Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Recesso (contratto di lavoro subordinato)



L'art. art.2118 cod.civ. rispecchia una disciplina del contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato che non si può dire rispondente alla realtà normativa ormai da parecchi anni, in esito all'intervento della relativa legislazione speciale (cfr. la legge 15 luglio 1966 n. 604 sui licenziamenti individuali , la legge 20 maggio 300/70 art. 18, sullo statuto dei lavoratori, la legge 11 maggio 1990 n. 108). Alla stregua di dette norme, in generale, si può dire che il recesso da parte del datore di lavoro, vale a dire il licenziamento del prestatore di lavoro, non può avvenire se non per giusta causa ai sensi dell'art. 2019 cod.civ. ovvero per giustificato motivo nota1. Giova rilevare come quest'ultima norma (per effetto della riforma introdotta dal D. Lgs. 14/2019), sia pure a far tempo dal 15 agosto 2019, contenga la previsione in base alla quale gli effetti della liquidazione giudiziale sui rapporti di lavoro sono regolati dal codice della crisi e dell'insolvenza.

Ai sensi dell'art. 2118 cod.civ. ciascuno dei contraenti poteva recedere dando preavviso. Datore e prestatore di lavoro si trovavano in una apparente posizione paritaria ai fini dell'esercizio del recesso unilaterale ad nutumnota2 . Questa regola è tuttora applicabile nell'ambito dei rapporti di lavoro dei dirigenti e, più in generale, in quelli nei quali specifiche norme (di legge,  regolamentari o afferenti alla contrattazione collettiva) così prescrivono a favore del prestatore di lavoro nei casi di recesso del datore. In queste ipotesi, difettando il preavviso, colui che recede è tenuto, nei confronti dell'altra parte, alla corresponsione di una indennità equivalente all'importo della retribuzione correlata al periodo di (mancato) preavviso.

Note

nota1

Brollo, in Comm.cod.civ., dir. da Cendon, vol.V, Torino, 1997, p.397.
top1

nota2

Mancini, Il recesso unilaterale e i rapporti di lavoro, Milano, 1962, p.1965.
top2

Bibliografia

  • BROLLO, Torino, Comm.cod.civ.Cendon, V, 1997
  • MANCINI, Il recesso unilaterale e i rapp. di lav., Milano, 1962

News collegate

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Recesso (contratto di lavoro subordinato)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti