Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cessione di una quota di un terreno dotato di attitudine edificatoria. Tassazione della plusvalenza quale reddito soggetto a tassazione separata. (CTR Roma, Sez. Staccata Latina sez. XVIII, sent. n. 1192 del 23 febbraio 2018)

È soggetta a tassazione separata la plusvalenza derivante dalla cessione di una quota del terreno edificabile e va calcolata in base alla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo di imposta e il prezzo di acquisto del bene ceduto.

Commento

(di Daniele Minussi)
Invero nessun principio divergente rispetto alla regola di cui all'art.68 del dar 22 dicembre 1986 n.517: deve essere assoggettato all'imposta con l'aliquota propria dei redditi soggetti a tassazione separata la plusvalenza che si genera per effetto della cessione di terreni (anche di una semplice quota) edificabili. La misura di tale plusvalenza, che rappresenta la base imponibile, va computata in base alla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo di imposta e il prezzo di cessione del bene.

Aggiungi un commento