Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 25901-25935 di 36004

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2004 art. 27

REQUISITI DI SICUREZZA DEI SISTEMI OPERATIVI 1. Il sistema operativo dei sistemi di elaborazione utilizzati nelle attività di certificazione per la generazione delle chiavi, la generazione dei certificati qualificati e la gestione del registro dei certificati qualificati, devono essere conformi...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2004 art. 28

SISTEMA DI GENERAZIONE DEI CERTIFICATI QUALIFICATI 1. La generazione dei certificati qualificati deve avvenire su un sistema utilizzato esclusivamente per la generazione di certificati, situato in locali adeguatamente protetti. 2. L'entrata e l'uscita dai locali protetti deve essere registrata...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2004 art. 40

TITOLO III Ulteriori regole per i certificatori accreditati (OBBLIGHI PER I CERTIFICATORI ACCREDITATI) 1. Il certificatore deve generare un certificato qualificato per ciascuna delle chiavi di firma elettronica avanzata utilizzate dal dipartimento per la sottoscrizione dell'elenco pubblico dei...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2004 art. 52

ESTENSIONE DELLA VALIDITA' DEL DOCUMENTO INFORMATICO 1. La validità di un documento informatico, i cui effetti si protraggano nel tempo oltre il limite della validità della chiave di sottoscrizione, può essere estesa mediante l'associazione di una marca temporale.

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 12

COMUNICAZIONE TRA CERTIFICATORE E CNIPA 1. I certificatori che rilasciano al pubblico certificati qualificati comunicano al CNIPA la casella di posta elettronica certificata da utilizzare per realizzare un sistema di comunicazione attraverso il quale scambiare le informazioni previste dal presente...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 21

REVOCA SU RICHIESTA DEL TERZO INTERESSATO 1. La richiesta di revoca da parte del terzo interessato da cui derivano i poteri di firma del titolare è inoltrata al certificatore munita di sottoscrizione e con la specificazione della sua decorrenza. 2. In caso di cessazione o modifica delle...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 24

SOSPENSIONE SU RICHIESTA DEL TITOLARE 1. La richiesta di sospensione è inoltrata al certificatore munita della sottoscrizione del titolare e con la specificazione della sua durata. 2. Il certificatore verifica l'autenticità della richiesta e procede alla sospensione entro il termine richiesto....

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 27

REVOCA DEI CERTIFICATI RELATIVI A CHIAVI DI CERTIFICAZIONE 1. La revoca del certificato relativo ad una coppia di chiavi di certificazione è consentita solo nei seguenti casi: a) compromissione della chiave privata; b) malfunzionamento del dispositivo sicuro per la generazione delle firme; c)...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 31

PIANO PER LA SICUREZZA 1. Il certificatore definisce un piano per la sicurezza nel quale sono contenuti almeno i seguenti elementi: a) struttura generale, modalità operativa e struttura logistica; b) descrizione dell'infrastruttura di sicurezza fisica rilevante ai fini dell'attività di...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 42

VERIFICA DELLE MARCHE TEMPORALI 1. I certificatori accreditati forniscono ovvero indicano almeno un sistema, conforme al successivo comma 2, che consenta di effettuare la verifica delle marche temporali. 2. Il CNIPA con il provvedimento di cui all'art. 3, comma 2, del presente decreto stabilisce...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 47

PRECISIONE DEI SISTEMI DI VALIDAZIONE TEMPORALE 1. Il riferimento temporale assegnato ad una marca temporale coincide con il momento della sua generazione, con una differenza non superiore ad un minuto secondo rispetto alla scala di tempo UTC(IEN), di cui al decreto del Ministro dell'industria,...

Decreto Presidente Consiglio Ministri del 2009 art. 8

GENERAZIONE DELLE CHIAVI AL DI FUORI DEL DISPOSITIVO DI FIRMA 1. Se la generazione delle chiavi avviene su un sistema diverso da quello destinato all'uso della chiave privata, il sistema di generazione assicura: a) l'impossibilità di intercettazione o recupero di qualsiasi informazione, anche...

Decreto Presidente Consiglio Ministri numero 13 art. 11

RIMOZIONE DEL VINCOLO DI DESTINAZIONE ALBERGHIERA 1. Ai fini della rimozione del vincolo di destinazione alberghiera in caso di interventi edilizi sugli esercizi alberghieri esistenti e limitatamente alla realizzazione della quota delle unità abitative ad uso residenziale, ove sia necessaria una...

Decreto Presidente Consiglio Ministri numero 13 art. 3

DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente decreto si intende per: a) condhotel: un esercizio alberghiero aperto al pubblico, a gestione unitaria, composto da una o più unità immobiliari ubicate nello stesso comune o da parti di esse, che forniscono alloggio, servizi accessori ed eventualmente vitto,...

Decreto Presidente Consiglio Ministri numero 13 art. 7

OBBLIGHI DEL GESTORE UNICO 1. Il gestore unico si impegna a garantire ai proprietari delle unità abitative ad uso residenziale, oltre alla prestazione di tutti i servizi previsti dalla normativa vigente, ivi inclusi quelli di cui alle rispettive leggi regionali e alle relative direttive di...

Decreto Presidente Consiglio Ministri numero 144 art. 10

DISPOSIZIONI FINALI 1. Le disposizioni del presente regolamento si applicano fino all'entrata in vigore dei decreti legislativi previsti nell'articolo 1, comma 28, della legge. 2. All'attuazione delle disposizioni del presente regolamento si provvede con le risorse umane, strumentali e...

Decreto Presidente Consiglio Ministri numero 144 art. 11

ENTRATA IN VIGORE 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica...

Delibera CICR del 1995 numero 2204 art. 1

Misura, composizione, modalità di versamento della cauzione da costituire a fronte della circolazione di assegni circolari o di altri titoli ad essi assimilabili o equiparabili. La Banca d'Italia determina la cauzione in misura non inferiore al 20% dell'importo degli assegni in circolazione. In...

Disposizioni sulla legge in generale - Preleggi art. 10

INIZIO DELL'OBBLIGATORIETÀ DELLE LEGGI E DEI REGOLAMENTI Le leggi e i regolamenti divengono obbligatori nel decimoquinto giorno successivo a quello della loro pubblicazione, salvo che sia altrimenti disposto [Cost. 73]. [Le norme corporative divengono obbligatorie nel giorno successivo a...

Disposizioni sulla legge in generale - Preleggi art. 5

abrogato NORME CORPORATIVE [Sono norme corporative le ordinanze corporative, gli accordi economici collettivi, i contratti collettivi di lavoro e le sentenze della magistratura del lavoro nelle controversie collettive.] (Le norme corporative sono state abrogate, quali fonti di diritto, per...

Legge Costituzionale del 2012 numero 1 art. 5

1. La legge di cui all'articolo 81, sesto comma, della Costituzione, come sostituito dall'articolo 1 della presente legge costituzionale, disciplina, per il complesso delle pubbliche amministrazioni, in particolare: a) le verifiche, preventive e consuntive, sugli andamenti di finanza pubblica; b)...

Legge del 1865 numero 2248 art. 11-E

1.Il modo col quale saranno rappresentate ed assistite le amministrazioni nei giudizi civili, e così anche il luogo e il modo della citazione delle amministrazioni stesse, saranno determinati con regolamento da approvarsi con decreto reale.

Legge del 1865 numero 2248 art. 14-E

1.Le controversie devolute in forza della presente legge ai Tribunali ordinari, le quali si trovino pendenti in primo grado di giurisdizione, saranno portate, mediante citazione, dalla parte più diligente avanti il Tribunale di circondario competente, e quelle che si trovino pendenti in secondo...

Legge del 1865 numero 2248 art. 16-E

1.Sono temporaneamente mantenuti nelle Province napoletane e siciliane i procedimenti riguardanti scioglimenti di promiscuità, divisione in massa e suddivisione dei demani comunali, e quelli di reintegra per occupazione o illegittima alienazione dei demani medesimi; ed i Prefetti continueranno ad...

Legge del 1913 numero 89 art. 119-120

1. Il conservatore e tesoriere dell'archivio mandamentale è nominato con decreto del Ministro per la giustizia e gli affari di culto, su proposta del conservatore dell'archivio notarile distrettuale e sentite le giunte dei comuni interessati, fra i notari titolari delle sedi notarili assegnate al...

Legge del 1913 numero 89 art. 149-bis

1. Il magistrato che presiede la Commissione decade dall'incarico se si iscrive all'albo dei praticanti notai, anche di altro distretto notarile, se presenta domanda di partecipazione al concorso per la nomina a notaio o se sopravviene una delle cause di incompatibilità previste dall'articolo 149,...

Legge del 1913 numero 89 art. 158-septies

1. Le misure cautelari sono adottate dalla Commissione, se sono richieste prima dell'apertura del procedimento o nel corso dello stesso, fino a quando la decisione della Commissione non è divenuta definitiva. 2. Se il procedimento pende dinanzi alla Corte d'appello od alla Corte di cassazione, per...

Legge del 1913 numero 89 art. 5-quater

abrogato [1. Presso il Ministero di grazia e giustizia è istituita la Commissione permanente per la conservazione, la gestione e l'aggiornamento del sistema per la prova di preselezione del concorso per la nomina a notaio e del relativo archivio informatico dei quesiti. La Commissione è formata...

Legge del 1913 numero 89 art. 66-ter

1. La tenuta del repertorio informatico, sostituisce gli indici previsti dall'articolo 62, comma sesto. (Articolo aggiunto dalla lettera i) del comma 1 dell'art. 1, D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 110)

Legge del 1941 numero 633 art. 15-bis

1. Agli autori spetta un compenso ridotto quando l'esecuzione, rappresentazione o recitazione dell'opera avvengono nella sede dei centri o degli istituti di assistenza, formalmente istituiti nonché delle associazioni di volontariato, purché destinate ai soli soci ed invitati e sempre che non vengano...

Legge del 1941 numero 633 art. 174-ter

1. Chiunque abusivamente utilizza, anche via etere o via cavo, duplica, riproduce, in tutto o in parte, con qualsiasi procedimento, anche avvalendosi di strumenti atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione, opere o materiali protetti, oppure acquista o noleggia supporti audiovisivi,...

Legge del 1941 numero 633 art. 199-bis

1. Le disposizioni della presente legge si applicano anche ai programmi creati prima della sua entrata in vigore, fatti salvi gli eventuali atti conclusi e i diritti acquisiti anteriormente a tale data. (Articolo aggiunto dall'art. 11, D.Lgs. 29 dicembre 1992, n. 518)