Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., sez. II, n.20682/2005. Deduzione della prova testimoniale relativa alla tempestività della denunzia dei vizi nella vendita.

In materia di prova per testimoni relativa alla tempestività della denuncia dei vizi della cosa venduta, è esente da vizi logici e giuridici la valutazione del giudice di merito che abbia ritenuto inammissibile, in quanto generico, il capitolo di prova in cui si dice che la denuncia è stata effettuata “immediatamente” senza altra individuazione temporale.

Commento

La prova della tempestività della denunzia del vizio relativo alla cosa oggetto della vendita postula un riferimento cronologico comunque individuato. Questo requisito non si può certo considerare sussistente in relazione alla deduzione di una circostanza generica quale quella evocata da una "immediata" denunzia fatta al venditore.

Aggiungi un commento