Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 3641-3675 di 36004

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 725

1. Sono incapaci, come indegni, di succedere: 1.° Chi avesse volontariamente ucciso o tentato di uccidere la persona della cui successione si tratta; 2.° Chi la avesse accusata di reato punibile con pena criminale, quando l'accusa sia stata dichiarata calunniosa in giudzio; 3.° Chi la avesse...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 843

1. E' nullo il legato di cosa che al tempo in cui fu fatto il testamento, era già in proprietà del legatario. 2. Che questi l'ha acquistata di pio dal testatore o da altri, ha diritto al prezzo, qualora concorrano le circostanze espresse nell'art. 837, e non ostante ciò che è stabilito dall'art....

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 937

1. Lo stesso ha luogo per la rinunzia fatta anche gratuitamente da uno degli eredi a vantaggio di uno o più de' suoi coeredi, come anche per quella fatta a profitto di tutti i suoi coeredi indistintamente quando per la rinunzia riceve un prezzo.

Disposizioni Attuative Codice di Procedura Civile art. 161-ter

VENDITE CON MODALITÀ TELEMATICHE 1. Il Ministro della giustizia stabilisce con proprio decreto le regole tecnico-operative per lo svolgimento della vendita di beni mobili e immobili mediante gara telematica nei casi previsti dal codice, nel rispetto dei princìpi di competitività, trasparenza,...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1014

1. La collazione è dovuta soltanto dal discendente coerede al suo coerede secondo l'art. 1001. Essa non è dovuta nè ad altri eredi, nè ai legatari, nè ai creditori ereditari, salvo che vi sia disposizione contraria del donante o testatore, e salvo che ciò è stabilito nell'art. 1026. 2. Il donatario...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1049

1. Il figlio che per alcuna delle cause espresse nel precedente articolo impugna la divisione fatta dall'ascendente, deve anticipare le spese della stima, e soccombendo nel giudizio definitivo sarà condannato nelle spese medesime e in quelle della lite.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1083

1. Le donazioni fatte da persone che non avevano figli o discendenti legittimi viventi al tempo della donazione, possono essere revocate per la sopravvenienza di un figlio legittimo del donante, benchè postumo, che sia nato vivo e vitale, o per la legittimazione di un figlio naturale per susseguente...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 763

1. Sono incapaci di testare: 1) coloro che non hanno compiuta l'età di diciotto anni; 2) gli interdetti per infermità di mente; 3) quelli che, quantunque non interdetti, si provi non essere stati sani di mente nel tempo in cui fecero testamento. 2. L'incapacità dichiarata nei numeri 2 e 3 nuoce...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1300

SEZIONE VII Delle azioni di nullità o di rescissione 1. Le azioni di nullità o di rescissione di un contratto durano per cinque anni in tutti i casi, nei quali non siano state ristrette a minor tempo (articolo 1531) da una legge particolare. 2. Questo tempo non comincia a decorrere nel caso di...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 44

1. Le disposizioni dei due precedenti articoli non pregiudicano la petizione di eredità, nè gli altri diritti che spettassero all'assente od ai suoi rappresentanti od aventi causa; questi diritti non si estinguono se non dopo decorso il tempo stabilito per la prescrizione.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 840

1. E' valido il legato di cosa mobile indeterminata di un genere o di una specie, benchè nessuna di tal genere o specie ve ne fosse nel patrimonio del testatore al tempo del testamento, o nessuna se ne trovi al tempo della morte.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1045

1. Queste divisioni possono farsi per atto tra vivi, o per testamento colle stesse formalità, condizioni e regole stabilite per le donazioni e per i testamenti. 2. Le divisioni fatte per atto tra vivi non possono comprendere che i beni presenti (articolo 1064).

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1311

1. La conferma, ratifica o esecuzione volontaria di una donazione o disposizione testamentaria per parte degli eredi o aventi causa dal donante o testatore, dopo la morte di lui, include la loro rinunzia ad opporre i vizi delle forme e qualunque altra eccezione.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 1821

1. L'obbligazione risultante da un prestito in danari è sempre della medesima somma numerica espressa nel contratto. 2. Accadendo aumento o diminuzione nelle monete prima che scada il termine del pagamento, il debitore deve restituire la somma numerica prestata, e non è obbligato a restituire...

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 448

1. Qualsiasi costruzione, piantagione od opera sopra o disotto il suolo si presume fatta dal proprietario a sue spese ed appartenergli, finchè non consti del contrario, senza pregiudizio però dei diritti legittimanente acquistati dai terzi.

Codice Civile 1865 del 1865 numero 2358 art. 837

1. Il legato di cosa altrui è nullo, salvo che sia espresso nel testamento, che il testatore sapeva essere cosa altrui: nel qual caso è in facoltà dell'erede o di acquistare la cosa legata per rimetterla al legatario o di pagarne a questo il giusto prezzo. 2. Se però la cosa legata, quantunque...