Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Attribuzione convenzionale al coniuge del diritto personale di godimento della casa: tertium genus rispetto al comodato ed al "precario"? (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 1666 del 29 gennaio 2016)

Sono configurabili nel nostro ordinamento due forme di comodato, vale a dire la figura di cui agli artt. 1803 e 1809 c.c. e quella del c.d. precario (al quale si riferisce l'art. 1810 c.c. sotto la rubrica comodato senza determinazione di durata). Solo nel caso di cui all'art. 1810 c.c., connotato dalla mancata pattuizione di un termine e dalla impossibilità di desumerlo dall'uso cui doveva essere destinata la cosa, è consentito di richiedere ad nutum il rilascio al comodatario. L'art. 1809 c.c. concerne, invece, il comodato sorto con la consegna della cosa per un tempo determinato o per un uso che consente di stabilire la scadenza contrattuale ed è caratterizzato dalla facoltà del comodante di esigere la restituzione immediata solo in caso di sopravvenienza di un urgente e imprevisto bisogno (art. 1809, comma 2, c.c.). A questo tipo contrattuale va, quindi, ricondotto il comodato di immobile che sia stato pattuito per la destinazione di esso a soddisfare le esigenze abitative della famiglia del comodatario, da intendersi in tal caso anche nelle sue potenzialità di espansione. Si tratta, infatti, di contratto sorto per un uso determinato e, dunque, come è stato osservato, per un tempo determinabile per relationem, che può essere cioè individuato in considerazione della destinazione a casa familiare contrattualmente prevista, indipendentemente dall'insorgere di una crisi coniugale. Ed è grazie a questo inquadramento che risulta senza difficoltà applicabile il disposto dell'art. 1809, comma 2, norma che riequilibra la posizione del comodante ed esclude distorsioni della disciplina negoziale.

Commento

(di Daniele Minussi)
Il tema è di quelli che fanno discutere e che, a causa della frequenza dei casi concreti, risulta anche statisticamente non irrilevante. I genitori (spesso di lui) "prestano" l'appartamento ai novelli sposi. Quando la coppia inizia ad aver problemi, il marito viene "cacciato" di casa, mentre la moglie rimane nell'immobile dei suoceri. Possono costoro rientrare nella disponibilità dell'appartamento? A quali condizioni? In quali tempi? Se l'immobile è stato comodato allo scopo di adibirlo a casa familiare, tale destinazione vale a qualificare il vincolo sorto in chiave di comodato concesso per un uso determinato. Ne segue l'applicabilità del II comma dell'art. 1809 cod.civ., in forza del quale se durante il termine convenuto o prima che il comodatario abbia cessato di servirsi della cosa, sopravviene un urgente e impreveduto bisogno al comodante, questi può esigerne la restituzione immediata. Queste regole, già specificate da Cass. SSUU 2014/20448, vengono arricchite dalla precisazione in base alla quale spetterebbe a colui che occupa l'immobile dar conto dell'esistenza di un titolo differente in forza del quale invocare l'esistenza di un diritto personale di godimento che consenta la sua permanenza.

Aggiungi un commento