Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 32656-32690 di 36115

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 127-bis

SPESE ADDEBITABILI 1. Le banche e gli intermediari finanziari non possono addebitare al cliente spese, comunque denominate, inerenti alle informazioni e alle comunicazioni previste ai sensi di legge trasmesse con strumenti di comunicazione telematica. Le informazioni precontrattuali e le...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 128-quater

TITOLO VI-BIS Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi (Titolo inserito dall'art. 11, comma 1, D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141) (AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che promuove e conclude contratti relativi alla concessione di finanziamenti...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 128-ter

MISURE INIBITORIE 1. Qualora nell'esercizio dei controlli previsti dall'articolo 128 emergano irregolarità, la Banca d'Italia può: a) inibire ai soggetti che prestano le operazioni e i servizi disciplinati dal presente titolo la continuazione dell'attività, anche di singole aree o sedi...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 131-ter

ABUSIVA ATTIVITÀ DI PRESTAZIONE DI SERVIZI DI PAGAMENTO 1. Chiunque presta servizi di pagamento senza essere autorizzato ai sensi dell’articolo 114-novies è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da 2.066 euro a 10.329 euro. (Articolo aggiunto dal comma 11 dell’art....

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 69-quater

PIANI DI RISANAMENTO 1. Le banche si dotano di un piano di risanamento individuale che preveda l'adozione di misure volte al riequilibrio della situazione patrimoniale e finanziaria in caso di suo significativo deterioramento. Il piano riguarda, se di interesse non trascurabile per il risanamento...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 69-quinquies

PIANI DI RISANAMENTO DI GRUPPO 1. La capogruppo italiana di un gruppo bancario si dota di un piano di risanamento di gruppo che individua misure coordinate e coerenti da attuare per sé, per ogni società del gruppo e, se di interesse non trascurabile per il risanamento del gruppo, per le società...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 95-quater

COLLABORAZIONE TRA AUTORITA' 1. La Banca d'Italia informa le autorità di vigilanza degli Stati comunitari ospitanti dell'apertura delle procedure di amministrazione straordinaria, di gestione provvisoria e di liquidazione coatta amministrativa, nei confronti di banche italiane, precisando gli...

Decreto Legislativo del 1998 numero 286 art. 27-ter

INGRESSO E SOGGIORNO PER RICERCA SCIENTIFICA 1. L'ingresso ed il soggiorno per periodi superiori a tre mesi, al di fuori delle quote di cui all'articolo 3, comma 4, è consentito a favore di stranieri in possesso di un titolo di studio superiore, che nel Paese dove è stato conseguito dia accesso a...

Decreto Legislativo del 1998 numero 286 art. 2-bis

COMITATO PER IL COORDINAMENTO E IL MONITORAGGIO 1. È istituito il Comitato per il coordinamento e il monitoraggio delle disposizioni del presente testo unico, di seguito denominato «Comitato». 2. Il Comitato è presieduto dal Presidente o dal Vice Presidente del Consiglio dei Ministri o da un...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 113-ter

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI INFORMAZIONI REGOLAMENTATE (Testo applicabile alle assemblee il cui avviso di convocazione sia pubblicato dopo il 31 ottobre 2010) 1. Per informazioni regolamentate si intendono quelle che devono essere pubblicate dagli emittenti quotati, dagli emittenti...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 118-bis

CONTROLLO SULLE INFORMAZIONI FORNITE AL PUBBLICO (Rubrica così modificata dal comma 10 dell'art. 3, D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 303) 1. La CONSOB stabilisce con regolamento, tenuto conto dei principi internazionali in materia di vigilanza sull'informazione societaria, le modalità e i termini per...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 127-ter

DIRITTO DI PORRE DOMANDE PRIMA DELL'ASSEMBLEA 1. Coloro ai quali spetta il diritto di voto possono porre domande sulle materie all'ordine del giorno anche prima dell'assemblea. Alle domande pervenute prima dell'assemblea è data risposta al più tardi durante la stessa. La società può fornire una...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 151-bis

POTERI DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA 1. I componenti del consiglio di sorveglianza possono, anche individualmente, chiedere notizie ai consiglieri di gestione, anche con riferimento a società controllate, sull'andamento delle operazioni sociali o su determinati affari, ovvero rivolgere le...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 154-bis

SEZIONE V-BIS Informazione finanziaria (DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI) 1. Lo statuto degli emittenti quotati aventi l'Italia come Stato membro d'origine prevede i requisiti di professionalità e le modalità di nomina di un dirigente preposto alla redazione...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 165-quinquies

OBBLIGHI DELLE SOCIETA' ITALIANE COLLEGATE 1. Il bilancio delle società italiane con azioni quotate in mercati regolamentati, di cui all'articolo 119, e delle società italiane emittenti strumenti finanziari diffusi fra il pubblico in misura rilevante, ai sensi dell'articolo 116, le quali siano...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 187-ter

MANIPOLAZIONE DEL MERCATO 1. Salve le sanzioni penali quando il fatto costituisce reato, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro centomila a euro venticinque milioni chiunque, tramite mezzi di informazione, compreso INTERNET o ogni altro mezzo, diffonde informazioni, voci o...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 187-terdecies

ESECUZIONE DELLE PENE PECUNIARIE E DELLE SANZIONI PECUNIARIE NEL PROCESSO PENALE 1. Quando per lo stesso fatto è stata applicata a carico del reo o dell'ente una sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell'articolo 187-septies, la esazione della pena pecuniaria e della sanzione pecuniaria...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 18-ter

SOCIETÀ DI CONSULENZA FINANZIARIA 1. A decorrere dal 1° ottobre 2009, la riserva di attività di cui all’articolo 18 non pregiudica la possibilità per le società costituite in forma di società per azioni o società a responsabilità limitata, in possesso dei requisiti patrimoniali e di indipendenza...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 190-bis

RESPONSABILITÀ DEGLI ESPONENTI AZIENDALI E DEL PERSONALE PER LE VIOLAZIONI IN TEMA DI DISCIPLINA DEGLI INTERMEDIARI, DEI MERCATI E DELLA GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI 1. Fermo restando quanto previsto per le società e gli enti nei confronti dei quali sono accertate le violazioni,...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 193-quater

SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE RELATIVE ALLA VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI PREVISTE DAL REGOLAMENTO (UE) N. 648/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, DEL 4 LUGLIO 2012 1. I soggetti che svolgono funzioni di amministrazione o di direzione delle controparti centrali, delle sedi di...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 32-bis

CAPO IV-BIS Tutela degli investitori (TUTELA DEGLI INTERESSI COLLETTIVI DEGLI INVESTITORI) 1. Le associazioni dei consumatori inserite nell'elenco di cui all'articolo 137 del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, sono legittimate ad agire per la tutela degli interessi collettivi degli...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 32-ter

RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DI CONTROVERSIE 1. Ai fini della risoluzione stragiudiziale di controversie sorte fra investitori e soggetti abilitati e relative alla prestazione di servizi e di attività di investimento e di servizi accessori e di gestione collettiva del risparmio, trovano...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 46-quater

ALTRE DISPOSIZIONI APPLICABILI 1. Ai crediti erogati in Italia da parte di FIA italiani e FIA UE, a valere sul proprio patrimonio, si applicano le disposizioni sulla trasparenza delle condizioni contrattuali e dei rapporti con i clienti di cui al Titolo VI, Capi I e III, con esclusione...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 4-ter

INDIVIDUAZIONE DELLE AUTORITÀ NAZIONALI COMPETENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 236/2012 RELATIVO ALLE VENDITE ALLO SCOPERTO E A TALUNI ASPETTI DEI CONTRATTI DERIVATI AVENTI AD OGGETTO LA COPERTURA DEL RISCHIO DI INADEMPIMENTO DELL'EMITTENTE (CREDIT DEFAULT SWAP) 1. Il Ministero...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 50-quater

FUSIONE TRANSFRONTALIERA DI OICR ARMONIZZATI 1. Alle fusioni tra OICR comunitari armonizzati e OICR italiani armonizzati e a quelle che coinvolgono OICR italiani armonizzati le cui quote sono commercializzate in un altro Stato comunitario ai sensi dell'articolo 41, comma 2, lettera a), si...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 77-bis

CAPO II Sistemi di negoziazione diversi dai mercati regolamentati (Rubrica così sostituita dal comma 1 dell’art. 12, D.Lgs. 17 settembre 2007, n. 164) (SISTEMI MULTILATERALI DI NEGOZIAZIONE) 1. La Consob individua con proprio regolamento i requisiti minimi di funzionamento dei sistemi...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 79-ter

CONSOLIDAMENTO DELLE INFORMAZIONI 1. Al fine di garantire che i partecipanti al mercato e gli investitori possano raffrontare i prezzi che i mercati regolamentati, i sistemi multilaterali di negoziazione e i soggetti abilitati sono tenuti a rendere pubblici, la Consob, sentita la Banca d'Italia,...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 83-decies

RESPONSABILITÀ DELL'INTERMEDIARIO 1. L'intermediario è responsabile: a) verso il titolare del conto, per i danni derivanti dall'esercizio dell'attività di trasferimento suo tramite degli strumenti finanziari, di tenuta dei conti, e per il puntuale adempimento degli obblighi posti dal presente...

Decreto Legislativo del 2001 numero 228 art. 4-bis

IMPRENDITORIA AGRICOLA GIOVANILE 1. Ai fini dell'applicazione della normativa statale, è considerato giovane imprenditore agricolo l'imprenditore agricolo avente una età non superiore a 40 anni. (Articolo aggiunto dall'art. 3, D.Lgs. 29 marzo 2004, n. 99)

Decreto Legislativo del 2001 numero 228 art. ALLEGATO 1

(Previsto dall'art. 27, comma 1) Settore (°) Numero di produttori A Apistico - 50 B Avicunicolo - 50 C Cerealicolo-oleaginoso - 100 D Florovivaistico - 50 E Olivicolo - 50 F Pataticolo - 100 G Sementiero - 100 H Sughericolo - 200 I Tabacchicolo - 100 J Vitivinicolo - 100 K...

Decreto Legislativo del 2003 numero 196 art. 140-bis

PARTE III Tutela dell'interessato e sanzioni - TITOLO I Tutela amministrativa e giurisdizionale - CAPO 0.I (Intitolazione inserita dall’art. 13, comma 1, lett. a), D.Lgs. 10 agosto 2018, n. 101) Alternatività delle forme di tutela (FORME ALTERNATIVE DI TUTELA) 1. Qualora ritenga che i diritti di...

Decreto Legislativo del 2003 numero 196 art. 2-decies

INUTILIZZABILITÀ DEI DATI 1. I dati personali trattati in violazione della disciplina rilevante in materia di trattamento dei dati personali non possono essere utilizzati, salvo quanto previsto dall'articolo 160-bis. (Articolo inserito dall’art. 2, comma 1, lett. f), D.Lgs. 10 agosto 2018, n....

Decreto Legislativo del 2003 numero 196 art. 2-duodecies

LIMITAZIONI PER RAGIONI DI GIUSTIZIA 1. In applicazione dell'articolo 23, paragrafo 1, lettera f), del Regolamento, in relazione ai trattamenti di dati personali effettuati per ragioni di giustizia nell'ambito di procedimenti dinanzi agli uffici giudiziari di ogni ordine e grado nonché dinanzi al...

Decreto Legislativo del 2003 numero 196 art. 2-undecies

CAPO III (Intitolazione inserita dall’art. 2, comma 1, lett. f), D.Lgs. 10 agosto 2018, n. 101) Disposizioni in materia di diritti dell'interessato (LIMITAZIONI AI DIRITTI DELL'INTERESSATO) 1. I diritti di cui agli articoli da 15 a 22 del Regolamento non possono essere esercitati con richiesta al...

Decreto Legislativo del 2003 numero 276 art. 69-bis

ALTRE PRESTAZIONI LAVORATIVE RESE IN REGIME DI LAVORO AUTONOMO 1. Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria da parte del committente, rapporti di collaborazione...