Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., Sez. II, n. 14796/2009. Assenza di causa per difetto di aleatorietà connessa alla situazione di salute del vitaliziato nel vitalizio atipico.

Nel contratto di vitalizio assistenziale, con riferimento all'età e allo stato di salute, l'alea è esclusa e il contratto deve essere dichiarato nullo soltanto se, al momento della conclusione, il beneficiario era affetto da malattia che, per natura e gravità, rendeva estremamente probabile un rapido esito letale, e che ne abbia provocato in effetti la morte dopo breve tempo, oppure se il beneficiario aveva un'età talmente avanzata da non poter certamente sopravvivere, anche secondo le previsioni più ottimistiche, oltre un arco di tempo determinabile.

Commento

(di Daniele Minussi) La nullità della rendita o del vitalizio per difetto di aleatorietà connesso alla situazione di salute del vitaliziato viene dedotta direttamente dall'assenza di causa in concreto che non può non colpirne l'atto costitutivo.

Aggiungi un commento