Testo cercato:

1129 art

Risultati 23731-23765 di 29522

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 11-quinquies

DISPOSIZIONI IN FAVORE DEI MALATI DI MESOTELIOMA 1. Per l'anno 2020 l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) eroga ai malati di mesotelioma, che abbiano contratto la patologia o per esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell'amianto...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 18-ter

INTERPRETAZIONE AUTENTICA DELL'ARTICOLO 90, COMMA 2, DEL TESTO UNICO DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 18 AGOSTO 2000, N. 267 1. Nell'articolo 90, comma 2, del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, le parole: «contratto di...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 25-quater

ATTRIBUZIONE TEMPORANEA DI PERSONALE AL MINISTERO DELLA SALUTE PER L'ATTIVITÀ ISPETTIVA E DI PROGRAMMAZIONE SANITARIA 1. Per le finalità di cui all'articolo 1, comma 288, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che ha previsto un Sistema nazionale di verifica e controllo sull'assistenza sanitaria...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 38-bis

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA LOCALE 1. All'articolo 1, comma 473-bis, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, sono apportate le seguenti modificazioni: a) le parole: «entro il termine perentorio di cui al comma 470» sono soppresse; b) le parole: «31 gennaio 2020» sono sostituite dalle...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 39-bis

UTILIZZO DEI PROVENTI DERIVANTI DALLE SANZIONI PREVISTE DAL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 1. All'articolo 18, comma 3-bis, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, le parole: «Per gli...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 39-quater

DISAVANZO DEGLI ENTI LOCALI 1. Al fine di prevenire l'incremento del numero di enti locali in situazioni di precarietà finanziaria, l'eventuale maggiore disavanzo emergente in sede di approvazione del rendiconto 2019, determinato in misura non superiore alla differenza tra l'importo del fondo...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 42-bis

AUTOCONSUMO DA FONTI RINNOVABILI 1. Nelle more del completo recepimento della direttiva (UE) 2018/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2018, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, in attuazione delle disposizioni degli articoli 21 e 22 della medesima...

Decreto Legge del 2019 numero 162 art. 6-bis

MODIFICA ALL'ARTICOLO 2 DEL DECRETO-LEGGE 29 OTTOBRE 2019, N. 126, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 20 DICEMBRE 2019, N. 159 1. All'articolo 2 del decreto-legge 29 ottobre 2019, n. 126, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 dicembre 2019, n. 159, dopo il comma 2 è inserito il...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 112-bis

ORGANISMO PER LA TENUTA DELL'ELENCO DEI CONFIDI 1. È istituito un Organismo, avente personalità giuridica di diritto privato, con autonomia organizzativa, statutaria e finanziaria competente per la gestione dell'elenco di cui all'articolo 112, comma 1. Il Ministro dell'economia e delle finanze...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 114-novies

AUTORIZZAZIONE 1. La Banca d'Italia autorizza gli istituti di pagamento quando ricorrano le seguenti condizioni: a) sia adottata la forma di società di capitali; b) la sede legale e la direzione generale siano situate nel territorio della Repubblica; c) il capitale versato sia di ammontare non...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 120-quinquiesdecies

INADEMPIMENTO DEL CONSUMATORE 1. Fermo restando quanto previsto ai sensi dell'articolo 40, comma 2, il finanziatore adotta procedure per gestire i rapporti con i consumatori in difficoltà nei pagamenti. La Banca d'Italia adotta disposizioni di attuazione del presente comma, con particolare...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 120-terdecies

SERVIZI DI CONSULENZA 1. Il servizio di consulenza è riservato ai finanziatori e agli intermediari del credito. 2. Il servizio di consulenza può essere qualificato come indipendente solo se è reso dai consulenti di cui all'articolo 128-sexies, comma 2-bis. 3. Nello svolgimento del servizio di...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 124-bis

VERIFICA DEL MERITO CREDITIZIO 1. Prima della conclusione del contratto di credito, il finanziatore valuta il merito creditizio del consumatore sulla base di informazioni adeguate, se del caso fornite dal consumatore stesso e, ove necessario, ottenute consultando una banca dati pertinente. 2. Se...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 125-bis

CONTRATTI E COMUNICAZIONI 1. I contratti di credito sono redatti su supporto cartaceo o su altro supporto durevole che soddisfi i requisiti della forma scritta nei casi previsti dalla legge e contengono in modo chiaro e conciso le informazioni e le condizioni stabilite dalla Banca d'Italia, in...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 125-quinquies

INADEMPIMENTO DEL FORNITORE 1. Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore dei beni o dei servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 126-quinquies

CONTRATTO QUADRO 1. Ai contratti quadro si applica l’articolo 117, commi 1, 2, 3, 4, 6 e 7. Il potere previsto dall’articolo 117, comma 2, è esercitato dalla Banca d’Italia. 2. In qualsiasi momento del rapporto, l’utilizzatore di servizi di pagamento che ha concluso un contratto quadro può...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 128-bis

RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE 1. I soggetti di cui all'articolo 115 aderiscono a sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie con la clientela. 2. Con deliberazione del CICR, su proposta della Banca d'Italia, sono determinati i criteri di svolgimento delle procedure di risoluzione...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 128-septies

REQUISITI PER L'ISCRIZIONE NELL'ELENCO DEI MEDIATORI CREDITIZI 1. L'iscrizione nell'elenco di cui all'articolo 128-sexies, comma 2, ovvero nella sezione speciale di cui all'articolo 128-sexies, comma 2-bis, è subordinata al ricorrere dei seguenti requisiti: (Alinea così modificato dall’ art. 1,...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 12-bis

STRUMENTI DI DEBITO CHIROGRAFARIO DI SECONDO LIVELLO 1. Sono strumenti di debito chirografario di secondo livello le obbligazioni e gli altri titoli di debito, emessi da una banca o da una società del gruppo bancario, aventi le seguenti caratteristiche: a) la durata originaria degli strumenti di...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 140-bis

CAPO IV-BIS Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi (ESERCIZIO ABUSIVO DELL'ATTIVITÀ) 1. Chiunque esercita professionalmente nei confronti del pubblico l'attività di agente in attività finanziaria senza essere iscritto nell'elenco di cui all'articolo 128-quater, comma 2, è punito con...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 67-bis

DISPOSIZIONI APPLICABILI ALLA SOCIETÀ DI PARTECIPAZIONE FINANZIARIA MISTA 1. La Banca d'Italia può individuare le ipotesi in cui la società di partecipazione finanziaria mista capogruppo è esentata dall'applicazione di una o più disposizioni adottate ai sensi del presente capo. 2. Le...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 69-quinquiesdecies

CONDIZIONI PER IL SOSTEGNO 1. Il sostegno finanziario previsto dall'accordo è concesso se sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni: a) si può ragionevolmente prospettare che il sostegno fornito ponga sostanziale rimedio alle difficoltà finanziarie del beneficiario; b) il sostegno...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 69-septies

RAPPORTI CON LE ALTRE AUTORITÀ E DECISIONI CONGIUNTE SUI PIANI DI RISANAMENTO 1. Nei casi e nei modi previsti dalle disposizioni dell'Unione europea, la Banca d'Italia coopera con le autorità competenti degli altri Stati comunitari per la valutazione dei piani di risanamento di gruppo che...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 69-sexies

VALUTAZIONE DEI PIANI DI RISANAMENTO INDIVIDUALI E DI GRUPPO 1. La Banca d'Italia, entro sei mesi dalla presentazione del piano di risanamento e sentite, per le succursali significative, le autorità competenti degli Stati comunitari in cui esse siano stabilite, verifica la completezza e...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 95-bis

SEZIONE III-BIS Banche operanti in ambito comunitario (RICONOSCIMENTO DELLE PROCEDURE DI RISANAMENTO E LIQUIDAZIONE) 1. I provvedimenti e le procedure di risanamento e liquidazione di banche comunitarie sono disciplinati e producono i loro effetti, senza ulteriori formalità, nell'ordinamento...

Decreto Legislativo del 1993 numero 385 art. 96-ter

POTERI DELLA BANCA D'ITALIA 1. La Banca d'Italia, avendo riguardo alla tutela dei risparmiatori e alla stabilità del sistema bancario: a) riconosce i sistemi di garanzia, approvandone gli statuti, a condizione che i sistemi stessi non presentino caratteristiche tali da comportare una...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 101-ter

AUTORITÀ DI VIGILANZA E DIRITTO APPLICABILE 1. La Consob vigila sulle offerte pubbliche di acquisto o di scambio in conformità alle disposizioni del presente capo. 2. Ai fini del riparto delle competenze tra la Consob e le autorità degli altri Stati comunitari con riguardo alle offerte pubbliche...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 117-ter

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA 1. La CONSOB, previa consultazione con tutti i soggetti interessati e sentite le Autorità di vigilanza competenti, determina con proprio regolamento gli specifici obblighi di informazione e di rendicontazione cui sono tenuti i soggetti abilitati e le...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 123-ter

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 1. Almeno ventuno giorni prima della data dell'assemblea prevista dall'articolo 2364, secondo comma, o dell'assemblea prevista dall'articolo 2364-bis, secondo comma, del codice civile, le società con azioni quotate mettono a disposizione del pubblico una relazione...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 124-ter

INFORMAZIONE RELATIVA AI CODICI DI COMPORTAMENTO 1. La Consob, negli ambiti di propria competenza, stabilisce le forme di pubblicità cui sono sottoposti i codici di comportamento in materia di governo societario promossi da società di gestione del mercato o da associazioni di categoria. (La...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 135-quater

abrogato ASSEMBLEA STRAORDINARIA [1. L'assemblea straordinaria, se i soci intervenuti in seconda convocazione non rappresentano il numero di voti richiesto per la costituzione, può essere nuovamente convocata entro trenta giorni. In tal caso il termine stabilito dall'articolo 2366, secondo...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 135-septies

abrogato RELAZIONI DI REVISIONE [1. Le relazioni di revisione di cui all'articolo 156 devono restare depositate presso la sede della società durante i quindici giorni che precedono l'assemblea o la riunione del consiglio di sorveglianza che approva il bilancio e finché il bilancio non è...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 135-ter

abrogato INFORMAZIONE AL MERCATO IN MATERIA DI ATTRIBUZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI A ESPONENTI AZIENDALI, DIPENDENTI O COLLABORATORI [1. In deroga all'articolo 114-bis, comma 1, la relazione prevista dalla medesima disposizione è messa a disposizione del pubblico almeno quindici giorni prima del...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 147-quater

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE 1. Qualora il consiglio di gestione sia composto da più di quattro membri, almeno uno di essi deve possedere i requisiti di indipendenza stabiliti per i sindaci dall'articolo 148, comma 3, nonché, se lo statuto lo prevede, gli ulteriori requisiti previsti...

Decreto Legislativo del 1998 numero 58 art. 147-quinquies

REQUISITI DI ONORABILITA' 1. I soggetti che svolgono funzioni di amministrazione e direzione devono possedere i requisiti di onorabilità stabiliti per i membri degli organi di controllo con il regolamento emanato dal Ministro della giustizia ai sensi dell'articolo 148, comma 4. 2. Il difetto...