Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 23626-23660 di 35985

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 132

INTERVENTI SOSTITUTIVI 1. Nel caso di mancata effettuazione dei controlli previsti dalla parte terza del presente decreto, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio diffida la regione a provvedere entro il termine massimo di centottanta giorni ovvero entro il minor termine imposto...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 133

TITOLO V Sanzioni - CAPO I Sanzioni amministrative - (SANZIONI AMMINISTRATIVE) 1. Chiunque, salvo che il fatto costituisca reato, nell'effettuazione di uno scarico superi i valori limite di emissione fissati nelle tabelle di cui all'Allegato 5 alla parte terza del presente decreto, oppure i...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 134

SANZIONI IN MATERIA DI AREE DI SALVAGUARDIA 1. L'inosservanza delle disposizioni relative alle attività e destinazioni vietate nelle aree di salvaguardia di cui all'articolo 94 è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da seicento euro a seimila euro.

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 137

CAPO II Sanzioni penali (SANZIONI PENALI) 1. Chiunque apra o comunque effettui nuovi scarichi di acque reflue industriali, senza autorizzazione, oppure continui ad effettuare o mantenere detti scarichi dopo che l'autorizzazione sia stata sospesa o revocata, è punito con l'arresto da due mesi a due...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 15

CAPO II Disposizioni specifiche per la VAS in sede statale (PIANI E PROGRAMMI SOTTOPOSTI A VAS IN SEDE STATALE) 1. Sono sottoposti a valutazione ambientale strategica in sede statale i piani e programmi di cui all'articolo 7 la cui approvazione compete ad organi dello Stato. 2. Per la valutazione...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 157

OPERE DI ADEGUAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO 1. Gli enti locali hanno facoltà di realizzare le opere necessarie per provvedere all'adeguamento del servizio idrico in relazione ai piani urbanistici ed a concessioni per nuovi edifici in zone già urbanizzate, previo parere di compatibilità con il piano...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 158

OPERE E INTERVENTI PER IL TRASFERIMENTO DI ACQUA 1. Ai fini di pianificare l'utilizzo delle risorse idriche, laddove il fabbisogno comporti o possa comportare il trasferimento di acqua tra regioni diverse e ciò travalichi i comprensori di riferimento dei distretti idrografici, le Autorità di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 16

AVVIO DEL PROCEDIMENTO 1. Per i piani e programmi di cui all'articolo 15, prima dell'avvio del procedimento di approvazione il piano o programma adottato o comunque proposto deve essere inoltrato, corredato dal rapporto ambientale e dalla sintesi non tecnica, al Ministero dell'ambiente e della...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 161

OSSERVATORIO SULLE RISORSE IDRICHE E SUI RIFIUTI 1. La Commissione nazionale per la vigilanza sulle risorse idriche di cui al decreto legislativo 7 novembre 2006, n. 284, articolo 1, comma 5, è istituita presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al fine di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 162

PARTECIPAZIONE, GARANZIA E INFORMAZIONE DEGLI UTENTI 1. Il gestore del servizio idrico integrato assicura l'informazione agli utenti, promuove iniziative per la diffusione della cultura dell'acqua e garantisce l'accesso dei cittadini alle informazioni inerenti ai servizi gestiti nell'ambito...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 163

GESTIONE DELLE AREE DI SALVAGUARDIA 1. Per assicurare la tutela delle aree di salvaguardia delle risorse idriche destinate al consumo umano, il gestore del servizio idrico integrato può stipulare convenzioni con lo Stato, le regioni, gli enti locali, le associazioni e le università agrarie...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 166

TITOLO IV Usi produttivi delle risorse idriche (USI DELLE ACQUE IRRIGUE E DI BONIFICA) 1. I consorzi di bonifica ed irrigazione, nell'ambito delle loro competenze, hanno facoltà di realizzare e gestire le reti a prevalente scopo irriguo, gli impianti per l'utilizzazione in agricoltura di acque...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 17

ISTRUTTORIA E ADOZIONE DEL GIUDIZIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE 1. La decisione finale è pubblicata nei siti web delle autorità interessate con indicazione del luogo in cui è possibile prendere visione del piano o programma adottato e di tutta la documentazione oggetto dell'istruttoria. Sono...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 181

RECUPERO DEI RIFIUTI 1. Ai fini di una corretta gestione dei rifiuti le pubbliche amministrazioni favoriscono la riduzione dello smaltimento finale dei rifiuti attraverso: a) il riutilizzo, il reimpiego ed il riciclaggio; b) le altre forme di recupero per ottenere materia prima secondaria dai...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 192

DIVIETO DI ABBANDONO 1. L'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati. 2. È altresì vietata l'immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee. 3. Fatta salva l'applicazione della sanzioni di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 194

SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE 1. Le spedizioni transfrontaliere dei rifiuti sono disciplinate dai regolamenti comunitari che regolano la materia, dagli accordi bilaterali di cui agli articoli 41 e 43 del regolamento (CE) n. 1013/2006 e dal decreto di cui al comma 4. 2. Sono fatti salvi, ai sensi...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 20

FASE PRELIMINARE 1. Il proponente trasmette all'autorità competente il progetto preliminare, lo studio preliminare ambientale in formato elettronico, ovvero nei casi di particolare difficoltà di ordine tecnico, anche su supporto cartaceo, nel caso di progetti: (Alinea così modificato dall'art....

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 200

ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI 1. La gestione dei rifiuti urbani è organizzata sulla base di ambiti territoriali ottimali, di seguito anche denominati ATO, delimitati dal piano regionale di cui all'articolo 199, nel rispetto delle linee guida di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 212

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI 1. È costituito, presso il Ministero dell'ambiente e tutela del territorio, l'Albo nazionale gestori ambientali, di seguito denominato Albo, articolato in un Comitato nazionale, con sede presso il medesimo Ministero, ed in Sezioni regionali e provinciali,...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 213

AUTORIZZAZIONI INTEGRATE AMBIENTALI 1. Le autorizzazioni integrate ambientali rilasciate ai sensi del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, sostituiscono ad ogni effetto, secondo le modalità ivi previste: a) le autorizzazioni di cui al presente capo; b) la comunicazione di cui...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 243

ACQUE DI FALDA 1. Al fine di impedire e arrestare l'inquinamento delle acque sotterranee nei siti contaminati, oltre ad adottare le necessarie misure di messa in sicurezza e di prevenzione dell'inquinamento delle acque, anche tramite conterminazione idraulica con emungimento e trattamento,...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 25

VALUTAZIONE DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE E DEGLI ESITI DELLA CONSULTAZIONE 1. Le attività tecnico-istruttorie per la valutazione d'impatto ambientale sono svolte dall'autorità competente. 2. L'autorità competente acquisisce e valuta tutta la documentazione presentata, le osservazioni,...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 252

SITI DI INTERESSE NAZIONALE 1. I siti di interesse nazionale, ai fini della bonifica, sono individuabili in relazione alle caratteristiche del sito, alle quantità e pericolosità degli inquinanti presenti, al rilievo dell'impatto sull'ambiente circostante in termini di rischio sanitario ed...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 263

PROVENTI DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE 1. I proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni di cui alle disposizioni della parte quarta del presente decreto sono devoluti alle province e sono destinati all'esercizio delle funzioni di controllo in materia ambientale,...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 267

PARTE QUINTA Norme in materia di tutela dell'aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera - TITOLO I Prevenzione e limitazione delle emissioni in atmosfera di impianti e attività - (CAMPO DI APPLICAZIONE) 1. Il presente titolo, ai fini della prevenzione e della limitazione dell'inquinamento...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 268

DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente titolo si applicano le seguenti definizioni: a) inquinamento atmosferico: ogni modificazione dell'aria atmosferica, dovuta all'introduzione nella stessa di una o di più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da ledere o da costituire un pericolo per...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 270

CONVOGLIAMENTO DELLE EMISSIONI 1. In sede di autorizzazione, l'autorità competente verifica se le emissioni diffuse di un impianto o di un macchinario fisso dotato di autonomi a funzionale sono tecnicamente convogliabili sulla base delle migliori tecniche disponibili e sulla base delle pertinenti...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 272

IMPIANTI E ATTIVITÀ IN DEROGA 1. L'autorità competente può prevedere, con proprio provvedimento generale, che i gestori degli impianti o delle attività elencati nella parte I dell'Allegato IV alla parte quinta del presente decreto comunichino alla stessa di ricadere in tale elenco nonché, in via...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 273

GRANDI IMPIANTI DI COMBUSTIONE 1. L'Allegato II alla parte quinta del presente decreto stabilisce, in relazione ai grandi impianti di combustione, i valori limite di emissione, inclusi quelli degli impianti multicombustibili, le modalità di monitoraggio e di controllo delle emissioni, i criteri...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 276

CONTROLLO DELLE EMISSIONI DI COV DERIVANTI DAL DEPOSITO DELLA BENZINA E DALLA SUA DISTRIBUZIONE DAI TERMINALI AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE 1. L'Allegato VII alla parte quinta del presente decreto stabilisce le prescrizioni che devono essere rispettate ai fini del controllo delle emissioni di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 285

CARATTERISTICHE TECNICHE 1. Gli impianti termici civili di potenza termica nominale superiore al valore di soglia devono rispettare le caratteristiche tecniche previste dalla parte II dell'allegato IX alla presente parte pertinenti al tipo di combustibile utilizzato. I piani e i programmi di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 290

DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI 1. Alla modifica e all'integrazione dell'Allegato IX alla parte quinta del presente decreto si provvede con le modalità previste dall'articolo 281, comma 5. 2. L'installazione di impianti termici civili centralizzati può essere imposta dai regolamenti edilizi...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 293

COMBUSTIBILI CONSENTITI 1. Negli impianti disciplinati dal titolo I e dal titolo II della parte quinta del presente decreto, inclusi gli impianti termici civili di potenza termica inferiore al valore di soglia, possono essere utilizzati esclusivamente i combustibili previsti per tali categorie di...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 294

PRESCRIZIONI PER IL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE 1. Al fine di ottimizzare il rendimento di combustione, gli impianti disciplinati dal titolo I della parte quinta del presente decreto, con potenza termica nominale pari o superiore a 6 MW, devono essere dotati di rilevatori della temperatura...

Decreto Legislativo del 2006 numero 152 art. 3

CRITERI PER L'ADOZIONE DEI PROVVEDIMENTI SUCCESSIVI 1. Le norme di cui al presente decreto non possono essere derogate, modificate o abrogate se non per dichiarazione espressa, mediante modifica o abrogazione delle singole disposizioni in esso contenute. 2. Entro due anni dalla data di...