Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Mandato e prova della simulazione




E' possibile che il mandatario munito di poteri rappresentativi ne faccia uso stipulando un contratto simulato in danno del mandante.In tal caso costui assume la qualità di terzo rispetto all'atto simulato nota1 , non essendo vincolato ai limiti afferenti alla prova scritta di cui all'art. 1417 cod.civ. . Conseguentemente il mandante potrà avvalersi sia di prove testimoniali, sia di presunzioni (Cass.Civ., Sez. III, 2344/77 ).

Note

nota1

Così, Ricciuto, La simulazione, in I contratti in generale, a cura di Gabrielli, t.2, Torino, 1999, p.1422. Cfr. anche Cass.civ. Sez. II, 5143/87 .
top1

 

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Mandato e prova della simulazione"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti