Testo cercato:

1130 art

Risultati 701-735 di 29530

Codice Civile art. 602

TESTAMENTO OLOGRAFO 1. Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore. 2. La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona...

Codice Civile art. 603

TESTAMENTO PUBBLICO 1. Il testamento pubblico è ricevuto dal notaio in presenza di due testimoni. 2. Il testatore, in presenza dei testimoni, dichiara al notaio la sua volontà, la quale è ridotta in iscritto a cura del notaio stesso. 3. Questi dà lettura del testamento al testatore in presenza...

Codice Civile art. 619

NULLITA' 1. I testamenti previsti in questa sezione sono nulli quando manca la redazione in iscritto della dichiarazione del testatore ovvero la sottoscrizione della persona autorizzata a riceverla o del testatore. 2. Per gli altri difetti di forma si osserva il disposto del secondo comma dell'...

Codice Civile art. 620

SEZIONE III Della pubblicazione dei testamenti olografi e dei testamenti segreti (PUBBLICAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO) 1. Chiunque è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo a un notaio per la pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore. 2. Chiunque crede di...

Codice Civile art. 628

DISPOSIZIONE A FAVORE DI PERSONA INCERTA 1. E' nulla ogni disposizione fatta a favore di persona che sia indicata in modo da non poter essere determinata.

Codice Civile art. 63

EFFETTI DELLA DICHIARAZIONE DI MORTE PRESUNTA DELL' ASSENTE 1. Effetti della dichiarazione di morte presunta dell' assente 2. Divenuta eseguibile la sentenza indicata nell' articolo 58, coloro che ottennero l' immissione nel possesso temporaneo dei beni dell' assente o i loro successori possono...

Codice Civile art. 631

DISPOSIZIONI RIMESSE ALL'ARBITRIO DEL TERZO 1. E' nulla ogni disposizione testamentaria con la quale si fa dipendere dall' arbitrio di un terzo l' indicazione dell' erede o del legatario, ovvero la determinazione della quota di eredità. 2. Tuttavia è valida la disposizione a titolo particolare...

Codice Civile art. 635

CONDIZIONE DI RECIPROCITA' 1. E' nulla la disposizione a titolo universale o particolare fatta dal testatore a condizione di essere a sua volta avvantaggiato nel testamento dell' erede o del legatario.

Codice Civile art. 64

IMMISSIONE NEL POSSESSO E INVENTARIO 1. Se non v' è stata immissione nel possesso temporaneo dei beni, gli aventi diritto indicati nei capoversi dell' articolo 50 o i loro successori conseguono il pieno esercizio dei diritti loro spettanti, quando è diventata eseguibile la sentenza menzionata...

Codice Civile art. 651

LEGATO DI COSA DELL'ONERATO O DI UN TERZO 1. Il legato di cosa dell' onerato o di un terzo è nullo, salvo che dal testamento o da altra dichiarazione scritta dal testatore risulti che questi sapeva che la cosa legata apparteneva all' onerato o al terzo. In questo ultimo caso l' onerato è...

Codice Civile art. 652

LEGATO DI COSA SOLO IN PARTE DEL TESTATORE 1. Se al testatore appartiene una parte della cosa legata o un diritto sulla medesima, il legato è valido solo relativamente a questa parte o a questo diritto, salvo che risulti la volontà del testatore di legare la cosa per intero, in conformità dell'...

Codice Civile art. 66

PROVA DELL'ESISTENZA DELLA PERSONA DI CUI E' STATA DICHIARATA LA MORTE PRESUNTA 1. La persona di cui è stata dichiarata la morte presunta, se ritorna o ne è provata l' esistenza, ricupera i beni nello stato in cui si trovano e ha diritto di conseguire il prezzo di quelli alienati, quando esso sia...

Codice Civile art. 683

TESTAMENTO POSTERIORE INEFFICACE 1. La revocazione fatta con un testamento posteriore conserva la sua efficacia anche quando questo rimane senza effetto perché l' erede istituito o il legatario è premorto al testatore, o è incapace o indegno, ovvero ha rinunziato all' eredità o al legato.

Codice Civile art. 688

CAPO VI Delle sostituzioni - SEZIONE I Della sostituzione ordinaria - (CASI DI SOSTITUZIONE ORDINARIA) 1. Il testatore può sostituire all' erede istituito altra persona per il caso che il primo non possa o non voglia accettare l' eredità. 2. Se il testatore ha disposto per uno solo di questi...

Codice Civile art. 689

SOSTITUZIONE PLURIMA. SOSTITUZIONE RECIPROCA 1. Possono sostituirsi più persone a una sola e una sola a più. 2. La sostituzione può anche essere reciproca tra i coeredi istituiti. Se essi sono stati istituiti in parti disuguali, la proporzione fra le quote fissate nella prima istituzione si...

Codice Civile art. 69

CAPO III Delle ragioni eventuali che competono alla persona di cui si ignora l'esistenza o di cui è stata dichiarata la morte presunta (DIRITTI SPETTANTI ALLA PERSONA DI CUI SI IGNORA L'ESISTENZA) 1. Nessuno è ammesso a reclamare un diritto in nome della persona di cui si ignora l' esistenza, se...

Codice Civile art. 692

SEZIONE II Sostituzione fedecommissaria (SOSTITUZIONE FEDECOMMISSARIA) 1. Ciascuno dei genitori o degli altri ascendenti in linea retta o il coniuge dell'interdetto possono istituire rispettivamente il figlio, il discendente, o il coniuge con l'obbligo di conservare e restituire alla sua morte i...

Codice Civile art. 693

DIRITTI E OBBLIGHI DELL'ISTITUITO 1. L'istituito ha il godimento e la libera amministrazione dei beni che formano oggetto della sostituzione, e può stare in giudizio per tutte le azioni relative ai beni medesimi. Egli può altresì compiere tutte le innovazioni dirette ad una migliore...

Codice Civile art. 708

DISACCORDO TRA PIU' ESECUTORI TESTAMENTARI 1. Se gli esecutori che devono agire congiuntamente non sono d' accordo circa un atto del loro ufficio, provvede l' autorità giudiziaria, sentiti, se occorre, gli eredi.

Codice Civile art. 71

ESTINZIONE DEI DIRITTI SPETTANTI ALLA PERSONA DI CUI SI IGNORA L'ESISTENZA 1. Le disposizioni degli articoli precedenti non pregiudicano la petizione di eredità né gli altri diritti spettanti alla persona di cui s' ignora l' esistenza o ai suoi eredi o aventi causa, salvi gli effetti della...

Codice Civile art. 715

CASI D'IMPEDIMENTO ALLA DIVISIONE Se tra i chiamati alla successione vi è un concepito, la divisione non può aver luogo prima della nascita del medesimo. Parimenti la divisione non può aver luogo durante la pendenza di un giudizio sulla filiazione di colui che, in caso di esito favorevole del...

Codice Civile art. 721

VENDITA DEGLI IMMOBILI 1. I patti e le condizioni della vendita degli immobili, qualora non siano concordati dai condividenti, sono stabiliti dall' autorità giudiziaria.

Codice Civile art. 724

COLLAZIONE E IMPUTAZIONE 1. I coeredi tenuti a collazione, a norma del capo II di questo titolo, conferiscono tutto ciò che è stato loro donato. 2. Ciascun erede deve imputare alla sua quota le somme di cui era debitore verso il defunto e quelle di cui è debitore verso i coeredi in dipendenza...

Codice Civile art. 726

STIMA E FORMAZIONE DELLE PARTI 1. Fatti i prelevamenti, si provvede alla stima di ciò che rimane nella massa, secondo il valore venale dei singoli oggetti. 2. Eseguita la stima, si procede alla formazione di tante porzioni quanti sono gli eredi o le stirpi condividenti in proporzione delle...

Codice Civile art. 730

DEFERIMENTO DELLE OPERAZIONI A UN NOTAIO 1. Le operazioni indicate negli articoli precedenti possono essere, col consenso di tutti i coeredi, deferite a un notaio. La nomina di questo, in mancanza di accordo, è fatta con decreto dal tribunale del luogo dell' aperta successione. 2. Qualora...

Codice Civile art. 732

DIRITTO DI PRELAZIONE 1. Il coerede, che vuole alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'...

Codice Civile art. 742

SPESE NON SOGGETTE A COLLAZIONE 1. Non sono soggette a collazione le spese di mantenimento e di educazione e quelle sostenute per malattia, né quelle ordinarie fatte per abbigliamento o per nozze. 2. Le spese per il corredo nuziale e quelle per l' istruzione artistica o professionale sono...

Codice Civile art. 753

IMMOBILI GRAVATI DA RENDITA REDIMIBILE 1. Ogni coerede, quando i beni immobili dell' eredità sono gravati con ipoteca da una prestazione di rendita redimibile, può chiedere che gli immobili ne siano affrancati e resi liberi prima che si proceda alla formazione delle quote ereditarie. Se uno dei...

Codice Civile art. 756

ESENZIONE DEL LEGATARIO DAL PAGAMENTO DEI DEBITI 1. Il legatario non è tenuto a pagare i debiti ereditari, salvo ai creditori l' azione ipotecaria sul fondo legato e l' esercizio del diritto di separazione; ma il legatario che ha estinto il debito di cui era gravato il fondo legato subentra...

Codice Civile art. 758

GARANZIA TRA COEREDI 1. I coeredi si devono vicendevole garanzia per le sole molestie ed evizioni derivanti da causa anteriore alla divisione. 2. La garanzia non ha luogo, se è stata esclusa con clausola espressa nell' atto di divisione, o se il coerede soffre l' evizione per propria colpa.

Codice Civile art. 759

EVIZIONE SUBITA DA UN COEREDE 1. Se alcuno dei coeredi subisce evizione, il valore del bene evitto, calcolato al momento dell' evizione, deve essere ripartito tra tutti i coeredi ai fini della garanzia stabilita dall' articolo precedente, in proporzione del valore che i beni attribuiti a...

Codice Civile art. 76

COMPUTO DEI GRADI 1. Nella linea retta si computano altrettanti gradi quante sono le generazioni, escluso lo stipite. 2. Nella linea collaterale i gradi si computano dalle generazioni, salendo da uno dei parenti fino allo stipite comune e da questo discendendo all' altro parente, sempre restando...

Codice Civile art. 761

CAPO V Dell'annullamento e della rescissione in materia di divisione (ANNULLAMENTO PER VIOLENZA O DOLO) 1. La divisione può essere annullata quando è l' effetto di violenza o di dolo. 2. L' azione si prescrive in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o in cui il dolo è stato...