ELENCO DEI SOGGETTI SPECIALIZZATI PER LA CUSTODIA E LA VENDITA DEI MOBILI PIGNORATI Presso ogni tribunale è istituito un elenco dei soggetti specializzati di cui all'articolo 532 del codice per la custodia e la vendita dei beni mobili pignorati. Alle domande di iscrizione all'elenco è allegata la...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1102

1. E' contratto di sorte o aleatorio, quando per ambidue i contraenti o per l'uno di essi il vantaggio dipende da un avvenimento incerto. 2. Tali sono il contratto di assicurazione, il prestito a tutto rischio, il giuoco, la scommessa e il contratto vitalizio.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1449

1. La vendita può essere fatta puramente e semplicemente, o sotto condizione sospensiva o risolutiva. 2. Può altresì avere per oggetto due o più cose alternativamente. 3. In tutti questi casi l'effetto di essa è regolato dai principi generali dei contratti.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1554

1. La rescissione per causa di lesione non ha luogo nel contratto di permuta. 2. Se però si è convenuto a carico di uno dei permutanti un rifacimento in danaro che supera il valore dell'immobile da lui dato in permuta, tale contratto si considera come una vendita, e l'azione di rescissione spetta a...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 923

CAPO III Disposizioni comuni alle successioni legittime e testamentarie - SEZIONE I Dell'apertura della successione e della continuazione del possesso nell'erede 1. La successione si apre nel momento della morte, nel luogo dell'ultimo domicilio del defunto.

Codice Penale art. 348

ABUSIVO ESERCIZIO DI UNA PROFESSIONE 1. Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da centotre euro a cinquecentosedici euro.

Codice Penale art. 380

PATROCINIO O CONSULENZA INFEDELE Il patrocinatore o il consulente tecnico, che, rendendosi infedele ai suoi doveri professionali, arreca nocumento agli interessi della parte da lui difesa, assistita o rappresentata dinanzi all'autorità giudiziaria o alla Corte penale internazionale, è punito con...

Codice Penale art. 393

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone Chiunque, al fine indicato dall'articolo precedente, e potendo ricorrere al giudice, si fa arbitrariamente ragione da sé medesimo usando violenza o minaccia alle persone, è punito, a querela dell'offeso, con la reclusione fino a...

Codice Penale art. 40

RAPPORTO DI CAUSALITA' 1. Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se l'evento dannoso o pericoloso, da cui dipende la esistenza del reato, non è conseguenza della sua azione od omissione. 2. Non impedire un evento, che si ha l'obbligo giuridico di impedire,...

Codice Penale art. 401

PROVOCAZIONE AL DUELLO PER FINI DI LUCRO [1. Quando chi provoca o sfida a duello, o minaccia di provocare o di sfidare, agisce con l'intento di carpire denaro o altra utilità, si applicano le disposizioni dell'articolo 629. 2. Si applicano altresì le disposizioni del capo primo del titolo...

Codice Penale art. 449

CAPO III - Dei delitti colposi di comune pericolo - (DELITTI COLPOSI DI DANNO) 1. Chiunque, al di fuori delle ipotesi previste nel secondo comma dell'articolo 423-bis cagiona per colpa un incendio, o un altro disastro preveduto dal capo primo di questo titolo, è punito con la reclusione da uno a...

Codice Penale art. 479

FALSITA' IDEOLOGICA COMMESSA DAL PUBBLICO UFFICIALE IN ATTI PUBBLICI 1. Il pubblico ufficiale, che, ricevendo o formando un atto nell'esercizio delle sue funzioni, attesta falsamente che un fatto è stato da lui compiuto o è avvenuto alla sua presenza, o attesta come da lui ricevute dichiarazioni a...

Codice Penale art. 51

ESERCIZIO DI UN DIRITTO O ADEMPIMENTO DI UN DOVERE L'esercizio di un diritto o l'adempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un ordine legittimo della pubblica autorità, esclude la punibilità. Se un fatto costituente reato è commesso per ordine dell'autorità, del reato...

Codice Penale art. 517

VENDITA DI PRODOTTI INDUSTRIALI CON SEGNI MENDACI 1. Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell'ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali o esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull'origine, provenienza o qualità dell'opera...

Codice Penale art. 575

TITOLO XII Dei delitti contro la persona - CAPO I Dei delitti contro la vita e l'incolumità individuale - (OMICIDIO) 1. Chiunque cagiona la morte di un uomo è punito con la reclusione non inferiore ad anni ventuno.

Codice Penale art. 582

LESIONE PERSONALE Chiunque cagiona ad alcuno una lesione personale, dalla quale deriva una malattia nel corpo o nella mente, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. (Comma così modificato dall’art. 1, comma 3, lett. b), L. 23 marzo 2016, n. 41, a decorrere dal 25 marzo 2016, ai sensi...

Codice Penale art. 637

INGRESSO ABUSIVO NEL FONDO ALTRUI 1. Chiunque senza necessità entra nel fondo altrui recinto da fosso, da siepe viva o da un altro stabile riparo è punito, a querela della persona offesa con la multa fino a lire duecentomila.

Codice Penale art. 643

CIRCONVENZIONE DI PERSONE INCAPACI 1. Chiunque, per procurare a sé o ad altri un profitto, abusando dei bisogni, delle passioni o della inesperienza di una persona minore, ovvero abusando dello stato di infermità o deficienza pschica di una persona, anche non interdetta o inabilitata, la induce a...

Codice Penale art. 719

CIRCOSTANZE AGGRAVANTI 1. La pena per il reato preveduto dall'art. precedente è raddoppiata: 1) se il colpevole ha istituito o tenuto una casa da giuoco; 2) se il fatto è commesso in un pubblico esercizio; 3) se sono impegnate nel guoco poste rilevanti; 4) se fra coloro che partecipano al...

Codice Penale art. 85

TITOLO IV Del reo e della persona offesa dal reato - CAPO I Della imputabilità - (CAPACITA' D'INTENDERE E DI VOLERE) 1. Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se, al momento in cui lo ha commesso, non era imputabile. 2. E' imputabile chi ha la capacità...

Gli usi di cui all'art. 1374 codice civile

L'art. cod.civ., norma dettata in materia di integrazione del contratto, riferisce che quest'ultimo obbliga le parti non solo a quanto vi si trova espresso, ma anche a tutte le conseguenze che ne derivano secondo la legge, o, in mancanza, secondo gli usi e l'equità. Il primo problema che si pone...

Codice Penale art. 111

DETERMINAZIONE AL REATO DI PERSONA NON IMPUTABILE O NON PUNIBILE Chi ha determinato a commettere un reato una persona non imputabile, ovvero non punibile a cagione di una condizione o qualità personale, risponde del reato da questa commesso, e la pena è aumentata. Se si tratta di delitti per i...

Codice Penale art. 328

RIFIUTO DI ATTI D'UFFICIO. OMISSIONE 1. Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che , per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito...

Codice Penale art. 371

FALSO GIURAMENTO DELLA PARTE 1. Chiunque come parte in giudizio civile, giura il falso è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. 2. Nel caso di giuramento deferito d'ufficio, il colpevole non è punibile, se ritratta il falso prima che sulla domanda giudiziale sia pronunciata sentenza...

Codice Penale art. 416

ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE 1. Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti, coloro che promuovono o costituiscono od organizzano l'associazione sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da tre a sette anni. 2. Per il solo fatto di partecipare all'associazione, la...