Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ. sez. I, n. 11907/2003 Responsabilità dell'appaltatore- dies a quo di decorrenza del termine decadenziale annuale ai fini della denunzia dei gravi difetti

Nell'ipotesi di pretesa responsabilità dell'appaltatore per gravi difetti di costruzione di immobile, il termine annuale di prescrizione dalla denuncia degli stessi da parte del committente inizia a decorrere, in caso di proposta procedurale di accertamento tecnico preventivo, soltanto dalla data di deposito della relazione peritale da parte del consulente tecnico d'ufficio nominato dal giudice, e ciò in quanto soltanto dall'esame delle risultanze peritali il committente può scoprire con certezza come il difetto lamentato derivi da vizi della costruzione.

Commento

La pronunzia interviene a ridosso della precedente Cass. 8425/03 sullo stesso tema dell'individuazione del dies a quo di decorrenza del termine decadenziale annuale di cui all'art.1669 cod.civ., ambientando il tema in riferimento specifico alla proposizione di accertamento tecnico preventivo. Nel merito è stato deciso nel senso che il committente abbia contezza dei gravi difetti soltanto all'esito del deposito della relazione peritale. Sarà pertanto solo a far tempo da tale data che dovrò reputarsi decorrente il termine annuale in parola.

Aggiungi un commento