Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

art civile codice

Risultati 2451-2485 di 35985

Codice Civile art. 1236

SEZIONE II Della remissione (DICHIARAZIONE DI REMISSIONE DEL DEBITO) 1. La dichiarazione del creditore di rimettere il debito estingue l' obbligazione quando è comunicata al debitore, salvo che questi dichiari in un congruo termine di non volerne profittare.

Codice Civile art. 1241

SEZIONE III Della compensazione - (ESTINZIONE PER COMPENSAZIONE) 1. Quando due persone sono obbligate l' una verso l' altra, i due debiti si estinguono per le quantità corrispondenti, secondo le norme degli articoli che seguono.

Codice Civile art. 1246

CASI IN CUI LA COMPENSAZIONE NON SI VERIFICA 1. La compensazione si verifica qualunque sia il titolo dell' uno o dell' altro debito, eccettuati i casi: 1) di credito per la restituzione di cose di cui il proprietario sia stato ingiustamente spogliato; 2) di credito per la restituzione di cose...

Codice Civile art. 1248

INOPPONIBILITA' DELLA COMPENSAZIONE 1. Il debitore, se ha accettato puramente e semplicemente la cessione che il creditore ha fatta delle sue ragioni a un terzo, non può opporre al cessionario la compensazione che avrebbe potuto opporre al cedente. 2. La cessione non accettata dal debitore, ma a...

Codice Civile art. 1259

SUBINGRESSO DEL CREDITORE NEI DIRITTI DEL DEBITORE 1. Se la prestazione che ha per oggetto una cosa determinata è divenuta impossibile, in tutto o in parte, il creditore subentra nei diritti spettanti al debitore in dipendenza del fatto che ha causato l' impossibilità, e può esigere dal debitore...

Codice Civile art. 1260

CAPO V Della cessione dei crediti (CEDIBILITA' DEI CREDITI) 1. Il creditore può trasferire a titolo oneroso o gratuito il suo credito anche senza il consenso del debitore, purché il credito non abbia carattere strettamente personale o il trasferimento non sia vietato dalla legge. 2. Le parti...

Codice Civile art. 127

INTRASMISSIBILITA' 1. L' azione per impugnare il matrimonio non si trasmette agli eredi se non quando il giudizio è già pendente alla morte dell' attore.

Codice Civile art. 1279

CLAUSOLA DI PAGAMENTO EFFETTIVO IN MONETE NON AVENTI CORSO LEGALE 1. La disposizione dell' articolo precedente non si applica, se la moneta non avente corso legale nello Stato è indicata con la clausola «effettivo» o altra equivalente, salvo che alla scadenza dell' obbligazione non sia possibile...

Codice Civile art. 1303

CONFUSIONE 1. Se nella medesima persona si riuniscono le qualità di creditore e di debitore in solido, l' obbligazione degli altri debitori si estingue per la parte di quel condebitore. 2. Se nella medesima persona si riuniscono le qualità di debitore e di creditore in solido, l' obbligazione si...

Codice Civile art. 1306

SENTENZA 1. La sentenza pronunziata tra il creditore e uno dei debitori in solido, o tra il debitore e uno dei creditori in solido, non ha effetto contro gli altri debitori o contro gli altri creditori. 2. Gli altri debitori possono opporla al creditore, salvo che sia fondata sopra ragioni...

Codice Civile art. 1307

INADEMPIMENTO 1. Se l' adempimento dell' obbligazione è divenuto impossibile per causa imputabile a uno o più condebitori, gli altri condebitori non sono liberati dall' obbligo solidale di corrispondere il valore della prestazione dovuta. Il creditore può chiedere il risarcimento del danno...

Codice Civile art. 1308

COSTITUZIONE IN MORA 1. La costituzione in mora di uno dei debitori in solido non ha effetto riguardo agli altri, salvo il disposto dell' articolo 1310. 2. La costituzione in mora del debitore da parte di uno dei creditori in solido giova agli altri.

Codice Civile art. 1313

INSOLVENZA DI UN CONDEBITORE IN CASO DI RINUNZIA ALLA SOLIDARIETA' 1. Nel caso di rinunzia del creditore alla solidarietà verso alcuno dei debitori, se uno degli altri è insolvente, la sua parte di debito è ripartita per contributo fra tutti i condebitori, compreso quello che era stato liberato...

Codice Civile art. 1318

INDIVISIBILITA' NEI CONFRONTI DEGLI EREDI 1. L' indivisibilità opera anche nei confronti degli eredi del debitore o di quelli del creditore.

Codice Civile art. 132

MANCANZA DELL'ATTO DI CELEBRAZIONE 1. Nel caso di distruzione o di smarrimento dei registri dello stato civile l' esistenza del matrimonio può essere provata a norma dell' articolo 452. 2. Quando vi sono indizi che per dolo o per colpa del pubblico ufficiale o per un caso di forza maggiore l'...

Codice Civile art. 1327

ESECUZIONE PRIMA DELLA RISPOSTA DELL'ACCETTANTE 1. Qualora, su richiesta del proponente o per la natura dell' affare o secondo gli usi, la prestazione debba eseguirsi senza una preventiva risposta, il contratto è concluso nel tempo e nel luogo in cui ha avuto inizio l' esecuzione. 2. L'...

Codice Civile art. 1330

MORTE O INCAPACITA' DELL'IMPRENDITORE 1. La proposta o l' accettazione, quando è fatta dall' imprenditore nell' esercizio della sua impresa, non perde efficacia se l' imprenditore muore o diviene incapace prima della conclusione del contratto, salvo che si tratti di piccoli imprenditori o che...

Codice Civile art. 1334

EFFICACIA DEGLI ATTI UNILATERALI 1. Gli atti unilaterali producono effetto dal momento in cui pervengono a conoscenza della persona alla quale sono destinati.

Codice Civile art. 1337

TRATTATIVE E RESPONSABILITA' PRECONTRATTUALE 1. Le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, devono comportarsi secondo buona fede.

Codice Civile art. 1345

MOTIVO ILLECITO 1. Il contratto è illecito quando le parti si sono determinate a concluderlo esclusivamente per un motivo illecito comune ad entrambe.

Codice Civile art. 1347

POSSIBILITA' SOPRAVVENUTA DELL'OGGETTO 1. Il contratto sottoposto a condizione sospensiva o a termine è valido, se la prestazione inizialmente impossibile diviene possibile prima dell' avveramento della condizione o della scadenza del termine.

Codice Civile art. 1350

SEZIONE IV Della forma del contratto (ATTI CHE DEVONO FARSI PER ISCRITTO) 1. Devono farsi per atto pubblico o per scrittura privata, sotto pena di nullità: 1) i contratti che trasferiscono la proprietà di beni immobili; 2) i contratti che costituiscono, modificano o trasferiscono il diritto di...

Codice Civile art. 1359

AVVERAMENTO DELLA CONDIZIONE 1. La condizione si considera avverata qualora sia mancata per causa imputabile alla parte che aveva interesse contrario all' avveramento di essa.

Codice Civile art. 1360

RETROATTIVITA' DELLA CONDIZIONE 1. Gli effetti dell' avveramento della condizione retroagiscono al tempo in cui è stato concluso il contratto, salvo che, per volontà delle parti o per la natura del rapporto, gli effetti del contratto o della risoluzione debbano essere riportati a un momento...

Codice Civile art. 1363

INTERPRETAZIONE COMPLESSIVA DELLE CLAUSOLE 1. Le clausole del contratto si interpretano le une per mezzo delle altre, attribuendo a ciascuna il senso che risulta dal complesso dell' atto.

Codice Civile art. 1367

CONSERVAZIONE DEL CONTRATTO 1. Nel dubbio, il contratto o le singole clausole devono interpretarsi nel senso in cui possono avere qualche effetto, anziché in quello secondo cui non ne avrebbero alcuno.

Codice Civile art. 1383

DIVIETO DI CUMULO 1. Il creditore non può domandare insieme la prestazione principale e la penale, se questa non è stata stipulata per il semplice ritardo.

Codice Civile art. 1385

CAPARRA CONFIRMATORIA 1. Se al momento della conclusione del contratto una parte dà all' altra, a titolo di caparra, una somma di danaro o una quantità di altre cose fungibili, la caparra, in caso di adempimento, deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta. 2. Se la parte che ha...

Codice Civile art. 1395

CONTRATTO CON SE STESSO 1. E' annullabile il contratto che il rappresentante conclude con se stesso, in proprio o come rappresentante di un' altra parte, a meno che il rappresentato lo abbia autorizzato specificatamente ovvero il contenuto del contratto sia determinato in modo da escludere la...

Codice Civile art. 1398

RAPPRESENTANZA SENZA POTERE 1. Colui che ha contrattato come rappresentante senza averne i poteri o eccedendo i limiti delle facoltà conferitegli, è responsabile del danno che il terzo contraente ha sofferto per avere confidato senza sua colpa nella validità del contratto.

Codice Civile art. 14

CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni (ATTO COSTITUTIVO) 1. Le associazioni e le fondazioni devono essere costituite con atto pubblico. 2. La fondazione può essere disposta anche con testamento.

Codice Civile art. 1401

CAPO VII Del contratto per persona da nominare (RISERVA DI NOMINA DEL CONTRAENTE) 1. Nel momento della conclusione del contratto una parte può riservarsi la facoltà di nominare successivamente la persona che deve acquistare i diritti e assumere gli obblighi nascenti dal contratto stesso.

Codice Civile art. 1408

RAPPORTI FRA CONTRAENTE CEDUTO E CEDENTE 1. Il cedente è liberato dalle sue obbligazioni verso il contraente ceduto dal momento in cui la sostituzione diviene efficace nei confronti di questo. 2. Tuttavia il contraente ceduto, se ha dichiarato di non liberare il cedente, può agire contro di lui...

Codice Civile art. 1413

ECCEZIONI OPPONIBILI DAL PROMITTENTE AL TERZO 1. Il promittente può opporre al terzo le eccezioni fondate sul contratto dal quale il terzo deriva il suo diritto, ma non quelle fondate su altri rapporti tra promittente e stipulante.