Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Elenco delle notizie - Pagina 7

Diritto all'accesso agli atti del procedimento: occorre essere titolari di un interesse concreto, personale ed attuale. Il titolare del fondo confinante è tale rispetto agli atti finalizzati al rilascio del permesso di costruire. (Tar Sicilia, Sez. II, sent. n. 374 del 4 febbraio 2016)

Il ricorso relativo all’ostensione degli atti relativi all’autorizzazione del permesso edilizio deve essere accolto perché palesemente fondato ai sensi dell’art. 74 c.p.a.. Il ricorrente, infatti, in...

Segnalazione in centrale rischi illegittima: risarcimento equitativo in favore dell’impresa che non ha potuto operare sul mercato. (Tribunale di Padova, Sez. II, sent. n. 833 del 27 gennaio 2016)

Deve ritenersi che laddove, come accertato dal CTU, il correntista non solo non sia in posizione debitoria verso la banca, ma abbia addirittura un credito, va rilevata la illegittimità della...

Cessione di azienda operata dall'Unico amministratore non preceduta da deliberazione assembleare: modifica sostanziale dell’oggetto sociale e invalidità della cessione. (Tribunale di Piacenza, sent. n. 140 del 14 marzo 2016)

La cessione di azienda che costituisce l’attività esclusiva della società a responsabilità limitata a seguito di un’iniziativa autonoma dell’amministratore unico determina una sostanziale modifica...

Eredità dannosa? E' il Fisco creditore del de cuius a dover dare la prova che è intervenuta accettazione dell’eredità da parte dei chiamati. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 3611 del 24 febbraio 2016)

In tema di obbligazioni tributarie, grava sull'Amministrazione finanziaria creditrice del de cuius l'onere di provare l'accettazione dell'eredità da parte dei chiamati, per potere esigere...

Gli atti di liberalità fra coniugi, ancorchè esenti da imposta di donazione, scontano comunque l’imposta di registro in misura fissa. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 6096 del 30 marzo 2016)

In tema di imposta di registro, il trasferimento di ricchezza a titolo gratuito è tassato soltanto con l'imposta sulle donazioni, fatto salvo, in ogni caso, l'obbligo di registrazione dell'atto "in...

Computo della porzione legittima e riunione fittizia. Irrilevanza della anteriorità cronologica o meno della donazione rispetto al tempo in cui il beneficiario ha assunto la qualifica di legittimario. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 4445 del 7 marzo 2016)

In materia di successione necessaria, ai fini della determinazione della porzione disponibile e delle quote riservate ai legittimari, occorre avere riguardo alla massa costituita da tutti i beni che...

Il Presidente del CdA di una società per azioni firma per avallare il debito cambiario della società? Neppure il fondo patrimoniale lo salva dall'esecuzione. Nozione di "bisogno della famiglia". (Tribunale di Pordenone, 15 febbraio 2016)

Qualora l’amministratore sottoscriva per avallo un vaglia cambiario emesso da una società per azioni, il fondo patrimoniale da lui costituito può essere aggredito con espropriazione immobiliare dal...

Cessione del credito, notifica al debitore ceduto ex art. 1264 cod.civ. ed accettazione della cessione da parte di costui. Riconoscimento del debito o dichiarazione di mera scienza? (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 3184 del 18 febbraio 2016)

Nella cessione di credito la notifica prevista dall'art. 1264 c.c. ha la funzione di escludere l'efficacia liberatoria del pagamento eventualmente effettuato in buona fede dal debitore ceduto al...

Azione revocatoria e collegamento negoziale: il creditore impugnare l’atto lesivo economicamente più "significativo", ovvero quello riveli gli elementi della frode più significativamente. (Cass. Civ., Sez. VI-III, sent. n. 19129 del 28 settembre 2015)

Agli effetti dell'azione revocatoria, deve ritenersi lesivo del credito anteriore anche l'atto oneroso che sia collegato con uno o più atti diversi, sì che tutti si debbano ritenere convergenti al...

Inadempimento degli obblighi di informazione per gli intermediari finanziari. Onere della prova. Nullità di contratti di investimento non preceduti da idonea informativa. Risarcimento del danno. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 2535 del 15 febbraio 2016)

In tema di servizi di investimento, la banca intermediaria, prima di effettuare operazioni, ha l'obbligo di fornire all'investitore "un'informazione adeguata in concreto", tale cioè da soddisfare le...

La Cassazione ci ripensa ancora: la costituzione di un trust e quella di un vincolo di destinazione costituisce, di per sé, presupposto impositivo ai fini dell'imposta sulle donazioni. (Cass. Civ., Sez. VI-V, sent. n. 4482 del 7 marzo 2016)

La costituzione di un vincolo di destinazione su beni (nella fattispecie mediante l'istituzione di un trust) rappresenta, di per sé ed anche quando non sia individuabile uno specifico beneficiario,...

Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria: ai fini della scientia damni è sufficiente la mera consapevolezza del debitore. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 13343 del 30 giugno 2015)

In tema di revocatoria ordinaria nei confronti di fondo patrimoniale costituito successivamente all'assunzione del debito, è sufficiente, ai fini della c.d. scientia damni, la semplice consapevolezza...

Cosa accade se, una volta pronunziata la sentenza costitutiva ex 2932 c.c. che sancisce il trasferimento dell'immobile il promissario acquirente non paga il prezzo? L’offerta di adempimento presentata dopo la proposizione della domanda di risoluzione non esclude l’inadempimento. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 12417 del 16 giugno 2015)

Nella valutazione della non scarsa importanza dell'inadempimento è necessario considerare il peso oggettivo della mancata prestazione sull'equilibrio contrattuale, dovendo altresì, dal punto di vista...

Atti di composizione della crisi coniugale. La Cassazione mette a punto il concetto di "negoziazione globale". Ogni atto posto in essere dai coniugi allo scopo di sistemare i rapporti patrimoniali in sede di separazione o divorzio usufruisce delle esenzioni fiscali. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 3110 del 17 febbraio 2016)

Deve riconoscersi il carattere di negoziazione globale a tutti gli accordi di separazione che, anche mediante la previsione di trasferimenti mobiliari od immobiliari, siano volti a definire in modo...

La soluzione della crisi coniugale costituisce il perno dell'elemento causale degli accordi assunti in sede di separazione o divorzio. Qualsiasi atto negoziale volto a trasferire diritti che sia qualificato da tale causa fruisce dello speciale trattamento fiscale agevolativo. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 2111 del 3 febbraio 2016)

In tema di separazione personale dei coniugi, gli accordi che prevedono atti comportanti trasferimenti patrimoniali dall'uno all'altro coniuge o in favore dei figli, rientrano nell'ambito delle...

Reato di intestazione fittizia ex art.12 quinquies l. 356/1992: va accertata la autonoma capacità reddituale dell'intestatario in relazione all’acquisto del bene. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 24405 dell’8 giugno 2015)

Il reato di intestazione fittizia di cui all'art. 12-quinquies legge n. 356/1992 e succ. mod., è un reato istantaneo, con effetti permanenti che si consuma nel momento in cui viene realizzata...

Successione per rappresentazione: il rappresentante è successore diretto rispetto al de cuius e, pertanto, non può essere considerato soggetto estraneo alla comunione. Inapplicabilità del retratto successorio. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 1987 del 2 febbraio 2016)

In tema di successione per rappresentazione, il discendente rappresentante che subentri nel luogo e nel grado dell’ascendente rappresentato che non possa o non voglia accettare l’eredità succede...

La donazione della quota di un singolo bene indiviso facente parte della comunione ereditaria incidentale ricomprendente plurimi cespiti effettuata dal coerede ad un soggetto estraneo alla comunione è nulla, in quanto avente ad oggetto un bene altrui. (Cass. Civ., Sez. Unite, sent. n. 5068 del 15 marzo 2016)

La mancanza, nel codice del 1942, di una espressa previsione di nullità della donazione di cosa altrui, dunque, non può di per sé valere a ricondurre la fattispecie nella categoria del negozio...

Efficacia meramente obbligatoria o reale della clausola statutaria di prelazione? Inopponibilità della cessione alla società ed ai soci prelazionari, ma inoperatività del retratto. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 24559 del 2 dicembre 2015)

La prelazione convenzionale, avendo efficacia obbligatoria, è efficace e vincolante per i soli contraenti e non per i terzi estranei. Tali principi sono applicabili anche al caso in cui il patto di...