Testo cercato:

1130 art

Risultati 946-980 di 29530

Codice Civile art. 1543

FORME 1. La vendita di un' eredità deve farsi per atto scritto, sotto pena di nullità. 2. Il venditore è tenuto a prestarsi agli atti che sono necessari da parte sua per rendere efficace, di fronte ai terzi, la trasmissione di ciascuno dei diritti compresi nell' eredità.

Codice Civile art. 1547

ALTRE FORME DI ALIENAZIONE DI EREDITA' 1. Le disposizioni precedenti si applicano alle altre forme di alienazione di un' eredità a titolo oneroso. 2. Nelle alienazioni a titolo gratuito la garanzia è regolata dall' articolo 797.

Codice Civile art. 155

PROVVEDIMENTI CON RIGUARDO AI FIGLI In caso di separazione, riguardo ai figli, si applicano le disposizioni contenute nel Capo II del titolo IX. (Articolo sostituito dall'art. 36, L. 19 maggio 1975, n. 151 e dall'art. 1, L. 8 febbraio 2006, n. 54. Successivamente, il presente articolo è stato...

Codice Civile art. 1553

EVIZIONE 1. Il permutante, se ha sofferto l' evizione e non intende riavere la cosa data, ha diritto al valore della cosa evitta, secondo le norme stabilite per la vendita, salvo in ogni caso il risarcimento del danno.

Codice Civile art. 1557

IMPOSSIBILITA' DI RESTITUZIONE 1. Chi ha ricevuto le cose non è liberato dall' obbligo di pagarne il prezzo, se la restituzione di esse nella loro integrità è divenuta impossibile per causa a lui non imputabile.

Codice Civile art. 156

EFFETTI DELLA SEPARAZIONE SUI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA I CONIUGI 1. Il giudice, pronunziando la separazione, stabilisce a vantaggio del coniuge cui non sia addebitabile la separazione il diritto di ricevere dall' altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia...

Codice Civile art. 1561

DETERMINAZIONE DEL PREZZO 1. Nella somministrazione a carattere periodico, se il prezzo deve essere determinato secondo le norme dell' articolo 1474, si ha riguardo al tempo della scadenza delle singole prestazioni e al luogo in cui queste devono essere eseguite.

Codice Civile art. 1575

OBBLIGAZIONI PRINCIPALI DEL LOCATORE 1. Il locatore deve: 1) consegnare al conduttore la cosa locata in buono stato di manutenzione; 2) mantenerla in istato da servire all' uso convenuto; 3) garantirne il pacifico godimento durante la locazione.

Codice Civile art. 1576

MANTENIMENTO DELLA COSA IN BUONO STATO LOCATIVO 1. Il locatore deve eseguire, durante la locazione, tutte le riparazioni necessarie eccettuate quelle di piccola manutenzione che sono a carico del conduttore. 2. Se si tratta di cose mobili, le spese di conservazione e di ordinaria manutenzione...

Codice Civile art. 1579

LIMITAZIONI CONVENZIONALI DELLA RESPONSABILITA' 1. Il patto con cui si esclude o si limita la responsabilità del locatore per i vizi della cosa non ha effetto, se il locatore li ha in mala fede taciuti al conduttore oppure se i vizi sono tali da rendere impossibile il godimento della cosa.

Codice Civile art. 1581

VIZI SOPRAVVENUTI 1. Le disposizioni degli articoli precedenti si osservano, in quanto applicabili, anche nel caso di vizi della cosa sopravvenuti nel corso della locazione.

Codice Civile art. 1585

GARANZIE PER MOLESTIE 1. Il locatore è tenuto a garantire il conduttore dalle molestie che diminuiscono l' uso o il godimento della cosa, arrecate da terzi che pretendono di avere diritti sulla cosa medesima. 2. Non è tenuto a garantirlo dalle molestie di terzi che non pretendono di avere...

Codice Civile art. 1586

PRETESE DA PARTE DI TERZI 1. Se i terzi che arrecano le molestie pretendono di avere diritti sulla cosa locata, il conduttore è tenuto a darne pronto avviso al locatore, sotto pena del risarcimento dei danni. 2. Se i terzi agiscono in via giudiziale, il locatore è tenuto ad assumere la lite,...

Codice Civile art. 1592

MIGLIORAMENTI 1. Salvo disposizioni particolari della legge o degli usi, il conduttore non ha diritto a indennità per i miglioramenti apportati alla cosa locata. Se però vi è stato il consenso del locatore, questi è tenuto a pagare un' indennità corrispondente alla minor somma tra l' importo della...

Codice Civile art. 1596

FINE DELLA LOCAZIONE PER LO SPIRARE DEL TERMINE 1. La locazione per un tempo determinato dalle parti cessa con lo spirare del termine, senza che sia necessaria la disdetta. 2. La locazione senza determinazione di tempo non cessa, se prima della scadenza stabilita a norma dell' articolo 1574 una...

Codice Civile art. 1598

GARANZIA DELLA LOCAZIONE 1. Le garanzie prestate da terzi non si estendono alle obbligazioni derivanti da proroghe della durata del contratto.

Codice Civile art. 1603

CLAUSOLA DI SCIOGLIMENTO DEL CONTRATTO IN CASO DI ALIENAZIONE 1. Se si è convenuto che il contratto possa sciogliersi in caso di alienazione della cosa locata, l' acquirente che vuole valersi di tale facoltà deve dare licenza al conduttore rispettando il termine di preavviso stabilito dal secondo...

Codice Civile art. 161

RIFERIMENTO GENERICO A LEGGI O AGLI USI 1. Gli sposi non possono pattuire in modo generico che i loro rapporti patrimoniali siano in tutto o in parte regolati da leggi alle quali non sono sottoposti o dagli usi, ma devono enunciare in modo concreto il contenuto dei patti con i quali intendono...

Codice Civile art. 1619

DIRITTO DI CONTROLLO 1. Il locatore può accertare in ogni tempo, anche con accesso in luogo, se l' affittuario osserva gli obblighi che gli incombono.

Codice Civile art. 1620

INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA' DELLA COSA 1. L' affittuario può prendere le iniziative atte a produrre un aumento di reddito della cosa, purché esse non importino obblighi per il locatore o non gli arrechino pregiudizio, e siano conformi all' interesse della produzione.

Codice Civile art. 1621

RIPARAZIONI 1. Il locatore è tenuto ad eseguire a sue spese, durante l' affitto, le riparazioni straordinarie. Le altre sono a carico dell' affittuario.

Codice Civile art. 1623

MODIFICAZIONI SOPRAVVENUTE DEL RAPPORTO CONTRATTUALE 1. Se, in conseguenza di una disposizione di legge, di una norma corporativa o di un provvedimento dell' autorità riguardanti la gestione produttiva, il rapporto contrattuale risulta notevolmente modificato in modo che le parti ne risentano...

Codice Civile art. 163

MODIFICA DELLE CONVENZIONI 1. Le modifiche delle convenzioni matrimoniali, anteriori o successive al matrimonio, non hanno effetto se l' atto pubblico non è stipulato col consenso di tutte le persone che sono state parti nelle convenzioni medesime, o dei loro eredi. 2. Se uno dei coniugi muore...

Codice Civile art. 1636

PERDITA FORTUITA DEI FRUTTI NEGLI AFFITTI ANNUALI 1. Se l' affitto ha la durata di un solo anno, e si è verificata la perdita per caso fortuito di almeno la metà dei frutti, l' affittuario può essere esonerato dal pagamento di una parte del fitto, in misura non superiore alla metà.

Codice Civile art. 1641

SCORTE VIVE 1. Quando il bestiame da lavoro o da allevamento, costituente la dotazione del fondo, è stato in tutto o in parte fornito dal locatore, si osservano le disposizioni degli articoli seguenti, salve le norme corporative o i patti diversi.

Codice Civile art. 1647

§3 Dell'affitto a coltivatore diretto (NOZIONE) 1. Quando l' affitto ha per oggetto un fondo che l' affittuario coltiva col lavoro prevalentemente proprio o di persone della sua famiglia, si applicano le norme che seguono sempre che il fondo non superi i limiti di estensione che, per singole zone...

Codice Civile art. 1660

VARIAZIONI NECESSARIE DEL PROGETTO 1. Se per l' esecuzione dell' opera a regola d' arte è necessario apportare variazioni al progetto e le parti non si accordano, spetta al giudice di determinare le variazioni da introdurre e le correlative variazioni del prezzo. 2. Se l' importo delle variazioni...

Codice Civile art. 1671

RECESSO UNILATERALE DEL CONTRATTO 1. Il committente può recedere dal contratto, anche se è stata iniziata l' esecuzione dell' opera o la prestazione del servizio, purché tenga indenne l' appaltatore delle spese sostenute, dei lavori eseguiti e del mancato guadagno.

Codice Civile art. 1675

DIRITTI E OBBLIGHI DEGLI EREDI DELL'APPALTATORE 1. Nel caso di scioglimento del contratto per morte dell' appaltatore, il committente è tenuto a pagare agli eredi il valore delle opere eseguite, in ragione del prezzo pattuito, e a rimborsare le spese sostenute per l' esecuzione del rimanente, ma...

Codice Civile art. 1687

RICONSEGNA DELLE MERCI 1. Il vettore deve mettere le cose trasportate a disposizione del destinatario nel luogo, nel termine e con le modalità indicati dal contratto o, in mancanza, dagli usi. 2. Se la riconsegna non deve eseguirsi presso il destinatario, il vettore deve dargli prontamente avviso...

Codice Civile art. 169

ALIENAZIONE DEI BENI DEL FONDO 1. Se non è stato espressamente consentito nell' atto di costituzione, non si possono alienare, ipotecare, dare in pegno o comunque vincolare beni del fondo patrimoniale se non con il consenso di entrambi i coniugi e, se vi sono figli minori, con l' autorizzazione...

Codice Civile art. 1693

RESPONSABILITA' PER PERDITA E AVARIA 1. Il vettore è responsabile della perdita e dell' avaria delle cose consegnategli per il trasporto [ 1696 ], dal momento in cui le riceve a quello in cui le riconsegna al destinatario, se non prova che la perdita o l' avaria è derivata da caso fortuito, dalla...