Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Al fine di escludere la natura liberale di un'attribuzione va accertata l’eventuale sproporzione fra le prestazioni a carico dei contraenti. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 7479 del 25 marzo 2013)

È illegittima perché viziata la motivazione della sentenza di merito che rigetta la domanda di simulazione avuto riguardo al contratto di mantenimento che prevede da parte dell’anziano padre la cessione dell’immobile al figlio e alla nuora condizionata al vitalizio alimentare nei confronti del genitore, laddove non si verifica l’eventuale sproporzione delle prestazioni cui si obbligano le parti, ad esempio con riferimento all’epoca di conclusione del contratto , all’età del cedente e al valore del cespite, dovendosi osservare che la sussistenza dello spirito di liberalità e la sussistenza della consapevolezza in capo al cedente ben può essere accertato in via presuntiva proprio tramite l'accertamento della sproporzione tra le rispettive prestazioni dei contraenti.

Commento

(di Daniele Minussi)
L'ipotesi concretamente all'attenzione dei Giudici era costituita da un contratto di mantenimento nel quale, a fronte della cessione della proprietà di un bene immobile, i cessionari si erano impegnati ad assicurare vitto, alloggio ed assistenza al cedente vita natural durante. La S.C. ha criticato l'impostazione del Giudice di merito, che aveva omesso di valutare, ai fini della proposizione dell'azione di simulazione finalizzata all'accertamento dell'eventuale natura liberale dell'attribuzione e della conseguente riunione fittizia che, a propria volta, avrebbe condotto alla proposizione dell'azione di riduzione, il contenuto dell'aleatorietà del contratto. Quando infatti tale indagine, tenuto conto di tutti gli elementi palesati dal congegno negoziale (età del vitaliziato, stato di salute dello stesso, valore economico del bene e delle prestazioni) avesse manifestato una sostanziale sproporzione, sarebbe stato possibile qualificare diversamente l'accordo, disvelandone la reale natura liberale o, quantomeno, di negotium mixtum cum donatione.

Aggiungi un commento