Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

amministratore art sostegno

Risultati 2731-2765 di 29594

Codice Civile art. 2906

EFFETTI 1. Non hanno effetto in pregiudizio del creditore sequestrante le alienazioni e gli altri atti che hanno per oggetto la cosa sequestrata, in conformità delle regole stabilite per il pignoramento. 2. Non ha parimenti effetto in pregiudizio del creditore opponente il pagamento eseguito dal...

Codice Civile art. 2908

EFFETTI COSTITUTIVI DELLE SENTENZE 1. Nei casi previsti dalla legge, l' autorità giudiziaria può costituire, modificare o estinguere rapporti giuridici, con effetto tra le parti, i loro eredi o aventi causa.

Codice Civile art. 291

CONDIZIONI (Intitolazione così sostituita dall'art. 58, L. 4 maggio 1983, n. 184, recante disciplina dell'adozione e dell'affidamento dei minori) L'adozione è permessa alle persone che non hanno discendenti legittimi o legittimati, che hanno compiuto gli anni trentacinque e che superano almeno di...

Codice Civile art. 2917

ESTINZIONE DEL CREDITO PIGNORATO 1. Se oggetto del pignoramento è un credito, l' estinzione di esso per cause verificatesi in epoca successiva al pignoramento non ha effetto in pregiudizio del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell' esecuzione.

Codice Civile art. 2918

CESSIONI E LIBERAZIONI DI PIGIONI E DI FITTI 1. Le cessioni e le liberazioni di pigioni e di fitti non ancora scaduti per un periodo eccedente i tre anni non hanno effetto in pregiudizio del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell' esecuzione, se non sono trascritte...

Codice Civile art. 2922

VIZI DELLA COSA. LESIONE 1. Nella vendita forzata non ha luogo la garanzia per i vizi della cosa. 2. Essa non può essere impugnata per causa di lesione.

Codice Civile art. 2933

ESECUZIONE FORZATA DEGLI OBBLIGHI DI NON FARE 1. Se non è adempiuto un obbligo di non fare, l' avente diritto può ottenere che sia distrutto, a spese dell' obbligato, ciò che è stato fatto in violazione dell' obbligo. 2. Non può essere ordinata la distruzione della cosa e l' avente diritto può...

Codice Civile art. 2937

RINUNZIA ALLA PRESCRIZIONE 1. Non può rinunziare alla prescrizione chi non può disporre validamente del diritto. 2. Si può rinunziare alla prescrizione solo quando questa è compiuta. 3. La rinunzia può risultare da un fatto incompatibile con la volontà di valersi della prescrizione.

Codice Civile art. 2946

SEZIONE IV Del termine della prescrizione - §1 Della prescrizione ordinaria - (PRESCRIZIONE ORDINARIA) 1. Salvi i casi in cui la legge dispone diversamente, i diritti si estinguono per prescrizione con il decorso di dieci anni.

Codice Civile art. 2947

§2 Delle prescrizioni brevi (PRESCRIZIONE DEL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO) 1. Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito si prescrive in cinque anni dal giorno in cui il fatto si è verificato. 2. Per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di...

Codice Civile art. 2955

PRESCRIZIONE DI UN ANNO 1. Si prescrive in un anno il diritto: 1) degli insegnanti, per la retribuzione delle lezioni che impartiscono a mesi o a giorni o a ore; 2) dei prestatori di lavoro, per le retribuzioni corrisposte a periodi non superiori al mese; 3) di coloro che tengono convitto o...

Codice Civile art. 296

CONSENSO PER L'ADOZIONE 1. Per l' adozione si richiede il consenso dell' adottante e dell' adottando. 2. Abrogato. 3. Abrogato.

Codice Civile art. 2962

§4 Del compiuto dei termini (COMPIMENTO DELLA PRESCRIZIONE) 1. In tutti i casi contemplati dal presente codice e dalle altre leggi, la prescrizione si verifica quando è compiuto l' ultimo giorno del termine.

Codice Civile art. 2966

CAUSE CHE IMPEDISCONO LA DECADENZA 1. La decadenza non è impedita se non dal compimento dell' atto previsto dalla legge o dal contratto. Tuttavia, se si tratta di un termine stabilito dal contratto o da una norma di legge relativa a diritti disponibili, la decadenza può essere anche impedita dal...

Codice Civile art. 299

COGNOME DELL'ADOTTATO L'adottato assume il cognome dell'adottante e lo antepone al proprio. Nel caso in cui la filiazione sia stata accertata o riconosciuta successivamente all'adozione si applica il primo comma. (Comma così sostituito dall’art. 38, comma 1, D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a...

Codice Civile art. 31

DEVOLUZIONE DEI BENI 1. I beni della persona giuridica, che restano dopo esaurita la liquidazione, sono devoluti in conformità dell'atto costitutivo o dello statuto. 2. Qualora questi non dispongano, se trattasi di fondazione, provvede l'autorità governativa, attribuendo i beni ad altri enti che...

Codice Civile art. 311

CAPO II Delle forme dell'adozione di persone di maggiore età (MANIFESTAZIONE DEL CONSENSO) 1. Il consenso dell' adottante e dell' adottando o del legale rappresentante di questo deve essere manifestato personalmente al presidente del tribunale nel cui circondario l' adottante ha residenza. 2....

Codice Civile art. 322

INOSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI PRECEDENTI Gli atti compiuti senza osservare le norme dei precedenti articoli del presente titolo possono essere annullati su istanza dei genitori esercenti la responsabilità genitoriale o del figlio o dei suoi eredi o aventi causa. (Comma così modificato...

Codice Civile art. 327

USUFRUTTO LEGALE DI UNO SOLO DEI GENITORI Il genitore che esercita in modo esclusivo la responsabilità genitoriale è il solo titolare dell'usufrutto legale. (Comma così modificato dall’art. 49, comma 1, D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014 ai sensi di quanto disposto...

Codice Civile art. 34

abrogato REGISTRAZIONE DI ATTI [1. Nel registro devono iscriversi anche le modificazioni dell'atto costitutivo e dello statuto, dopo che sono state approvate dall'autorità governativa, il trasferimento della sede e l'istituzione di sedi secondarie, la sostituzione degli amministratori con...

Codice Civile art. 35

DISPOSIZIONE PENALE 1. Gli amministratori e i liquidatori che non richiedono le iscrizioni prescritte [dagli articoli 33 e 34, nel termine e secondo le modalità stabiliti dalle norme di attuazione del codice, (Parole soppresse dall'art. 11, D.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361)] sono puniti con...

Codice Civile art. 358

DOVERI DEL MINORE 1. Il minore deve rispetto e obbedienza al tutore. Egli non può abbandonare la casa o l' istituto al quale è stato destinato, senza il permesso del tutore. 2. Qualora se ne allontani senza permesso, il tutore ha diritto di richiamarvelo, ricorrendo, se è necessario, al giudice...

Codice Civile art. 376

VENDITA DI BENI 1. Nell' autorizzare la vendita di beni, il tribunale determina se debba farsi all' incanto o a trattative private, fissandone in ogni caso il prezzo minimo. 2. Quando nel dare l' autorizzazione il tribunale non ha stabilito il modo di erogazione o di reimpiego del prezzo, lo...

Codice Civile art. 379

GRATUITA' DELLA TUTELA 1. L' ufficio tutelare è gratuito. 2. Il giudice tutelare tuttavia, considerando l' entità del patrimonio e le difficoltà dell' amministrazione, può assegnare al tutore un' equa indennità. Può altresì, se particolari circostanze lo richiedono, sentito il protutore,...

Codice Civile art. 386

APPROVAZIONE DEL CONTO 1. Il giudice tutelare invita il protutore, il minore divenuto maggiore o emancipato, ovvero, secondo le circostanze, il nuovo rappresentante legale a esaminare il conto e a presentare le loro osservazioni. 2. Se non vi sono osservazioni, il giudice che non trova nel...

Codice Civile art. 397

EMANCIPATO AUTORIZZATO ALL'ESERCIZIO DI UN'IMPRESA COMMERCIALE 1. Il minore emancipato può esercitare un' impresa commerciale senza l' assistenza del curatore, se è autorizzato dal tribunale, previo parere del giudice tutelare e sentito il curatore. 2. L' autorizzazione può essere revocata dal...

Codice Civile art. 4

COMMORIENZA 1. Quando un effetto giudirico dipende dalla sopravvivenza di una persona a un' altra e non consta quale di esse sia morta prima, tutte si considerano morte nello stesso momento.

Codice Civile art. 402

POTERI TUTELARI SPETTANTI AGLI ISTITUTI DI ASSISTENZA L'istituto di pubblica assistenza esercita i poteri tutelari sul minore ricoverato o assistito, secondo le norme del titolo X, capo I di questo libro, fino a quando non si provveda alla nomina di un tutore, e in tutti i casi nei quali...