Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Attribuzione patrimoniale effettuata del fideiussore in favore della prole in adempimento ad obblighi assunti nel verbale di separazione omologato dal Giudice. Non è revocabile. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 6076 del 26 marzo 2015)

Deve essere confermato il rigetto della domanda di revoca proposta dalla banca ex art. 2901 c.c. dell'atto di donazione posto in essere da parte del fideiussore che prestò garanzia in favore della società poi fallita dovendosi escludere la natura meramente potestativa della condizione de qua sì come collegata ad un preciso interesse economico dell'alienante - vale a dire quello di procedere alla definitiva sistemazione dei rapporti patrimoniali riguardanti i figli e la ex moglie dopo la separazione personale - e dovendosi invece qualificare la convenzione intercorsa tra le parti, escludendone il carattere di atto di liberalità, come negozio di adempimento di un obbligo a contenuto economico assunto da detto alienante onde pervenire ad una completa sistemazione dei rapporti patrimoniali tra i coniugi e dell'obbligo di mantenimento dei figli.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso di specie veniva in considerazione i trasferimento immobiliare, eseguito in adempimento di obblighi portati da decreto omologato di separazione consensuale tra coniugi, consistente nell'attribuzione senza corrispettivo della nuda proprietà di un complesso immobiliare ai figli e dell'usufrutto alla moglie. La banca che aveva sovvenuto ls società di poi fallita provvede ad escutere il fidejussore; attivandosi in tal senso agisce con l'azione revocatoria ordinaria onde far dichiarare l'inefficacia del trasferimento in parola. L'azione viene respinta, Ma non in via astratta, bensì semplicemente perchè il procedimento di separazione era stato intrapreso quattro anni prima rispetto al tempo di assunzione dell'obbligazione fidejussoria ed inoltre la società è stata dichiarata fallita due anni dopo. E' mancata la dimostrazione che la crisi economica della società fosse manifesta già al tempo della intrapresa del procedimento di separazione.

Aggiungi un commento