Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Agevolazione prima casa per l’acquisto di due unità immobiliari. Quello che conta é il rispetto dei presupposti prescritti dalla legge. (Cass. Civ., Sez. VI-T, sent. n. 1810 del 24 gennaio 2018)

I benefici per l’acquisto della “prima casa” possono essere riconosciuti anche quando siano più di una le unità immobiliari contemporaneamente acquistate purché ricorrano due condizioni e cioè la destinazione, da parte dell’acquirente, di dette unità immobiliari, nel loro insieme, a costituire un’unica unità abitativa e la qualificabilità come alloggio non di lusso dell’immobile così unificato.
In tema di agevolazioni tributarie, i benefici fiscali per l'acquisto della "prima casa", previsti dall'art.1, comma VI, della l. n. 168/1982, spettano pure all'acquirente di immobile in corso di costruzione, da destinare ad abitazione "non di lusso", anche se tali benefici possono essere conservati soltanto qualora la finalità dichiarata dal contribuente nell'atto di acquisto, di destinare l'immobile a propria abitazione, venga da questo realizzata entro il termine di decadenza del potere di accertamento dell'Ufficio in ordine alla sussistenza dei requisiti per fruire di tali benefici (che con riferimento all'imposta di registro è di tre anni dalla registrazione dell'atto).

Commento

(di Daniele Minussi)
L'eventualità posta dal caso pratico è più frequente di quanto si pensi. Non viene in considerazione soltanto l'ipotesi (in verità rara) dell'acquisto contemporaneo di due unità immobiliari da "collegare", ma, assai più frequentemente, l'acquisizione successiva di un appartamento da unire a quello che si sia già acquistato fruendo delle agevolazioni "prima casa". Sul punto si veda la Risoluzione Agenzia delle Entrate N. 142/E, 2009 "Acquisto di alloggio contiguo, agevolazioni prima casa" che ebbe a recepire le indicazioni della giurisprudenza (cfr. CTR Potenza, sez.II, sent. n. 194/2016). Ciò che conta è non soltanto che l'unità immobiliare così risultante non sia riclassificata come A/1, A/8, A/9, ma che la fusione venga realizzata entro i termini di legge (18 mesi dall'acquisto).

Aggiungi un commento