Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Può la prova della sopravvenuta inidoneità dell' alloggio già di proprietà consentire l'acquisto di un nuovo immobile da adibire a prima casa nello stesso Comune? (CTR Catanzaro, Sez. IV, sent. n. 804 del 26 maggio 2015)

In tema di agevolazioni prima casa non sono possibili due acquisti agevolati in uno stesso comune a meno che il contribuente non provi l’inidoneità sopraggiunta del primo alloggio.
La disciplina dei requisiti per la fruizione del regime di favore “prima casa” è contenuta nella nota IIbis, dell’articolo articolo 1, della Tariffa, parte prima, allegata al Tur, ai sensi della quale «ai fini dell’applicazione dell’aliquota del 3 per cento agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, dell’usufrutto, dell’uso e dell’abitazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni… c) che nell’atto di acquisto l’acquirente dichiari di non essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale, su tutto il territorio nazionale, dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni di cui al presente articolo». Il contribuente sosteneva che il secondo acquisto si era reso necessario per inidoneità dell’abitazione a svolgere le funzioni di “prima casa” sia per la distanza dal luogo di lavoro che per il fatto di essere stata concessa in uso ai propri genitori. I giudici di secondo grado non soltanto hanno accertato l’esistenza della condizione ostativa costituta dalla titolarità in capo alla contribuente di un altro immobile acquistato col medesimo beneficio, ma hanno pure ritenuto che la medesima non abbia offerto prova, «della dedotta inidoneità sopraggiunta del primo alloggio: non solo, infatti, la concessione in godimento a terzi non risulta da alcun atto certo e opponibile, ma, addirittura, è proprio il certificato versato in atti dall’appellante … ad attestare come ella, sin dall’assunzione, abbia sempre avuto la medesima sede di lavoro».

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso di specie la risposta è stata negativa, ma sulla base della mancata prova della inidoneità del primo appartamento già acquistato con le agevolazioni ed ancora rimasto nel patrimonio di chi ne voleva acquistare un altro, nello stesso Comune, fruendo ancora una volta delle stesse agevolazioni. Va tuttavia notato come, testualmente, il modo di disporre del dettato normativo (nota II bis dell'art.1 della Tariffa, parte prima del T.U. 1986 n.131) non abiliti l'interprete a reputare possibile l'acquisto ulteriore di un secondo appartamento con le dette agevolazioni conservando la proprietà del primo. Ma poi, come valutare in concreto l'idoneità di un alloggio a fungere da prima casa?

Aggiungi un commento