Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Elenco delle notizie - Pagina 31

Condizioni per l’applicazione dell’art. 2932 cc alla dichiarazione unilaterale di impegno al ritrasferimento di immobile effettuata in esecuzione di un precedente accordo fiduciario. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 10633 del 15 maggio 2014)

La dichiarazione unilaterale scritta con cui un soggetto si impegna a trasferire ad altri la proprietà di uno o più beni immobili in esecuzione di un precedente accordo fiduciario non costituisce...

Nuncius e non rappresentante chi abbia semplicemente specificato che l'oblato (il cui nome non era stato fatto, ancorchè si trattasse di soggetto individuabile) aveva accettato la proposta contrattuale. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 3433 del 14 febbraio 2014)

Assume la veste di nuncio, e non di rappresentante, colui il quale si limiti ad informare il proponente dell'avvenuta accettazione della sua proposta contrattuale, a nulla rilevando che tale...

Operatività del principio di cui al I comma dell'art. 1706 cod.civ. ed opponibilità, alla stregua dello stesso, del trasferimento di titoli azionari acquistati dal mandatario. (Cass. Civ., Sez. IV, sent. n. 3037 dell’11 febbraio 2014)

In tema di acquisti effettuati dal mandatario in nome proprio, il disposto dell'art. 1706, comma I, c.c., deve essere coordinato - qualora si tratti di azioni di società con unico soci o- con il...

Agevolazioni "prima casa": caratteri della "forza maggiore" che rende inapplicabili le sanzioni per il mancato rispetto della normativa in relazione al requisito di aver assunto la residenza nell'immobile acquistato. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 13177 dell’11 giugno 2014)

Nel quadro delle agevolazioni fiscali connesse all'acquisto della prima casa, la forza maggiore consiste in un evento non prevedibile che sopraggiunge inaspettato e sovrastante la volontà del...

Condominio: nomina di un nuovo amministratore in difetto di preventiva revoca di quello precedente. Applicabilità del principio di cui alll'art. 1724 cod.civ. in tema di revoca tacita. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 9082 del 18 aprile 2014)

Deve escludersi la legittimazione ad impugnare, ai sensi dell'art. 1137 c.c., la delibera condominiale da parte del condomino assente, il quale faccia valere il vizio di annullabilità per difetto...

Società di persone. Finalità della regola della responsabilità solidale e illimitata dei soci per le obbligazioni sociali: protezione dei creditori sociali, non della società. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 6293 del 19 marzo 2014)

Nella società in nome collettivo, così come in quella semplice, la responsabilità solidale e illimitata dei soci per le obbligazioni sociali è posta a tutela dei creditori della società e non di...

Natura giuridica del credito relativo agli utili dovuti in forza di contratto di associazione in partecipazione: obbligazione di valuta. Applicazione del principio nominalistico. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 13649 del 30 maggio 2013)

L'obbligo di pagare una somma di denaro da determinarsi in base ad un criterio preventivamente stabilito dà luogo a un debito pecuniario, tale essendo non solo ogni debito in cui l'assetto originario...

Causa del finanziamento finalizzato all’acquisto di strumenti finanziari: negozio atipico ed unitario. Diritto di recesso dai contratti di investimento stipulati fuori sede. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 7776 del 3 aprile 2014)

L'operazione finanziaria consistente nell'erogazione al cliente, da parte di una banca, di un mutuo contestualmente impiegato per acquistare per conto del cliente strumenti finanziari predeterminati...

Azione revocatoria ordinaria: praticabile in relazione al credito risarcitorio in favore del primo acquirente, secondo trascrivente? (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 20118 del 2 settembre 2013)

Nell'ipotesi in cui un immobile venga venduto in tempi successivi a due diversi acquirenti, dei quali solo il secondo trascriva il proprio acquisto, rendendolo così opponibile al primo, quest'ultimo...

Il patto parasociale finalizzato al risanamento aziendale, qualificabile anche quale contratto a favore di terzo, può essere risolto per inadempimento se i soci non provvedono ad eseguire le prestazioni promesse a favore della società. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 9846 del 7 maggio 2014)

I patti parasociali costituiscono convenzioni atipiche che si pongono sul ‘piano parasociale’, in quanto riguardante i rapporti personali tra i soci e sul quale essi sono destinati ad operare,...