Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

O "impresa familiare" o società. Natura giuridica dell'istituto. (Cass. Civ., Sez. Lavoro, sent. n. 20552 del 13 ottobre 2015)

L’esercizio dell'impresa familiare è incompatibile con la disciplina societaria, essenzialmente per la partecipazione del familiare agli utili ed ai beni acquistati con essi, nonché agli incrementi dell'azienda, anche in ordine all'avviamento, in proporzione alla quantità e qualità del lavoro prestato e non alla quota di partecipazione, oltre che per il riconoscimento di diritti corporativi al familiare del socio in conflitto con le regole imperative del sistema societario. Neppure esso si può configurare tra due coniugi di cui uno eserciti un'attività commerciale in qualità di socio di una società di persone, difettando la sua qualità di imprenditore, esclusivamente propria della società.

Commento

(di Daniele Minussi)
Se il marito è socio di una società in nome collettivo e la moglie gli "da una mano" non è configurabile una impresa familiare. La struttura di quest'ultima infatti è tale da determinare la qualità di imprenditore soltanto in capo ad un soggetto, rispetto al quale gli altri si pongono come collaboratori, ciò che è escluso dalla partecipazione quale socio in una compagine a base personale come nell'ipotesi all'attenzione dei giudici. Ne discendono rilevanti conseguenze, dal momento che alla persona che ha collaborato non possono applicarsi le peculiari norme (del tutto differenti rispetto a quelle applicabili in materia societaria) relative alla ripartizione degli utili, degli incrementi, di tutto quanto discende dalla speciale disciplina di cui all'art.230 bis cod.civ..

Aggiungi un commento