Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La semplice stipulazione di un contratto preliminare non permette il mantenimento dei benefici fiscali "prima casa" relativi alla abitazione già acquistata e successivamente venduta prima del quinquennio. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 2613 del 10 febbraio 2016)

In tema di agevolazioni tributarie per l'acquisto della prima casa, il contribuente che abbia venduto l'immobile entro cinque anni dall'acquisto, per evitare la decadenza dal beneficio, è tenuto a comprare, entro un anno dall'alienazione, altro immobile da adibire a propria abitazione principale, non potendosi considerare sufficiente la stipula di un contratto preliminare, che ha effetti solo obbligatori, atteso che per "acquisto", ai sensi dell'art. 1, nota II bis, comma IV, della Tariffa allegata al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, si deve intendere l'acquisizione del diritto di proprietà e non la mera insorgenza del diritto di concludere un contratto di compravendita. La precisa formulazione della norma di legge consente, infatti, di concludere che non è possibile dare rilevanza alcuna a stati soggettivi o cause di forza maggiore che abbiano inciso sulla perdurante ricorrenza dei presupposti normativamente previsti, entro i termini fissati dalla legge, per il mantenimento del beneficio.

Commento

(di Daniele Minussi)
Come è noto chi cede l'abitazione acquistata con le agevolazioni "prima casa" prima di cinque anni, le perde. Ciò importa non soltanto il recupero da parte del fisco della differenza tra quanto pagato a titolo di imposta do registro, catasto e trascrizione e la misura piena di tali imposte, ma anche una sovrattassa del 30% nonchè gli interessi legali sulle somme dovute. Tale non fausta conseguenza è evitabile solo che si provveda, entro un anno dalla vendita, ad acquistare nuovamente una "prima casa" impiegando quanto ricavato dall'alienazione. Chiariscono i Giudici, del tutto condivisibilmente, che, a tal fine, non basta tuttavia la stipula di un mero contratto preliminare, essendo indispensabile il perfezionamento di un atto traslativo della proprietà. Nello stesso senso si veda già Cass. Civ., Sez. VI-T, 2014/17151.

Aggiungi un commento