Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Fondo patrimoniale: regime pubblicitario


L'atto di costituzione del fondo patrimoniale è soggetto ad un peculiare regime pubblicitario che si aggiunge a quello "ordinario".
Va anzitutto distinto il caso in cui esso sortisca effetti traslativi (non importa se ad opera di uno dei coniugi o di un soggetto terzo) rispetto all'ipotesi in cui il medesimo abbia a sostanziarsi nella mera sottoposizione al vincolo di cui al fondo di beni la cui titolarità permanga in capo al/ai costitutore/i.
Infatti nella prima eventualità l'atto sarà sottoposto al regime pubblicitario che è proprio degli atti traslativi del diritto che ne costituisce l'oggetto (qualora, ad esempio, avesse ad oggetto diritti immobiliari, alla trascrizione con effetti dichiarativi, ai sensi degli artt. 2643 e 2644 cod.civ..
Sia nella prima, quanto nella seconda (assai più frequente) ipotesi invece si manifesta una (ulteriore solo nel primo caso) formalità pubblicitaria che costituisce una caratteristica essenziale dell'istituto in esame.
Ai fini dell'opponibilità del vincolo di cui al fondo, occorre infatti l'annotazione a margine del registro degli atti di matrimonio: cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 21658/09; Cass. Civ., Sez. III, 933/12; Cass. Civ., Sez. III, 20995/12; Cass. Civ., Sez. III, 5889/2016).
Non è sufficiente la mera trascrizione (si badi bene: con efficacia meramente notiziale, non sortendo il semplice vincolo effetti traslativi) dell'atto presso l'Ufficio del territorio competente. Giova poi osservare che, ai fini processuali, allo scopo di dar conto dell'esistenza e dell'opponibilità del fondo, risulta necessario esibire in giudizio la copia dell'atto munita degli estremi dell'annotazione nel registro dello stato civile (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 23955/2017). Occorre da ultimo osservare come la mancata esecuzione della annotazione dell’atto nulla abbia a che fare con la revocabilità dello stesso, ben praticabile nonostante esso non sia comunque opponibile ai creditori, quali terzi (Cass. Civ., Sez. III, 6450/2019).

Bibliografia

  • AULETTA, Il fondo patrimoniale, Milano, 1992
  • CARRESI, voce Fondo patrimoniale, Enc.Giur.Treccani
  • DE PAOLA , Il diritto patrimoniale della famiglia nel sistema del diritto privato: nozioni introduttive, convenzioni matrimoniali, comunione legale dei beni, comunione convenzionale, Milano, Il regime patrimoniale delle famiglie, t.3 , 1995
  • GABRIELLI, voce Patrimonio familiare e fondo patrimoniale, Enc.dir.

Guida operativa pratica


Prassi collegate

  • Studio n. 5848/C, Gli incrementi del fondo patrimoniale e l'autonomia convenzionale dei coniugi

News collegate

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Fondo patrimoniale: regime pubblicitario"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti