Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Elenco delle notizie - Pagina 46

Il notaio che abbia ritualmente stipulato un atto pubblico non è responsabile del fatto che il contenuto non rispecchi gli accordi tra le parti. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 5535 del 5 aprile 2012)

Tramite la sottoscrizione di un atto, la parte fa proprio e conferma il contenuto dell’atto medesimo, autorizzando a presumere che esso sia conforme alla sua volontà. La prova contraria deve essere...

E' infondata la questione di illegittimità costituzionale del’art. 803 cod.civ. nella parte in cui non prevede la revocazione degli atti di liberalità per sopravvenienza di figli adottivi maggiorenni. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 6761 del 4 maggio 2012)

La revocazione della donazione per sopravvenienza di figli risponde all'esigenza di consentire al donante di riconsiderare l'opportunità dell'attribuzione liberale a fronte della sopravvenuta nascita...

Disciplina del pagamento, interessi moratori nelle "transazioni commerciali": modifiche al d.lgs. 9 ottobre 2002, n. 231, portante recepimento della Direttiva 2011/7/UE (lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali a norma dell'articolo 10, comma 1, della L. 11 novembre 2011, n. 180. (D.Lgs. 9 novembre 2012, n. 192)

E' stato emanato il D.Lgs. 9 novembre 2012, n. 192, recante "Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, per l'integrale recepimento della direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i...

Le associazioni professionali possono avviare la causa per reprimere la concorrenza sleale dei singoli professionisti, ma non per ottenere il risarcimento del danno in difetto di una concreta operatività nel relativo settore. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 7047 del 9 maggio 2012)

Le associazioni professionali possono avviare la causa per reprimere la concorrenza sleale dei singoli professionisti ma non per ottenere il risarcimento del danno. L’art. 2601 c.c. attribuisce alle...

L'accordo con il quale cui le parti di una vendita immobiliare abbiano convenuto un prezzo differente da quello indicato nell'atto notarile è sottoposto alle limitazioni della prova testimoniale di cui all'art.2722 cod.civ. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 7769 del 15 aprile 2011)

La pattuizione con cui le parti di una compravendita immobiliare abbiano convenuto un prezzo diverso da quello indicato nell'atto scritto, soggiace, tra le stesse parti, alle limitazioni della prova...

Revoca espressa di testamento pubblico riproducente le medesime disposizioni di precedente testamento olografo: quali conseguenze sulle disposizioni portate da quest'ultimo? (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 17267 del 10 ottobre 2012)

Ove ad un testamento olografo faccia seguito un testamento pubblico recante la medesima attribuzione patrimoniale in favore dello stesso erede, la successiva revoca, per atto notarile, del testamento...

Se a vendere è il sedicente procuratore del proprietario del bene non è configurabile l'acquisto per intervenuta usucapione abbreviata. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 4851 del 26 marzo 2012)

L'usucapione abbreviata, di cui all'art. 1159 c.c., non è configurabile in relazione all'acquisto posto in essere da un falsus procurator del proprietario, non integrando l'atto compiuto in nome...

I denari depositati su conto corrente bancario cointestato a coniugi in separazione dei beni sono necessariamente comuni? (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 19115 del 6 novembre 2012)

La presunzione di contitolarità di un conto corrente dà luogo solo all’inversione dell’onere probatorio e può essere superata con presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti dalla parte...

Implicito esercizio del diritto potestativo di cui all'art.550 cod.civ. (cautela sociniana) ed antecedente contegno concludente inteso a dare volontaria attuazione alle disposizioni testamentarie lesive. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 3894 del 12 marzo 2012)

In tema di c.d. cautela sociniana, la proposizione, da parte del legittimario al quale il de cuius abbia assegnato l'usufrutto sulla disponibile o su parte di essa, della domanda di divisione con...

Insufficienza della mera quietanza ad integrare il requisito della forma scritta in riferimento ai contratti aventi ad oggetto il trasferimento di beni immobili. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 5158 del 30 marzo 2012)

Nei contratti aventi ad oggetto il trasferimento di beni immobili, ad integrare l'atto scritto, richiesto ad substantiam, non è sufficiente un qualsiasi documento, ma occorre che lo scritto contenga...

Annullamento della procura per incapacità naturale del rappresentato. Utilizzo della procura nel tempo antecedente l'annullamento. Rappresentanza apparente. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 3787 del 9 marzo 2012)

L'annullamento della procura per incapacità naturale elimina i poteri del rappresentante, di modo che l'atto da costui perfezionato deve intendersi come stipulato in carenza di potere...

Conseguenze dell'incongruità della valutazione peritale di stima dell'immobile concesso in garanzia: nullità del mutuo fondiario a cagione del superamento dell’importo rispetto alla misura massima finanziabile? (Tribunale di Venezia, 26 luglio 2012)

La stima di un immobile redatta per individuare il limite di finanziabilità di un mutuo fondiario deve attenersi alle norme di cui all'art. 38, comma II, del d. lgs. n. 385/1993 ed alla delibera CICR...

L’alienazione, da parte di un coerede, dei diritti allo stesso spettanti su alcuni beni non fa subentrare l’acquirente nella comunione. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 737 del 19 gennaio 2012)

Ai sensi dell'art. 757 c.c., la vendita da parte di un coerede dei diritti allo stesso spettanti su alcuni beni facenti parte della comunione ereditaria, avendo effetti puramente obbligatori, non fa...