Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Testo cercato:

amministratore art sostegno

Risultati 1296-1330 di 29741

Codice Civile art. 2142

FAMIGLIA COLONICA 1. La composizione della famiglia colonica non può volontariamente essere modificata senza il consenso del concedente, salvi i casi di matrimonio, di adozione e di riconoscimento di figli [naturali]. La composizione e le variazioni della famiglia colonica devono risultare dal...

Codice Civile art. 2144

MEZZADRIA A TEMPO DETERMINATO 1. La mezzadria a tempo determinato non cessa di diritto alla scadenza del termine. 2. Se non è comunicata disdetta a norma dell' articolo precedente, il contratto s' intende rinnovato di anno in anno.

Codice Civile art. 2149

DIVIETO DI SUBCONCESSIONE 1. Il mezzadro non può cedere la mezzadria, né affidare ad altri la coltivazione del podere, senza il consenso del concedente.

Codice Civile art. 2150

RAPPRESENTANZA DELLA FAMIGLIA COLONICA 1. Nei rapporti relativi alla mezzadria il mezzadro rappresenta, nei confronti del concedente, i componenti della famiglia colonica. 2. Le obbligazioni contratte dal mezzadro nell' esercizio della mezzadria sono garantite dai suoi beni e da quelli comuni...

Codice Civile art. 2151

SPESE PER LA COLTIVAZIONE 1. Le spese per la coltivazione del podere e per l' esercizio delle attività connesse, escluse quelle per la mano d' opera previste dall' articolo 2147, sono a carico del concedente e del mezzadro in parti eguali, se non dispongono diversamente le norme corporative, la...

Codice Civile art. 2157

DIRITTO DI PREFERENZA DEL CONCEDENTE 1. Il mezzadro, nella vendita dei prodotti assegnatigli in natura, deve, a parità di condizioni, preferire il concedente.

Codice Civile art. 2158

MORTE DI UNA DELLE PARTI 1. La mezzadria non si scioglie per la morte del concedente. 2. In caso di morte del mezzadro la mezzadria si scioglie alla fine dell' anno agrario in corso, salvo che tra gli eredi del mezzadro vi sia persona idonea a sostituirlo ed i componenti della famiglia colonica...

Codice Civile art. 2159

SCIOGLIMENTO DEL CONTRATTO 1. Salve le norme generali sulla risoluzione dei contratti per inadempimento, ciascuna delle parti può chiedere lo scioglimento del contratto quando si verificano fatti tali da non consentire la prosecuzione del rapporto.

Codice Civile art. 2162

EFFICACIA PROBATORIA DEL LIBRETTO COLONICO 1. Le annotazioni eseguite sui due esemplari del libretto colonico fanno prova a favore e contro ciascuno dei contraenti, se il mezzadro non ha reclamato entro novanta giorni dalla consegna del libretto fattagli dal concedente. 2. Se una delle parti non...

Codice Civile art. 2163

ASSEGNAZIONE DELLE SCORTE AL TERMINE DELLA MEZZADRIA 1. Salvo diverse disposizioni delle norme corporative, della convenzione o degli usi, l' assegnazione delle scorte al termine della mezzadria deve farsi secondo le norme seguenti: 1) se si tratta di scorte vive, secondo la specie, il sesso, il...

Codice Civile art. 2164

SEZIONE III Della colonia parziaria (NOZIONE) 1. Nella colonia parziaria il concedente ed uno o più coloni si associano per la coltivazione di un fondo e per l' esercizio delle attività connesse, al fine di dividerne i prodotti e gli utili. 2. La misura della ripartizione dei prodotti e degli...

Codice Civile art. 2165

DURATA 1. La colonia parziaria è contratta per il tempo necessario affinché il colono possa svolgere e portare a compimento un ciclo normale di rotazione delle colture praticate nel fondo. Se non si fa luogo a rotazione di colture, la colonia non può avere una durata inferiore a due anni.

Codice Civile art. 2168

MORTE DI UNO DELLE PARTI 1. La colonia parziaria non si scioglie per la morte del concedente. 2. In caso di morte del colono, si applicano a favore degli eredi di questo le disposizioni del secondo, terzo e quarto comma dell' articolo 2158.

Codice Civile art. 2174

OBBLIGHI DEL SOCCIDARIO 1. Il soccidario deve prestare, secondo le direttive del soccidante, il lavoro occorrente per la custodia e l' allevamento del bestiame affidatogli, per la lavorazione dei prodotti e per il trasporto sino ai luoghi di ordinario deposito. 2. Il soccidario deve usare la...

Codice Civile art. 2179

MORTE DI UNA DELLE PARTI 1. La soccida non si scioglie per la morte del soccidante. 2. In caso di morte del soccidario si osservano, in quanto applicabili, nei riguardi degli eredi le disposizioni del secondo, terzo e quarto comma dell' articolo 2158.

Codice Civile art. 2184

DIVISIONE DEL BESTIAME, DEI PRODOTTI E DEGLI UTILI 1. Gli accrescimenti, i prodotti, gli utili, le spese e, al termine del contratto, il bestiame conferito si dividono nella proporzione stabilita dalle norme corporative, dalla convenzione o dagli usi.

Codice Civile art. 2185

RINVIO 1. Per quanto non è disposto dagli articoli precedenti, si applicano alla soccida parziaria le disposizioni relative alla soccida semplice.

Codice Civile art. 219

PROVA DELLA PROPRIETA' DEI BENI 1. Il coniuge può provare con ogni mezzo nei confronti dell' altro la proprietà esclusiva di un bene. 2. I beni di cui nessuno dei coniugi può dimostrare la proprietà esclusiva sono di proprietà indivisa per pari quota di entrambi i coniugi.

Codice Civile art. 2193

EFFICACIA DELL'ISCRIZIONE 1. I fatti dei quali la legge prescrive l' iscrizione, se non sono stati iscritti, non possono essere opposti ai terzi da chi è obbligato a richiederne l' iscrizione, a meno che questo provi che i terzi ne abbiano avuto conoscenza. 2. L' ignoranza dei fatti dei quali la...

Codice Civile art. 2195

SEZIONE II Dell'obbligo di registrazione (IMPRENDITORI SOGGETTI A REGISTRAZIONE) 1. Sono soggetti all' obbligo dell' iscrizione nel registro delle imprese gli imprenditori che esercitano: 1) un' attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi; 2) un' attività intermediaria...

Codice Civile art. 2196

ISCRIZIONE DELL'IMPRESA 1. Entro trenta giorni dall' inizio dell' impresa l' imprenditore che esercita un' attività commerciale deve chiedere l' iscrizione all' ufficio del registro delle imprese nella cui circoscrizione stabilisce la sede, indicando: 1) il cognome e il nome, il nome del padre,...

Codice Civile art. 2198

MINORI, INTERDETI E INABILITATI 1. I provvedimenti di autorizzazione all' esercizio di una impresa commerciale da parte di un minore emancipato o di un inabilitato o nell' interesse di un minore non emancipato o di un interdetto e i provvedimenti con i quali l' autorizzazione viene revocata devono...

Codice Civile art. 2201

ENTI PUBBLICI 1. Gli enti pubblici che hanno per oggetto esclusivo o principale un' attività commerciale sono soggetti all' obbligo dell' iscrizione nel registro delle imprese.

Codice Civile art. 2209

PROCURATORI 1. Le disposizioni degli articoli 2206 e 2207 si applicano anche ai procuratori, i quali, in base a un rapporto continuativo, abbiano il potere di compiere per l' imprenditore gli atti pertinenti all' esercizio dell' impresa, pur non essendo preposti ad esso.

Codice Civile art. 2227

RECESSO UNILATERALE DAL CONTRATTO 1. Il committente può recedere dal contratto, ancorché sia iniziata l' esecuzione dell' opera, tenendo indenne il prestatore d' opera delle spese, del lavoro eseguito e del mancato guadagno.

Codice Civile art. 2229

CAPO II Delle professioni intellettuali (ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI) 1. La legge determina le professioni intellettuali per l' esercizio delle quali è necessaria l' iscrizione in appositi albi o elenchi. 2. L' accertamento dei requisiti per l' iscrizione negli albi o negli elenchi,...

Codice Civile art. 2230

PRESTAZIONE D'OPERA INTELLETTUALE 1. Il contratto che ha per oggetto una prestazione d' opera intellettuale è regolato dalle norme seguenti e, in quanto compatibili con queste e con la natura del rapporto, dalle disposizioni del capo precedente. 2. Sono salve le disposizioni delle leggi speciali.

Codice Civile art. 2240

CAPO II Del lavoro domestico (NORME APPLICABILI) 1. Il rapporto di lavoro che ha per oggetto la prestazione di servizi di carattere domestico è regolato dalle disposizioni di questo capo e, in quanto più favorevoli al prestatore di lavoro, dalla convenzione e dagli usi.

Codice Civile art. 2244

RECESSO 1. Al contratto di lavoro domestico sono applicabili le norme sul recesso volontario e per giusta causa, stabilite negli articoli 2118 e 2119. 2. Il periodo di preavviso non può essere inferiore a otto giorni o, se l' anzianità di servizio è superiore a due anni, a quindici giorni.

Codice Civile art. 2264

PARTECIPAZIONE AI GUADAGNI E ALLE PERDITE RIMESSA ALLA DETERMINAZIONE DI UN TERZO 1. La determinazione della parte di ciascun socio nei guadagni e nelle perdite può essere rimessa ad un terzo. 2. La determinazione del terzo può essere impugnata soltanto nei casi previsti dall' articolo 1349 e nel...