Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Elenco delle notizie - Pagina 17

Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria: ai fini della scientia damni è sufficiente la mera consapevolezza del debitore. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 13343 del 30 giugno 2015)

In tema di revocatoria ordinaria nei confronti di fondo patrimoniale costituito successivamente all'assunzione del debito, è sufficiente, ai fini della c.d. scientia damni, la semplice consapevolezza...

Contratto preliminare con effetti anticipati: il tormentone sulla qualificazione giuridica della situazione di disponibilità del bene in chiave di detenzione ovvero di possesso continua. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 5211 del 16 marzo 2016)

Nella promessa di vendita, quando è convenuta la consegna del bene prima della stipula del contratto definitivo, non si verifica un’anticipazione degli effetti traslativi, in quanto la disponibilità...

Cosa accade se, una volta pronunziata la sentenza costitutiva ex 2932 c.c. che sancisce il trasferimento dell'immobile il promissario acquirente non paga il prezzo? L’offerta di adempimento presentata dopo la proposizione della domanda di risoluzione non esclude l’inadempimento. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 12417 del 16 giugno 2015)

Nella valutazione della non scarsa importanza dell'inadempimento è necessario considerare il peso oggettivo della mancata prestazione sull'equilibrio contrattuale, dovendo altresì, dal punto di vista...

Atti di composizione della crisi coniugale. La Cassazione mette a punto il concetto di "negoziazione globale". Ogni atto posto in essere dai coniugi allo scopo di sistemare i rapporti patrimoniali in sede di separazione o divorzio usufruisce delle esenzioni fiscali. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 3110 del 17 febbraio 2016)

Deve riconoscersi il carattere di negoziazione globale a tutti gli accordi di separazione che, anche mediante la previsione di trasferimenti mobiliari od immobiliari, siano volti a definire in modo...

La soluzione della crisi coniugale costituisce il perno dell'elemento causale degli accordi assunti in sede di separazione o divorzio. Qualsiasi atto negoziale volto a trasferire diritti che sia qualificato da tale causa fruisce dello speciale trattamento fiscale agevolativo. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 2111 del 3 febbraio 2016)

In tema di separazione personale dei coniugi, gli accordi che prevedono atti comportanti trasferimenti patrimoniali dall'uno all'altro coniuge o in favore dei figli, rientrano nell'ambito delle...

Reato di intestazione fittizia ex art.12 quinquies l. 356/1992: va accertata la autonoma capacità reddituale dell'intestatario in relazione all’acquisto del bene. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 24405 dell’8 giugno 2015)

Il reato di intestazione fittizia di cui all'art. 12-quinquies legge n. 356/1992 e succ. mod., è un reato istantaneo, con effetti permanenti che si consuma nel momento in cui viene realizzata...

Successione per rappresentazione: il rappresentante è successore diretto rispetto al de cuius e, pertanto, non può essere considerato soggetto estraneo alla comunione. Inapplicabilità del retratto successorio. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 1987 del 2 febbraio 2016)

In tema di successione per rappresentazione, il discendente rappresentante che subentri nel luogo e nel grado dell’ascendente rappresentato che non possa o non voglia accettare l’eredità succede...

La donazione della quota di un singolo bene indiviso facente parte della comunione ereditaria incidentale ricomprendente plurimi cespiti effettuata dal coerede ad un soggetto estraneo alla comunione è nulla, in quanto avente ad oggetto un bene altrui. (Cass. Civ., Sez. Unite, sent. n. 5068 del 15 marzo 2016)

La mancanza, nel codice del 1942, di una espressa previsione di nullità della donazione di cosa altrui, dunque, non può di per sé valere a ricondurre la fattispecie nella categoria del negozio...

Contratto preliminare, apparenza del diritto. Manca una procura rilasciata per iscritto? Non è invocabile alcuna apparente legittimazione del falsus procurator (Cass. Civ., Sez. VI-III, sent. n. 13180 del 25 giugno 2015)

L’art. 1398 c.c., nel riconoscere la responsabilità del falsus procurator verso il terzo incolpevole, con il quale ha contrattato senza avere i poteri rappresentativi, dà rilievo soltanto alla...

Agevolazioni fiscali "prima casa" anche quando l'acquirente in comunione legale non trasferisce la residenza entro diciotto mesi se dimostra la coabitazione con la moglie residente nell'appartamento acquistato. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 1494 del 27 gennaio 2016)

In materia di agevolazione per l'acquisto della prima casa, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, di talché ove l'immobile acquistato venga adibito a residenza, non rileva la diversa...

Efficacia meramente obbligatoria o reale della clausola statutaria di prelazione? Inopponibilità della cessione alla società ed ai soci prelazionari, ma inoperatività del retratto. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 24559 del 2 dicembre 2015)

La prelazione convenzionale, avendo efficacia obbligatoria, è efficace e vincolante per i soli contraenti e non per i terzi estranei. Tali principi sono applicabili anche al caso in cui il patto di...

E' possibile intestare la nuda proprietà alla badante mentre il beneficiario di Ads mantenga il solo usufrutto a fronte dell'impegno della prima a fornire al secondo assistenza morale e materiale per tutta la vita? Autorizzabile l'operazione con finalità di costituzione di un vitalizio assistenziale. (Tribunale di Torino, 27 novembre 2015)

Deve ritenersi che il beneficiario dell’amministrazione di sostegno ben possa essere parte contraente di un contratto atipico di vitalizio assistenziale o mantenimento e cioè di quel contratto in base...

Acquisto "prima casa" e mancato trasferimento della residenza entro 18 mesi: in ogni caso il contribuente decade dalle agevolazioni senza che abbia rilevanza la "forza maggiore", cioè il sopraggiungere di circostanze imprevedibili ed imprevenibili. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 2616 del 10 febbraio 2016)

Il termine perentorio di diciotto mesi fissato, a pena di decadenza, per il trasferimento di residenza, ai fini della conservazione dell'agevolazione fiscale, non tollera alcuna giustificazione in...

Continue richieste di pagamento di un debito già estinto? L'ente pubblico può essere condannato a risarcire il danno da stress cagionato dalla condotta negligente della P.A. (Giudice di Pace di La Spezia, sent. n. 640 del 29 settembre 2015)

L’ente pubblico deve essere condannato a risarcire al contribuente il danno non patrimoniale per la reiterata richiesto di adempimento a un versamento in realtà già corrisposto dovendosi ritenere...

L'ipotesi di prescrizione ex art. 184 cod.civ. costituisce ipotesi speciale rispetto alla regola generale di cui all’art. 1442 cod.civ. che prevede un termine quinquennale per proporre l'azione di annullamento. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 10653 del 22 maggio 2015)

L'art. 184, comma II, c.c., il quale prevede, senza deroga alcuna, la prescrizione annuale dell'azione di annullamento degli atti di disposizione di beni immobili o mobili registrati compiuti da un...