Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

amministratore art sostegno

Risultati 1506-1540 di 29744

Codice Civile art. 370

AMMINISTRAZIONE PRIMA DELL'INVENTARIO 1. Prima che sia compiuto l' inventario, l' amministrazione del tutore deve limitarsi agli affari che non ammettono dilazione.

Codice Civile art. 372

INVESTIMENTO DI CAPITALI 1. I capitali del minore devono, previa autorizzazione del giudice tutelare, essere dal tutore investiti: 1) in titoli dello Stato o garantiti dallo Stato; 2) nell' acquisto di beni immobili posti nello Stato; 3) in mutui garantiti da idonea ipoteca sopra beni posti...

Codice Civile art. 384

RIMOZIONE E SOSPENSIONE DEL TUTORE 1. Il giudice tutelare può rimuovere dall' ufficio il tutore che si sia reso colpevole di negligenza o abbia abusato dei suoi poteri, o si sia dimostrato inetto nell' adempimento di essi, o sia divenuto immeritevole dell' ufficio per atti anche estranei alla...

Codice Civile art. 387

PRESCRIZIONE DELLE AZIONI RELATIVE ALLA TUTELA 1. Le azioni del minore contro il tutore e quelle del tutore contro il minore relative alla tutela si prescrivono in cinque anni dal compimento della maggiore età o dalla morte del minore. Se il tutore ha cessato dall' ufficio e ha presentato il...

Codice Civile art. 395

RIFIUTO DEL CONSENSO DA PARTE DEL CURATORE 1. Nel caso in cui il curatore rifiuta il suo consenso, il minore può ricorrere al giudice tutelare, il quale, se stima ingiustificato il rifiuto, nomina un curatore speciale per assistere il minore nel compimento dell' atto, salva, se occorre, l'...

Codice Civile art. 40

RESPONSABILITA' DEGLI ORGANIZZATORI 1. Gli organizzatori e coloro che assumono la gestione dei fondi raccolti sono responsabili personalmente e solidalmente della conservazione dei fondi e della loro destinazione allo scopo annunziato.

Codice Civile art. 401

LIMITI DI APPLICAZIONE DELLE NORME Le disposizioni del presente titolo si applicano anche ai minori che sono figli di genitori non conosciuti, ovvero figli di genitori che si trovino nell'impossibilità di provvedere al loro mantenimento. (Comma prima sostituito dall'art. 8, L. 8 marzo 1975, n....

Codice Civile art. 41

RESPONSABILITA' DEI COMPONENTI. RAPPRESENTAZA IN GIUDIZIO 1. Qualora il comitato non abbia ottenuto la personalità giuridica, i suoi componenti rispondono personalmente e solidalmente delle obbligazioni assunte. I sottoscrittori sono tenuti soltanto a effettuare le oblazioni promesse. 2. Il...

Codice Civile art. 43

TITOLO III Del domicilio e della residenza (DOMICILIO E RESIDENZA) 1. Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi. 2. La residenza è nel luogo in cui la persona ha la dimora abituale.

Codice Civile art. 431

DECORRENZA DEGLI EFFETTI DELLA SENTENZA DI REVOCA 1. La sentenza che revoca l' interdizione o l' inabilitazione produce i suoi effetti appena passata in giudicato. 2. Tuttavia gli atti compiuti dopo la pubblicazione della sentenza di revoca non possono essere impugnati se non quando la revoca è...

Codice Civile art. 434

CESSAZIONE DELL'OBBLIGO TRA AFFINI 1. L' obbligazione alimentare del suocero e della suocera e quella del genero e della nuora cessano: 1) quando la persona che ha diritto agli alimenti è passata a nuove nozze; 2) quando il coniuge, da cui deriva l' affinità, e i figli nati dalla sua unione...

Codice Civile art. 441

CONCORSO DI OBBLIGATI 1. Se più persone sono obbligate nello stesso grado alla prestazione degli alimenti, tutte devono concorrere alla prestazione stessa, ciascuna in proporzione delle proprie condizioni economiche. 2. Se le persone chiamate in grado anteriore alla prestazione non sono in...

Codice Civile art. 451

FORZA PROBATORIA DEGLI ATTI 1. Gli atti dello stato civile fanno prova, fino a querela di falso, di ciò che l' ufficiale pubblico attesta essere avvenuto alla sua presenza o da lui compiuto. 2. Le dichiarazioni dei comparenti fanno fede fino a prova contraria. 3. Le indicazioni estranee all'...

Codice Civile art. 454

RETTIFICAZIONI [1. La rettificazione degli atti dello stato civile si fa in forza di sentenza del tribunale passata in giudicato, con la quale si ordina all'ufficiale dello stato civile di rettificare un atto esistente nei registri o di ricevere un atto omesso o di rinnovare un atto smarrito o...

Codice Civile art. 457

DELAZIONE DELL'EREDITA' 1. L' eredità si devolve per legge o per testamento. 2. Non si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria. 3. Le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari.

Codice Civile art. 461

RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAL CHIAMATO 1. Se il chiamato rinunzia all' eredità, le spese sostenute per gli atti indicati dall' articolo precedente sono a carico dell' eredità.

Codice Civile art. 463

CASI D' INDEGNITÀ E' escluso dalla successione come indegno: 1) chi ha volontariamente ucciso o tentato di uccidere la persona della cui successione si tratta, o il coniuge, o un discendente, o un ascendente della medesima, purché non ricorra alcuna delle cause che escludono la punibilità a...

Codice Civile art. 464

RESTITUZIONE DEI FRUTTI 1. L' indegno è obbligato a restituire i frutti che gli sono pervenuti dopo l' apertura della successione.

Codice Civile art. 468

SOGGETTI La rappresentazione ha luogo, nella linea retta, a favore dei discendenti dei figli anche adottivi, e, nella linea collaterale, a favore dei discendenti dei fratelli e delle sorelle del defunto. (Comma così modificato dall’art. 68, comma 1, D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere...

Codice Civile art. 472

EREDITA' DEVOLUTE A MINORI EMANCIPATI O A INABILITATI 1. I minori emancipati e gli inabilitati non possono accettare le eredità, se non col beneficio d' inventario, osservate le disposizioni dell' articolo 394.

Codice Civile art. 475

ACCETTAZIONE ESPRESSA 1. L' accettazione è espressa quando, in un atto pubblico o in una scrittura privata, il chiamato all' eredità ha dichiarato di accettarla, oppure ha assunto il titolo di erede. 2. E' nulla la dichiarazione di accettare sotto condizione o a termine. 3. Parimenti è nulla...

Codice Civile art. 48

TITOLO IV Dell' assenza e della dichiarazione di morte presunta CAPO I Dell' assenza (CURATORE DELLO SCOMPARSO) 1. Quando una persona non è più comparsa nel luogo del suo ultimo domicilio o dell' ultima sua residenza e non se ne hanno più notizie, il tribunale dell' ultimo domicilio o dell' ultima...

Codice Civile art. 482

IMPUGNAZIONE PER VIOLENZA O DOLO 1. L' accettazione dell' eredità si può impugnare quando è effetto di violenza o di dolo. 2. L' azione si prescrive in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o è stato scoperto il dolo.

Codice Civile art. 488

DICHIARAZIONE IN CASO DI TERMINE FISSATO DALL'AUTORITA' GIUDIZIARIA 1. Il chiamato all' eredità che non è nel possesso di beni ereditari, qualora gli sia stato assegnato un termine a norma dell' articolo 481, deve, entro detto termine, compiere anche l' inventario; se fa la dichiarazione e non...

Codice Civile art. 492

GARANZIA 1. Se i creditori o altri aventi interesse lo richiedono, l' erede deve dare idonea garanzia per il valore dei beni mobili compresi nell' inventario, per i frutti degli immobili e per il prezzo dei medesimi che sopravanzi al pagamento dei creditori ipotecari.

Codice Civile art. 498

LIQUIDAZIONE DELL'EREDITA' IN CASO DI OPPOSIZIONE 1. Qualora entro il termine indicato nell' articolo 495 gli sia stata notificata opposizione da parte di creditori o di legatari, l' erede non può eseguire pagamenti, ma deve provvedere alla liquidazione dell' eredità nell' interesse di tutti i...

Codice Civile art. 50

IMMISSIONE NEL POSSESSO TEMPORANEO DI BENI 1. Divenuta eseguibile la sentenza che dichiara l' assenza, il tribunale, su istanza di chiunque vi abbia interesse o del pubblico ministero, ordina l' apertura degli atti di ultima volontà dell' assente, se vi sono. 2. Coloro che sarebbero eredi...

Codice Civile art. 511

SPESE 1. Le spese dell' apposizione dei sigilli, dell' inventario e di ogni altro atto dipendente dall' accettazione con beneficio d' inventario sono a carico dell' eredità.

Codice Civile art. 512

CAPO VI Della separazione dei beni del defunto da quelli dell'erede (OGGETTO DELLA SEPARAZIONE) 1. La separazione dei beni del defunto da quelli dell' erede assicura il soddisfacimento, con i beni del defunto, dei creditori di lui e dei legatari che l' hanno esercitata, a preferenza dei...

Codice Civile art. 514

RAPPORTI TRA CREDITORI SEPARATISTI E NON SEPARATISTI 1. I creditori e i legatari che hanno esercitato la separazione hanno diritto di soddisfarsi sui beni separati a preferenza dei creditori e dei legatari che non l' hanno esercitata, quando il valore della parte di patrimonio non separata...

Codice Civile art. 518

SEPARAZIONE RIGUARDO AGLI IMMOBILI 1. Riguardo agli immobili e agli altri beni capaci d' ipoteca, il diritto alla separazione si esercita mediante l' iscrizione del credito o del legato sopra ciascuno dei beni stessi. L' iscrizione si esegue nei modi stabiliti per iscrivere le ipoteche,...