Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Limiti alla prova testimoniale della simulazione posti all'erede; inconferenza dell'eventuale dispensa dalla collazione e della proposizione dell'azione di divisione. (Cass. Civ., Sez. VI-II, sent. n. 536 dell’11 gennaio 2018)

In considerazione dell'autonomia e della diversità dell'azione di divisione ereditaria rispetto a quella di riduzione, il giudicato sullo scioglimento della comunione ereditaria in seguito all'apertura della successione legittima non comporta un giudicato implicito sulla insussistenza della lesione della quota di legittima, sicché ciascun coerede condividente, pur dopo la sentenza di divisione divenuta definitiva, può esperire l'azione di riduzione della donazione compiuta in vita dal "de cuius" in favore di altro coerede dispensato dalla collazione, chiedendo la reintegrazione della quota di riserva e le conseguenti restituzioni, il semplice riferimento alla idoneità delle donazioni a determinare la riduzione della quota indisponibile, deve essere inteso, in assenza di una esplicita domanda di riduzione delle donazioni stesse, come riferibile alla possibilità di un successivo esperimento dell'azione di riduzione, ove il risultato della divisione non avesse assicurato ai ricorrenti il conseguimento di quanto dalla legge riconosciutogli, sulla base delle norme in materia di successione necessaria.
Del tutto improprio risulta il riferimento all'istituto della dispensa da collazione per giustificare una deroga alle regole in tema di prova della simulazione per l'erede, trattandosi di istituto che opera o meno, una volta che sia stata accertata la natura di donazione dell'atto, la cui verifica va però condotta in base alle previsioni di cui all'art. 1417 c.c., ove la parte non abbia inteso far valere nel giudizio anche la qualità di legittimaria. Solo la spendita di tale qualità e la strumentalità dell'azione di simulazione al coevo esperimento dell'azione di riduzione consente all'erede di poter aggirare il limite probatorio posto dalla norma in questione per la parte (ovvero i suoi successori universali) del negozio simulato.

Commento

(di Daniele Minussi)
Premesso che l'istituto della collazione ha a che fare con le operazioni di natura divisionale, l'azione di riduzione non ha nulla ha a che fare con il procedimento di divisione giudiziale e con la relativa domanda introdotta da uno dei coeredi. ne discende che rimane proponibile, pur all'esito decisionale del detto procedimento, l'ulteriore domanda intesa ad ottenere la riduzione delle disposizioni lesive della porzione legittima. l'inconferenza dei due profili è reiterabile a livello probatorio: la dispensa dalla collazione (che sortisce quale unica conseguenza quella di evitare che il coerede sia tenuto, una volta apertasi la successione, a conferire alla massa ereditaria quanto ricevuto a titolo di liberalità donativo) non sortisce alcun effetto in tema di limiti della prova in materia di simulazione.

Aggiungi un commento