Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 2346-2380 di 36004

Codice Civile art. 796

RISERVA DI USUFRUTTO 1. E' permesso al donante di riservare l' usufrutto dei beni donati a proprio vantaggio, e dopo di lui a vantaggio di un' altra persona o anche di più persone, ma non successivamente.

Codice Civile art. 797

GARANZIA PER EVIZIONE 1. Il donante è tenuto a garanzia verso il donatario, per l' evizione che questi può soffrire delle cose donate, nei casi seguenti: 1) se ha espressamente promesso la garanzia; 2) se l' evizione dipende dal dolo o dal fatto personale di lui; 3) se si tratta di donazione...

Codice Civile art. 800

CAPO IV Della revocazione delle donazioni (CAUSE DI REVOCAZIONE) 1. La donazione può essere revocata per ingratitudine o per sopravvenienza di figli.

Codice Civile art. 813

DISTINZIONE DEI DIRITTI 1. Salvo che dalla legge risulti diversamente, le disposizioni concernenti i beni immobili si applicano anche ai diritti reali che hanno per oggetto beni immobili e alle azioni relative; le disposizioni concernenti i beni mobili si applicano a tutti gli altri diritti.

Codice Civile art. 815

BENI MOBILI ISCRITTI IN PUBBLICI REGISTRI 1. I beni mobili iscritti in pubblici registri sono soggetti alle disposizioni che li riguardano e, in mancanza, alle disposizioni relative ai beni mobili.

Codice Civile art. 816

UNIVERSALITA' DI MOBILI 1. E' considerata universalità di mobili la pluralità di cose che appartengono alla stessa persona e hanno una destinazione unitaria. 2. Le singole cose componenti la universalità possono formare oggetto di separati atti e rapporti giuridici.

Codice Civile art. 82

CAPO II Del matrimonio celebrato davanti a ministri del culto cattolico e del matrimonio celebrato davanti a ministri dei culti ammessi nello Stato (MATRIMONIO CELEBRATO DAVANTI A MINISTRI DI CULTO CATTOLICO) 1. Il matrimonio celebrato davanti a un ministro del culto cattolico è regolato in...

Codice Civile art. 823

CONDIZIONE GIURIDICA DEL DEMANIO PUBBLICO 1. I beni che fanno parte del demanio pubblico sono inalienabili e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi che li riguardano. 2. Spetta all' autorità amministrativa la tutela dei beni...

Codice Civile art. 825

DIRITTI DEMANIALI SU BENI ALTRUI 1. Sono parimenti soggetti al regime del demanio pubblico i diritti reali che spettano allo Stato, alle province e ai comuni su beni appartenenti ad altri soggetti, quando i diritti stessi sono costituiti per l' utilità di alcuno dei beni indicati dagli articoli...

Codice Civile art. 826

PATRIMONIO DELLO STATO, DELLE PROVINCE E DEI COMUNI 1. I beni appartenenti allo Stato, alle province e ai comuni, i quali non siano della specie di quelli indicati dagli articoli precedenti, costituiscono il patrimonio dello Stato o, rispettivamente, delle province e dei comuni. 2. Fanno parte...

Codice Civile art. 829

PASSAGGIO DI BENI DAL DEMANIO AL PATRIMONIO 1. Il passaggio dei beni dal demanio pubblico al patrimonio dello Stato deve essere dichiarato dall' autorità amministrativa. Dell' atto deve essere dato annunzio nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica. 2. Per quanto riguarda i beni delle provincie...

Codice Civile art. 83

MATRIMONIO CELEBRATO DAVANTI A MINISTRI DEI CULTI AMMESSI NELLO STATO) 1. Il matrimonio celebrato davanti a ministri dei culti ammessi nello Stato è regolato dalle disposizioni del capo seguente, salvo quanto è stabilito nella legge speciale concernente tale matrimonio.

Codice Civile art. 833

ATTI D'EMULAZIONE 1. Il proprietario non può fare atti i quali non abbiano altro scopo che quello di nuocere o recare molestia ad altri.

Codice Civile art. 840

CAPO II Della proprietà fondiaria - SEZIONE I Disposizioni generali - (SOTTOSUOLO E SPAZIO SOVRASTANTE AL SUOLO) 1. La proprietà del suolo si estende al sottosuolo, con tutto ciò che vi si contiene, e il proprietario può fare qualsiasi escavazione od opera che non rechi danno al vicino. Questa...

Codice Civile art. 861

OPERE DI COMPETENZA DEI PRIVATI 1. I proprietari degli immobili indicati dall' articolo precedente sono obbligati a eseguire, in conformità del piano generale di bonifica e delle connesse direttive di trasformazione agraria, le opere di competenza privata che siano d' interesse comune a più fondi...

Codice Civile art. 865

ESPROPRIAZIONE PER INOSSERVANZA DEGLI OBBLIGHI 1. Quando l' inosservanza degli obblighi imposti ai proprietari risulta tale da compromettere l' attuazione del piano di bonifica, può farsi luogo all' espropriazione parziale o totale del fondo appartenente al proprietario inadempiento osservate le...

Codice Civile art. 870

COMPARTI 1. Quando è prevista la formazione di comparti, costituenti unità fabbricabili, con speciali modalità di costruzione e di adattamento, gli aventi diritto sugli immobili compresi nel comparto devono regolare i loro reciproci rapporti in modo da rendere possibile l' attuazione del piano...

Codice Civile art. 873

SEZIONE VI Delle distanze nelle costruzioni, piantagioni e scavi, e dei muri, fossi e siepi interposti tra i fondi (DISTANZA NELLE COSTRUZIONI) 1. Le costruzioni su fondi finitimi, se non sono unite o aderenti, devono essere tenute a distanza non minore di tre metri. Nei regolamenti locali può...

Codice Civile art. 874

COMUNIONE FORZOSA DEL MURO SUL CONFINE 1. Il proprietario di un fondo contiguo al muro altrui può chiederne la comunione per tutta l' altezza o per parte di essa, purché lo faccia per tutta l' estensione della sua proprietà. Per ottenere la comunione deve pagare la metà del valore del muro, o...

Codice Civile art. 884

APPOGGIO E IMMISSIONE DI TRAVI E CATENE NEL MURO COMUNE 1. Il comproprietario di un muro comune può fabbricare appoggiandovi le sue costruzioni e può immettervi travi, purché le mantenga a distanza di cinque centimetri dalla superficie opposta, salvo il diritto dell' altro comproprietario di fare...

Codice Civile art. 89

DIVIETO TEMPORANEO DI NUOVE NOZZE 1. Non può contrarre matrimonio la donna, se non dopo trecento giorni dallo scioglimento, dall' annullamento o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio. Sono esclusi dal divieto i casi in cui lo scioglimento o la cessazione degli effetti...

Codice Civile art. 897

COMUNIONE DI FOSSI 1. Ogni fosso interposto tra due fondi si presume comune. 2. Si presume che il fosso appartenga al proprietario che se ne serve per gli scoli delle sue terre, o al proprietario del fondo dalla cui parte è il getto della terra o lo spurgo ammucchiatovi da almeno tre anni. 3. Se...

Codice Civile art. 911

APERTURE DI NUOVE SORGENTI E ALTRE OPERE 1. Chi vuole aprire sorgenti, stabilire capi o aste di fonte e in genere eseguire opere per estrarre acque dal sottosuolo o costruire canali o acquedotti, oppure scavarne, profondarne o allargarne il letto, aumentarne o diminuirne il pendio o variarne la...

Codice Civile art. 916

RIMOZIONE DEGLI INGOMBRI 1. Le disposizioni dell' articolo precedente si applicano anche quando si tratta di togliere un ingombro formatosi sulla superficie di un fondo o in un fosso, rivo, colatoio o altro alveo, a causa di materie in essi impigliate, in modo che le acque danneggino o minaccino...

Codice Civile art. 918

CONSORZI VOLONTARI 1. Possono costituirsi in consorzio i proprietari di fondi vicini che vogliano riunire e usare in comune le acque defluenti dal medesimo bacino di alimentazione o da bacini contigui. 2. L' adesione degli interessati e il regolamento del consorzio devono risultare da atto...

Codice Civile art. 922

CAPO III Dei modi di acquisto della proprietà (MODI DI ACQUISTO) 1. La proprietà si acquista per occupazione, per invenzione, per accessione, per specificazione, per unione o commistione, per usucapione, per effetto di contratti, per successione a causa di morte e negli altri modi stabiliti dalla...

Codice Civile art. 930

PREMIO DOVUTO AL RITROVATORE 1. Il proprietario deve pagare a titolo di premio al ritrovatore, se questi lo richiede, il decimo della somma o del prezzo della cosa ritrovata. 2. Se tale somma o prezzo eccede euro 5,16, il premio per il sovrappiù è solo del ventesimo. 3. Se la cosa non ha valore...

Codice Civile art. 936

OPERE FATTE DA UN TERZO CON MATERIALI PROPRI 1. Quando le piantagioni, costruzioni od opere sono state fatte da un terzo con suoi materiali, il proprietario del fondo ha diritto di ritenerle o di obbligare colui che le ha fatte a levarle. 2. Se il proprietario preferisce di ritenerle, deve pagare...

Codice Civile art. 938

OCCUPAZIONE DI PORZIONE DI FONDO ATTIGUO 1. Se nella costruzione di un edificio si occupa in buona fede una porzione del fondo attiguo, e il proprietario di questo non fa opposizione entro tre mesi dal giorno in cui ebbe inizio la costruzione, l' autorità giudiziaria, tenuto conto delle...

Codice Civile art. 939

UNIONE E COMMISTIONE 1. Quando più cose appartenenti a diversi proprietari sono state unite o mescolate in guisa da formare un sol tutto, ma sono separabili senza notevole deterioramento, ciascuno conserva la proprietà della cosa sua e ha diritto di ottenerne la separazione. In caso diverso, la...

Codice Civile art. 941

ALLUVIONE 1. Le unioni di terra e gli incrementi, che si formano successivamente e impercettibilmente nei fondi posti lungo le rive dei fiumi o torrenti, appartengono al proprietario del fondo, salvo quanto è disposto dalle leggi speciali.

Codice Civile art. 942

TERRENI ABBANDONATI DALLE ACQUE CORRENTI 1. I terreni abbandonati dalle acque correnti, che insensibilmente si ritirano da una delle rive portandosi sull' altra, appartengono al demanio pubblico, senza che il confinante della riva opposta possa reclamare il terreno perduto. 2. Ai sensi del primo...

Codice Civile art. 946

ALVEO ABBANDONATO 1. Se un fiume o torrente si forma un nuovo letto, abbandonando l' antico, il terreno abbandonato rimane assoggettato al regime proprio del demanio pubblico.

Codice Civile art. 952

TITOLO III Della superficie (COSTITUZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE) 1. Il proprietario può costituire il diritto di fare e mantenere al di sopra del suolo una costruzione a favore di altri, che ne acquista la proprietà. 2. Del pari può alienare la proprietà della costruzione già esistente,...

Codice Civile art. 956

DIVIETO DI PROPRIETA' SEPARATA DELLE PIANTAGIONI 1. Non può essere costituita o trasferita la proprietà delle piantagioni separatamente dalla proprietà del suolo.