Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Applicabili anche all'acquisto per usucapione le agevolazioni fiscali per l'acquisto della "prima casa". (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 14398 del 7 giugno 2013)

I benefici fiscali previsti per l'acquisto a titolo oneroso della "prima casa", relativi all'imposta di registro ed all'INVIM, si applicano, anche, alle sentenze dichiarative dell'acquisto per usucapione, ove l'immobile usucapito sia destinato a prima casa di abitazione, in virtù della previsione di cui dall'art. 8, nota 2 bis, della Tariffa allegata al d.P.R. n. 131/1986. Ciò in quanto, con l'art. 23, comma II, del D.L. n. 69/1989, convertito nella L. n. 154/1989, è stata aggiunta la nota 2 bis all'art. 8 della Tariffa, parte prima, del d.P.R. n. 131/1986, con la quale si stabilisce che i provvedimenti che accertano l'acquisto per usucapione della proprietà di beni immobili o di diritti reali di godimento sui medesimi sono soggetti alle disposizioni dell'art. 1 della tariffa; disposizione che, a sua volta, prevede l'aliquota ridotta per il trasferimento della "prima casa”.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia sancisce l'applicabilità dei benefici fiscali previsti in occasione dell'acquisto a titolo oneroso della prima abitazione in virtù della nota 2 bis dell'art.8 della Tariffa, parte prima, allegata al d.p.r. 131/1986 con la quale si prevede che i provvedimenti che accertano l'acquisto per usucapione della proprietà di beni immobili o di diritti reali di godimento sugli stessi sono soggetti alle disposizioni di cui all'art.1 della Tariffa, disposizione che, a propria volta, prevede per l'acquisto della prima casa l'aliquota dell'imposta di registro in misura ridotta.

Aggiungi un commento