Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Pen. sez. V del 2017 numero 40839 (07/09/2017)



Tenuto conto della natura formale del reato di false dichiarazioni sull’identità o sulle qualità personali proprie o altrui, la possibilità che una dichiarazione "implicita" integri la previsione in oggetto deve, tuttavia, essere circoscritta, onde non violare il principio di legalità di cui all'art. 25 Cost. , al solo caso in cui il possesso di determinate qualità personali sia presupposto necessario dell'espressa dichiarazione resa al pubblico ufficiale, con un passaggio logico analogo a quello già evidenziato con riguardo al reato di falsità ideologica in atto pubblico, laddove si è detto che l'ambito attestativo di un atto pubblico non è circoscritto alla sua formulazione espressa, ma si estende anche alle attestazioni implicite, tutte le volte in cui una determinata attività del pubblico ufficiale, non menzionata nell'atto, costituisce indefettibile presupposto di fatto o condizione normativa della attestazione espressa.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. Pen. sez. V del 2017 numero 40839 (07/09/2017)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto