Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Pen. sez. V del 2017 numero 52572 (17/11/2017)



Integra la fattispecie criminosa di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico protetto (art. 615 ter c.p.) la condotta di accesso o di mantenimento nel sistema posta in essere da soggetto che, pure essendo abilitato, violi le condizioni e di limiti risultanti dal complesso delle prescrizioni impartite dal titolare del sistema per delimitarne oggettivamente l’accesso: ne consegue che la circostanza secondo cui l’agente fosse a conoscenza della password di accesso al sistema informatico non esclude il carattere abusivo degli accessi effettuati, in considerazione del risultato ottenuto di determinare il cambio della password con impostazione di una nuova domanda di recupero, palesemente in contrasto con la volontà del titolare della casella elettronica.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. Pen. sez. V del 2017 numero 52572 (17/11/2017)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto