Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

amministratore art sostegno

Risultati 4166-4200 di 29744

Codice Civile art. 985

MIGLIORAMENTI 1. L' usufruttuario ha diritto a un' indennità per i miglioramenti che sussistono al momento della restituzione della cosa. 2. L' indennità si deve corrispondere nella minor somma tra l' importo della spesa e l' aumento del valore conseguito dalla cosa per effetto dei...

Codice Civile art. 987

MINIERE, CAVE E TORBIERE 1. L' usufruttuario gode delle cave e torbiere già aperte e in esercizio all' inizio dell' usufrutto. Non ha facoltà di aprirne altre senza il consenso del proprietario. 2. Per le ricerche e le coltivazioni minerarie, di cui abbia ottenuto il permesso, l' usufruttuario...

Codice Civile art. 991

ALBERI FRUTTIFERI 1. Gli alberi fruttiferi che periscono e quelli divelti o spezzati per accidente appartengono all' usufruttuario, ma questi ha l' obbligo di sostituirne altri.

Codice Civile art. 992

PALI PER VIGNE E PER ALTRE COLTIVAZIONI 1. L' usufruttuario può prendere nei boschi i pali occorrenti per le vigne e per le altre coltivazioni che ne abbisognano, osservando sempre la pratica costante della regione.

Codice Civile art. 993

SEMENZAI 1. L' usufruttuario può servirsi dei piantoni dei semenzai, ma deve osservare la pratica costante della regione per il tempo e il modo dell' estrazione e per la rimessa dei virgulti.

Codice Civile art. 998

SCORTE VIVE E MORTE 1. Le scorte vive e morte di un fondo devono essere restituite in eguale quantità e qualità. L' eccedenza o la deficienza di esse deve essere regolata in danaro, secondo il loro valore al termine dell' usufrutto.

Codice Penale art. 120

CAPO IV Della persona offesa dal reato (DIRITTO DI QUERELA) 1. Ogni persona offesa da un reato per cui non debba procedersi d'ufficio o dietro richiesta o istanza ha diritto di querela. 2. Per i minori degli anni quattordici e per gli interdetti a cagione di infermità di mente, il diritto di...

Codice Penale art. 157

PRESCRIZIONE. TEMPO NECESSARIO A PRESCRIVERE. La prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e comunque un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto e a quattro anni se si tratta di contravvenzione, ancorché...

Codice Penale art. 318

CORRUZIONE PER UN ATTO D'UFFICIO 1. Il pubblico ufficiale che, per l'esercizio delle sue funzioni o dei suoi poteri, indebitamente riceve, per sè o per un terzo, denaro o altra utilità o ne accetta la promessa è punito con la reclusione da uno a cinque anni. (Articolo così sostituito prima...

Codice Penale art. 331

INTERRUZIONE DI UN SERVIZIO PUBBLICO O DI PUBBLICA NECESSITA' 1. Chi esercitando imprese di servizi pubblici o di pubblica necessità , interrompe il servizio, ovvero sospende il lavoro nei suoi stabilimenti , uffici o aziende, in modo da turbare la regolarità del servizio, è punito con la...

Codice Penale art. 334

SOTTRAZIONE O DANNEGGIAMENTO DI COSE SOTTOPOSTE A SEQUESTRO DISPOSTO NEL CORSO DI UN PROCEDIMENTO PENALE O DALL'AUTORITÀ AMMINISTRATIVA Chiunque sottrae, sopprime, distrugge, disperde o deteriora una cosa sottoposta a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall'autorità...

Codice Penale art. 474

INTRODUZIONE NELLO STATO E COMMERCIO DI PRODOTTI CON SEGNI FALSI 1. Fuori dei casi di concorso nei reati previsti dall'articolo 473, chiunque introduce nel territorio dello Stato, al fine di trarne profitto, prodotti industriali con marchi o altri segni distintivi, nazionali o esteri, contraffatti...

Codice Penale art. 485

FALSITÀ IN SCRITTURA PRIVATA [Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, forma, in tutto o in parte, una scrittura privata falsa, o altera una scrittura privata vera, è punito, qualora ne faccia uso o lasci che altri ne faccia uso, con la reclusione...

Codice Penale art. 489

USO DI ATTO FALSO Chiunque senza essere concorso nella falsità, fa uso di un atto falso soggiace alle pene stabilite negli articoli precedenti, ridotte di un terzo. [Qualora si tratti di scritture private, chi commette il fatto è punibile soltanto se ha agito al fine di procurare a sé o ad...

Codice Penale art. 493

FALSITA' COMMESSE DA PUBBLICI IMPIEGATI INCARICATI DI UN SERVIZIO PUBBLICO 1. Le disposizioni degli articoli precedenti sulle falsità commesse dai pubblici uffuciali si applicano altresì agli impiegati dello Stato, o di un altro ente pubblico, incaricati di un pubblico servizio relativamente agli...

Codice Penale art. 53

USO LEGITTIMO DELLE ARMI 1. Ferme le disposizioni contenute nei due articoli precedenti, non è punibile il pubblico ufficiale che, al fine di adempiere un dovere del proprio ufficio, fa uso ovvero ordina di far uso delle armi o di altro mezzo di coazione fisica, quando vi è costretto dalla...

Codice Penale art. 556

TITOLO XI Dei delitti contro la famiglia - CAPO I Dei delitti contro il matrimonio - (BIGAMIA) 1. Chiunque, essendo legato da matrimonio avente effetti civili, ne contrae un altro, pure avente effetti civili, è punito con la reclusione da uno a cinque anni. Alla stessa pena soggiace chi, non...

Codice Penale art. 583

CIRCOSTANZE AGGRAVANTI 1. La lesione personale è grave e si applica la reclusione da tre a sette anni: 1. se dal fatto deriva una malattia che metta in pericolo la vita della persona offesa, ovvero una malattia o un'incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per un tempo superiore ai...

Codice Penale art. 617

COGNIZIONE, INTERRUZIONE O IMPEDIMENTO ILLECITI DI COMUNICAZIONI O CONVERSAZIONI TELEGRAFICHE O TELEFONICHE Chiunque, fraudolentemente, prende cognizione di una comunicazione o di una conversazione, telefoniche o telegrafiche, tra altre persone o comunque a lui non dirette, ovvero le interrompe o...

Codice Penale art. 647

APPROPRIAZIONE DI COSE SMARRITE, DEL TESORO O DI COSE AVUTE PER ERRORE O CASO FORTUITO [È punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a un anno o con la multa da euro 30 a euro 309: 1. chiunque, avendo trovato denaro o cose da altri smarrite, se li appropria, senza osservare...

Codice Penale art. 721

ELEMENTI ESSENZIALI DEL GIUOCO D'AZZARDO. CASE DA GIUOCO 1. Agli effetti delle disposizioni precedenti: sono giuochi di azzardo quelli nei quali ricorre il fine di lucro e la vincita o la perdita è interamente o quasi interamente aleatoria; sono case da giuoco i luoghi di convegno destinati al...

Codice Penale art. 723

ESERCIZIO ABUSIVO DI UN GIUOCO NON D'AZZARDO 1. Chiunque, essendo autorizzato a tenere sale da giuoco o da biliardo, tollera che vi si facciano giuochi non d'azzardo, ma tuttavia vietati dall'Autorità. È punito con l'ammenda da lire 10.000 a lire 200.000. 2. Nei casi preveduto dai num. 3 e 4...

Costituzione Italiana art. 1

PRINCIPI FONDAMENTALI 1. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. 2. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Costituzione Italiana art. 10

1. L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. 2. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. 3. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese...

Costituzione Italiana art. 101

TITOLO IV La Magistratura - SEZIONE I Ordinamento giurisdizionale 1. La giustizia è amministrata in nome del popolo. 2. I giudici sono soggetti soltanto alla legge.

Costituzione Italiana art. 105

1. Spettano al Consiglio superiore della Magistratura, secondo le norme dell' ordinamento giudiziario, le assuzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati.

Costituzione Italiana art. 107

1. I magistrati sono inamovibili. Non possono essere dispensati o sospesi dal servizio né destinati ad altre sedi o funzioni in se non in seguito a decisione del Consiglio superiore della Magistratura, adottata o per i motivi e con le garanzie di difesa stabilite dall' ordinamento giudiziario o con...

Costituzione Italiana art. 114

1. La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. 2. I Comuni, le Province, le Città metropolitane, e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione. 3. Roma è la...

Costituzione Italiana art. 126

1. Con decreto motivato del Presidente della Repubblica sono disposti lo scioglimento del Consiglio regionale e la rimozione del Presidente della Giunta che abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge. Lo scioglimento e la rimozione possono altresì essere disposti...

Costituzione Italiana art. 130

[1. Un organo della Regione, costituito nei modi stabiliti da legge della Repubblica, esercita, anche in forma decentrata, il controllo di legittimità sugli atti delle Province, dei Comuni e degli altri enti locali. 2. In casi determinati dalla legge può essere esercitato il controllo di merito,...

Costituzione Italiana art. 135

1. La Corte costituzionale è composta di quindici giudici nominati per un terzo dal Presidente della Repubblica, per un terzo dal Parlamento in seduta comune e per un terzo dalle supreme magistrature ordinaria ed amministrativa. 2. I giudici della Corte costituzionale sono scelti tra i magistrati...

Costituzione Italiana art. 137

1. Una legge costituzionale stabilisce le condizioni, le forme, i termini di proponibilità dei giudizi di legittimità costituzionale, e le garanzie di indipendenza dei giudici della Corte. 2. Con legge ordinaria sono stabilite le altre norme necessarie per la costituzione e il funzionamento della...

Costituzione Italiana art. 17

1. I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz' armi. 2. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. 3. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di...

Costituzione Italiana art. 18

1. I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale. 2. Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.