Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 2976-3010 di 35985

Codice Civile art. 853

TRASFERIMENTO DEI DIRITTI REALI 1. Nei trasferimenti coattivi le servitù prediali sono abolite, conservate o create in relazione alle esigenze della nuova sistemazione. 2. Gli altri diritti reali di godimento sono trasferiti sui terreni assegnati in cambio e, qualora non siano costituiti su tutti...

Codice Civile art. 856

COMPETENZA DELL'AUTORITA' GIUDIZIARIA 1. Nelle materie indicate dagli articoli 850 e segg. è salva la competenza dell' autorità giudiziaria ordinaria per la tutela dei diritti degli interessati. L' autorità giudiziaria non può tuttavia con le sue decisioni provocare una revisione del piano di...

Codice Civile art. 858

COMPRENSORIO DI BONIFICA E PIANO DELLE OPERE 1. Il comprensorio di bonifica e il piano generale dei lavori e di attività coordinate sono determinati e pubblicati a norma della legge speciale.

Codice Civile art. 863

CONSORZI DI MIGLIORAMENTO FONDIARIO 1. Nelle forme stabilite per i consorzi di bonifica possono essere costituiti anche consorzi per l' esecuzione, la manutenzione e l' esercizio di opere di miglioramento fondiario comuni a più fondi e indipendenti da un piano generale di bonifica. 2. Essi sono...

Codice Civile art. 867

SISTEMAZIONE E RIMBOSCHIMENTO DEI TERRENI VINCOLATI 1. Al fine del rimboschimento e del rinsaldamento i terreni vincolati possono essere assoggettati a espropriazione,a occupazione temporanea o a sospensione dell' esercizio del pascolo, nei modi e con le forme stabiliti dalle leggi in materia.

Codice Civile art. 869

SEZIONE V Della proprietà edilizia (PIANI REGOLATORI) 1. I proprietari di immobili nei comuni dove sono formati piani regolatori devono osservare le prescrizioni dei piani stessi nelle costruzioni e nelle riedificazioni o modificazioni delle costruzioni esistenti.

Codice Civile art. 87

PARENTELA, AFFINITÀ, ADOZIONE (Rubrica così modificata dall’art. 1, comma 1, lett. a), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014 ai sensi di quanto disposto dall’art. 108, comma 1, del medesimo D.Lgs. n. 154/2013. Il testo precedentemente in vigore era il seguente: «Parentela,...

Codice Civile art. 871

NORME DI EDILIZIA E DI ORNATO PUBBLICO 1. Le regole da osservarsi nelle costruzioni sono stabilite dalla legge speciale e dai regolamenti edilizi comunali. 2. La legge speciale stabilisce altresì le regole da osservarsi per le costruzioni nelle località sismiche.

Codice Civile art. 878

MURO DI CINTA 1. Il muro di cinta e ogni altro muro isolato che non abbia un' altezza superiore ai tre metri non è considerato per il computo della distanza indicata dall' articolo 873. 2. Esso, quando è posto sul confine, può essere reso comune anche a scopo d' appoggio, purché non preesista al...

Codice Civile art. 887

FONDI A DISLIVELLO NEGLI ABITATI 1. Se di due fondi posti negli abitati uno è superiore e l' altro inferiore, il proprietario del fondo superiore deve sopportare per intero le spese di costruzione e conservazione del muro dalle fondamenta all' altezza del proprio suolo, ed entrambi i proprietari...

Codice Civile art. 895

DIVIETO DI RIMPIANTARE ALBERI A DISTANZA NON LEGALE 1. Se si è acquistato il diritto di tenere alberi a distanza minore di quelle sopra indicate, e l' albero muore o viene reciso o abbattuto, il vicino non può sostituirlo, se non osservando la distanza legale. 2. La disposizione non si applica...

Codice Civile art. 898

COMUNIONE DI SIEPI 1. Ogni siepe tra due fondi si presume comune ed è mantenuta a spese comuni, salvo che vi sia termine di confine o altra prova in contrario. 2. Se uno solo dei fondi è recinto, si presume che la siepe appartenga al proprietario del fondo recinto, ovvero di quello dalla cui...

Codice Civile art. 900

SEZIONE VII Delle luci e delle vedute (SPECIE DI FINESTRE) 1. Le finestre o altre aperture sul fondo del vicino sono di due specie: luci, quando danno passaggio alla luce e all' aria, ma non permettono di affacciarsi sul fondo del vicino; vedute o prospetti, quando permettono di affacciarsi e di...

Codice Civile art. 902

APERTURA PRIVA DEI REQUISITI PRESCRITTI PER LE LUCI 1. L' apertura che non ha i caratteri di veduta o di prospetto è considerata come luce, anche se non sono state osservate le prescrizioni indicate dall' articolo 901. 2. Il vicino ha sempre il diritto di esigere che essa sia resa conforme alle...

Codice Civile art. 907

DISTANZA PER L'APERTURA DI VEDUTE LATERALI OD OBLIQUE 1. Quando si è acquistato il diritto di avere vedute dirette verso il fondo vicino, il proprietario di questo non può fabbricare a distanza minore di tre metri, misurata a norma dell' articolo 905. 2. Se la veduta diretta forma anche veduta...

Codice Civile art. 909

SEZIONE IX Delle acque (DIRITTO SULLE ACQUE ESISTENTI NEL FONDO) 1. Il proprietario del suolo ha il diritto di utilizzare le acque in esso esistenti, salve le disposizioni delle leggi speciali per le acque pubbliche e per le acque sotterranee. 2. Egli può anche disporne a favore d' altri, qualora...

Codice Civile art. 910

Abrogato [1. Il proprietario di un fondo limitato o attraversato da un' acqua non pubblica, che corre naturalmente e sulla quale altri non ha diritto, può, mentre essa trascorre, farne uso per l' irrigazione dei suoi terreni e per l' esercizio delle sue industrie, ma deve restituire le colature e...

Codice Civile art. 912

CONCILIAZIONE DI OPPOSTI INTERESSI 1. Se sorge controversia tra i proprietari a cui un' acqua non pubblica può essere utile, l' autorità giudiziaria deve valutare l' interesse dei singoli proprietari nei loro rapporti e rispetto ai vantaggi che possono derivare all' agricoltura o all' industria...

Codice Civile art. 913

SCOLO DELLE ACQUE 1. Il fondo inferiore è soggetto a ricevere le acque che dal fondo più elevato scolano naturalmente, senza che sia intervenuta l' opera dell' uomo. 2. Il proprietario del fondo inferiore non può impedire questo scolo, né il proprietario del fondo superiore può renderlo più...

Codice Civile art. 921

CONSORZI COATTIVI 1. Nel caso indicato dall' articolo 918, il consorzio può anche essere costituito d' ufficio dall' autorità amministrativa, allo scopo di provvedere a una migliore utilizzazione delle acque. 2. Per le forme di costituzione e di funzionamento si osservano le norme stabilite per i...

Codice Civile art. 924

SCIAMI DI API 1. Il proprietario di sciami di api ha diritto d' inseguirli sul fondo altrui, ma deve indennità per il danno cagionato al fondo; se non li ha inseguiti entro due giorni o ha cessato durante due giorni d' inseguirli, può prenderli e ritenerli il proprietario del fondo.

Codice Civile art. 932

TESORO 1. Tesoro è qualunque cosa mobile di pregio, nascosta o sotterrata, di cui nessuno può provare d' essere proprietario. 2. Il tesoro appartiene al proprietario del fondo in cui si trova. Se il tesoro è trovato nel fondo altrui, purché sia stato scoperto per solo effetto del caso, spetta per...

Codice Civile art. 944

AVULSIONE 1. Se un fiume o torrente stacca per forza istantanea una parte considerevole e riconoscibile di un fondo contiguo al suo corso e la trasporta verso un fondo inferiore o verso l' opposta riva, il proprietario del fondo al quale si è unita la parte staccata ne acquista la proprietà. Deve...

Codice Civile art. 948

CAPO IV Delle azioni a difesa della proprietà (AZIONE DI RIVENDICAZIONE) 1. Il proprietario può rivendicare la cosa da chiunque la possiede o detiene e può proseguire l' esercizio dell' azione anche se costui, dopo la domanda, ha cessato, per fatto proprio, di possedere o detenere la cosa. In tal...

Codice Civile art. 954

ESTINZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE 1. L' estinzione del diritto di superficie per scadenza del termine importa l' estinzione dei diritti reali imposti dal superficiario. I diritti gravanti sul suolo si estendono alla costruzione, salvo, per le ipoteche, il disposto del primo comma dell' articolo...

Codice Civile art. 96

RICHIESTA DELLA PUBBLICAZIONE 1. La richiesta della pubblicazione deve farsi da ambedue gli sposi o da persona che ne ha da essi ricevuto speciale incarico.

Codice Civile art. 970

PRESCRIZIONE DEL DIRITTO DELL'ENFITEUTA 1. Il diritto dell' enfiteuta si prescrive per effetto del non uso protratto per venti anni.

Codice Civile art. 978

TITOLO V Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione - CAPO I Dell'usufrutto - SEZIONE I Disposizioni generali - (COSTITUZIONE) 1. L' usufrutto è stabilito dalla legge o dalla volontà dell' uomo. Può anche acquistarsi per usucapione.

Codice Civile art. 155-ter

REVISIONE DELLE DSPOSIZIONI CONCERNENTI L'AFFIDAMENTO DEI FIGLI [I genitori hanno diritto di chiedere in ogni tempo la revisione delle disposizioni concernenti l'affidamento dei figli, l'attribuzione dell'esercizio della potestà su di essi e delle eventuali disposizioni relative alla misura e...

Codice Civile art. 2341-bis

SEZIONE III-BIS Dei patti parasociali (Sez.aggiunta dall' art.1 D.Lgs.n.6/2003 - Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, in attuazione della legge 3 ottobre 2001, n. 366).(PATTI PARASOCIALI) 1. I patti, in qualunque forma stipulati, che al fine di...

Codice Civile art. 2343-quater

FATTI ECCEZIONALI O RILEVANTI CHE INCIDONO SULLA VALUTAZIONE Gli amministratori verificano, nel termine di trenta giorni dalla iscrizione della società, se, nel periodo successivo a quello di cui all'articolo 2343-ter, primo comma, sono intervenuti fatti eccezionali che hanno inciso sul prezzo...

Codice Civile art. 2357-ter

DISCIPLINA DELLE PROPRIE AZIONI Gli amministratori non possono disporre delle azioni acquistate a norma dei due articoli precedenti se non previa autorizzazione dell'assemblea, la quale deve stabilire le relative modalità. A tal fine possono essere previste, nei limiti stabiliti dal primo e...

Codice Civile art. 2379-ter

INVALIDITA' DELLE DELIBERAZIONI DI AUMENTO O DI RIDUZIONE DEL CAPITALE E DELLA EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI 1. Nei casi previsti dall'articolo 2379 l'impugnativa dell'aumento di capitale, della riduzione del capitale ai sensi dell'articolo 2445 o della emissione di obbligazioni non puo' essere...