Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 4026-4060 di 36004

Decreto Legislativo del 2013 numero 154 art. 14

MODIFICHE ALL'ARTICOLO 239 DEL CODICE CIVILE 1. L'articolo 239 del codice civile è sostituito dal seguente: “Art. 239. Reclamo dello stato di figlio Qualora si tratti di supposizione di parto o di sostituzione di neonato, il figlio può reclamare uno stato diverso. L'azione di reclamo dello...

Decreto Legislativo del 2013 numero 154 art. 19

MODIFICHE AGLI ARTICOLI 245 E 246 DEL CODICE CIVILE 1. L'articolo 245 del codice civile è sostituito dal seguente: “Art. 245. Sospensione del termine Se la parte interessata a promuovere l'azione di disconoscimento di paternità si trova in stato di interdizione per infermità di mente ovvero...

Legge del 2009 numero 69 art. 47

ULTERIORI MODIFICHE AL LIBRO SECONDO DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE 1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni: a) dopo l'articolo 360 è inserito il seguente: «Art. 360-bis. - (Inammissibilità del ricorso). - Il ricorso è inammissibile: 1) quando il provvedimento...

Cass. civile del 1980 numero 1747 (15/03/1980)

La norma dell'art. 1355, Codice civile, limita la nullità del negozio all'ipotesi della condizione sospensiva meramente potestativa a parte debitoris, il cui avveramento é rimesso alla volontá di uno dei soggetti e cioè ad un suo atto puramente arbitrario, tale da implicare l'effettiva negazione del...

Legge del 2012 numero 220 art. 19

1. L'articolo 64 delle disposizioni per l'attuazione del codice civile e disposizioni transitorie è sostituito dal seguente: «Art. 64. - Sulla revoca dell'amministratore, nei casi indicati dall'undicesimo comma dell'articolo 1129 e dal quarto comma dell'articolo 1131 del codice, il tribunale...

Decreto Legislativo del 2006 numero 5 art. 138

SOSTITUZIONE DELL'ARTICOLO 155 DEL REGIO DECRETO 16 MARZO 1942, N. 267 1. L'articolo 155 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, è sostituito dal seguente: «Art. 155 (Patrimoni destinati ad uno specifico affare). - Se è dichiarato il fallimento della società, l'amministrazione del patrimonio...

Legge del 2012 numero 220 art. 13

1. L'articolo 1134 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1134. - (Gestione di iniziativa individuale). - Il condomino che ha assunto la gestione delle parti comuni senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa...

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 202

Per il ricorso alle sezioni unite della Corte di cassazione a termini dei due articoli precedenti si osservano le norme del Capo V, Titolo V, Libro I, del Codice di procedura civile (vedi, ora, libro II, titolo III, capo III, cod.proc.civ. 1942). Le decisioni interlocutorie del Tribunale...

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 191

Quando il Tribunale superiore delle acque pubbliche riformi una sentenza di primo grado, ritiene in ogni caso la causa fino alla sentenza definitiva, salvo il disposto dell'art. 493 (vedi, ora, art. 353 cod.proc.civ. 1942) del codice di procedura civile.

Cass. civile del 1993 numero 6381 (08/06/1993)

La convivenza more uxorio tra persone in stato libero non costituisce causa di illiceitá e, quindi, di nullità di un contratto attributivo di diritti patrimoniali (nella specie, comodato) collegato a detta relazione, in quanto tale convivenza, ancorché‚ non disciplinata dalla legge, non contrasta né...

Decreto Legislativo del 1999 numero 490 art. 88

abrogato APPARTENENZA E QUALIFICAZIONE DEI BENI RITROVATI [1. I beni indicati nell'articolo 2, da chiunque e in qualunque modo ritrovati, appartengono allo Stato. A seconda che siano beni immobili o mobili essi fanno parte, rispettivamente, del demanio pubblico o del patrimonio indisponibile dello...

Cass. civile, sez. I del 1996 numero 2921 (29/03/1996)

Nell' ipotesi di fusione eterogenea, la mancata opposizione dei creditori nei termini stabiliti dall' art. 2503, codice civile, non è sufficiente a determinare la liberazione dei soci illimitatamente responsabili della società incorporata per le obbligazioni sociali anteriori all' iscrizione della...

Regio Decreto del 1913 numero 363 art. 75

Alle disposizioni del precedente articolo sono soggette altresì tutte le cose per cui è seguita la notificazione di cui all'art. 5 della legge, e che si reputano immobili per destinazione, ai sensi dell'art. 414 del Codice civile (Ora, art. 817 cod.civ. 1942).

Cass. civile del 1984 numero 3865 (02/07/1984)

La decadenza del debitore dal beneficio del termine, ai sensi dell'art. 1186, Codice civile, non consegue automaticamente alla sua sopravvenuta insolvenza, occorrendo, invece, perché‚ la decadenza si verifichi, con la conseguente possibilità per il creditore di dedurne la perdita - ove il debitore...

Cass. civile del 1990 numero 4562 (21/05/1990)

Il diritto di abitazione, che ha le sue origini nell'usus domus del diritto romano classico, ha natura reale e quindi può essere costituito mediante testamento, usucapione o contratto, per il quale é richiesta ad substantiam la forma dell'atto pubblico o della scrittura privata (art. 1350, n. 4,...

Decreto Legge del 2009 numero 135 art. 3

(abrogato) MODIFICHE AL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE - ADEGUAMENTO ALLA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE DEL 19 MAGGIO 2009, RESA NELLA CAUSA C-538/07 (Rubrica così modificata dalla legge di conversione...

Regio Decreto Legge del 1937 numero 1666 art. 1

Fermo il disposto dell'art. 1 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, ai notari è concessa anche la facoltà di: ricevere in deposito atti pubblici, in originale od in copia, scritture private, carte e documenti, anche se redatti all'estero; ricevere le dichiarazioni di rinuncia ad eredità di cui...

Legge del 1913 numero 89 art. 69

1. Il notaro deve trascrivere alla fine delle copie le procure annesse a tutti gli altri allegati all'originale, salvoché, riguardo a questi ultimi, chi richiede la copia vi abbia rinunziato, in questo caso il notaro deve fare nella copia menzione della rinuncia, indicando la data e la natura degli...

Cass. civile del 1995 numero 6976 (21/06/1995)

Nelle obbligazioni di durata assistite da una clausola penale il divieto di cumulo fra la prestazione principale e la penale previsto dall'art. 1383 Codice civile riguarda le sole prestazioni già maturate e inadempiute e non quelle non ancora maturate e per le quali permane l'obbligo...

Regio Decreto del 1933 numero 1775 art. 171

Quando si debba dare cauzione, questa è presentata al giudice e l'atto è ricevuto dal cancelliere, salvo il disposto dell'art. 331 ( vedi, ora, art. 119 cod.proc.civ. del 1942.) del codice di procedura civile.

Azione inibitoria (clausole vessatorie)

Uno strumento di tutela di notevole importanza per il consumatore (già introdotto dall'abrogato art. sexies cod. civ. ) è costituito dall' azione inibitoria di cui all'art. Codice del consumo. Le associazioni rappresentative dei consumatori e dei professionisti e le CCIAA, possiedono infatti...