Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Atto di Integrazione di legittima


Repertorio N. XXXXXX Raccolta N. XXXXXX
ATTO DI INTEGRAZIONE DI DIRITTI DI LEGITTIMA
REPUBBLICA ITALIANA
L'anno duemilaquattordici
il giorno XXXXXX
del mese di XXXXXX.
In Lecco, nel mio studio in Via Balicco n.61.
Innanzi a me Dottor Daniele Minussi, Notaio residente in Lecco, iscritto nel Ruolo del Collegio Notarile dei Distretti Riuniti di Como e Lecco,
sono personalmente comparse le signore:
- CAIA, nata a XXXXXX (XX) il giorno XXXXXX, residente in XXXXXX (XX) Via XXXXXX n.X; Codice Fiscale: XXXXXX;
- TIZIA, nata a XXXXXX (XX) il XXXXXX, domiciliata in XXXXXX (XX) Via XXXXXX n.X; Codice Fiscale: XXXXXX, la quale interviene al presente atto non in proprio ma nella qualità di Amministratrice di Sostegno del Signor:
- SEMPRONIO, nato a XXXXXX (XX) il XXXXXX, residente in XXXXXX (XX) Località XXXXXX n.X; Codice Fiscale: XXXXXX;
tale nominata con decreto emesso dal Tribunale di Lecco in data XXXXXX n.XX/XX N.C., al presente atto autorizzata dal Giudice Tutelare presso il Tribunale di Lecco in data XXXXXX depositato in Cancelleria in data XXXXXX che, in copia conforme all'originale rilasciata dal medesimo Tribunale in data XXXXXX si allega al presente atto sotto la lettera "A".
Dette comparenti della cui identità personale, qualifica e poteri, io Notaio sono certo,
premettono
1) che in data XXXXXX è deceduta in XXXXXX la signora MEVIA, nata a XXXXXX (XX) il XXXXXX, residente in vita in XXXXXX (XX) Località XXXXXX n.X, Codice Fiscale: XXXXXX, lasciando testamento olografo pubblicato con atto a rogito Dottor Angelo Andrea Auletta, Notaio in Delebio, in data XXXXXX Repertorio n. XXXXXX/XXXXXX, registrato a Morbegno in data XXXXXX al n. XXXXXX;
2) che la signora MEVIA era coniugata con il signor SEMPRONIO;
3) che nel predetto testamento la de cuius ebbe ad istituire quale erede universale la signora CAIA;
4) che la signora CAIA non è legata da vincoli di affinità o parentela con la signora MEVIA, non rivestendo né la qualità di erede necessario né di erede ab intestato;
5) che la defunta Signora MEVIA non ebbe a lasciare soggetti legittimari oltre al coniuge Signor SEMPRONIO, sopra generalizzato;
6) che la nominata erede signora CAIA intende riconoscere al signor SEMPRONIO la quota di legittima (in ragione di 1/2) ad esso spettante in forza dell'art.540, 1 comma, cod. civ., volontariamente abbandonando quanto devolutole per testamento dalla de cuius e trattenendo per sè il lascito nella misura della sola disponibile.
Tutto ciò premesso
che forma parte integrante e sostanziale del presente atto
si conviene e si stipula quanto segue:
INTEGRAZIONE DI LEGITTIMA
1) La signora CAIA riconosce il diritto alla porzione di legittima, a valere sul compendio ereditario lasciato dalla defunta Signora MEVIA, spettante al signor SEMPRONIO, quota che, ai sensi dell'art. 540, primo comma, Cod.Civ. è determinata in ragione di 1/2 (un mezzo) dell'asse ereditario.
2) In esito a quanto sopra i Signori CAIA e SEMPRONIO, quest'ultimo come sopra rappresentato, dichiarano e riconoscono che l'eredità in oggetto deve dunque intendersi devoluta nelle seguenti proporzioni:
- al signor SEMPRONIO per la quota di 1/2 (un mezzo);
- alla signora CAIA per la quota di 1/2 (un mezzo).
3) I Signori CAIA e SEMPRONIO, quest'ultimo come sopra rappresentato, si rilasciano reciproca liberatoria in ordine alla devoluzione ereditaria, in forza di quanto dichiarato nel presente atto; riconoscono reciprocamente di non avere nulla a pretendere ciascuno nei confronti dell'altro, rinunciando ad ogni eventuale eccezione, riserva od azione, anche di riduzione.
4) I comparenti autorizzano la trascrizione del presente atto, dichiarando non esservi titolo per l'iscrizione di ipoteca legale, esonerando il competente Conservatore dei Registri Immobiliari da ogni responsabilità al riguardo.
5) Ai sensi della legge 19 maggio 1975 n.151 le parti dichiarano:
  • la signora CAIA di essere coniugata e di vivere in regime di comunione legale dei beni, ma che quanto in oggetto è bene personale stante la provenienza successoria;
  • il signor SEMPRONIO, come sopra rappresentato, di essere vedovo.
6) I comparenti, in proprio e come sopra rappresentati, concordemente dichiarano che il compendio ereditario alla data del decesso della Signora MEVIA era il seguente:
a) IMMOBILI
IN COMUNE DI MILANO
quota intera del diritto di piena proprietà
Porzione di fabbricato sita alla Via Popoli Uniti n.15 composta da un locale con cucina e bagno al piano terzo, censita al Catasto Fabbricati come segue:
Foglio (omissis).
b) ATTIVITA' BANCARIE
- Conto Corrente ordinario n. (omissis) a MEVIA - Saldo alla data del decesso pari ad Euro XXXXXX,XX (XXXXXX);
- Conto Corrente n. XXXXXX (omissis) - quota di spettanza della defunta Euro XXXXXX,XX (XXXXXX);
- Conto Corrente di corrispondenza n. (omissis) intestato a MEVIA e SEMPRONIO - Saldo alla data del decesso pari ad Euro pari ad Euro XXXXXX,XX (XXXXXX);
e quota di spettanza della defunta Euro pari ad Euro XXXXXX,XX (XXXXXX);
(omissis)
CREDITI
Credito vantato nei confronti del Signor MEVIO, (omissis) pari ad Euro pari ad Euro XXXXXX,XX (XXXXXX).
  • **
Ai soli fini dell'iscrizione del presente atto nel Repertorio le parti dichiarano che il valore della quota riconosciuta a favore del signor SEMPRONIO è pari a complessivi Euro pari ad Euro XXXXXX,XX (XXXXXX).
  • **
Le spese e tasse relative e conseguenti al presente atto vengono assunte dalla signora CAIA.
Ai fini fiscali i comparenti, in proprio e come sopra rappresentati:
- confermano la natura dichiarativa e non traslativa del presente atto, che riconoscono in adempimento di norme di legge (art. 540 Codice Civile, art. 30, comma 1 lettera d) e art. 43 del D.Lgs. 31 ottobre 1990 n. 346, trattandosi di attribuzione di quota di una metà del compendio ereditario al coniuge della de cuius testamentariamente pretermesso;
- chiedono pertanto l'applicazione delle imposte di registro ed ipotecaria in misura fissa.
Richiesto io Notaio ho ricevuto il presente atto, di cui ho dato lettura, essendone stato in precedenza dispensato per quanto attiene al ben conosciuto allegato, alle comparenti, le quali dichiarano di approvarlo, in quanto conforme alla volontà espressami, sottoscrivendolo con me Notaio alle ore dieci e minuti venticinque
Lo stesso consta di tre fogli scritti da persona di mia fiducia sotto la mia direzione mediante mezzo elettronico e per poca parte manoscritto da me Notaio per tre pagine intere e fin qui della quarta.
F.TO: TIZIA - CAIA - DANIELE MINUSSI NOTAIO - L.S.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Atto di Integrazione di legittima"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto