Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Annullamento della procura per incapacità naturale del rappresentato. Utilizzo della procura nel tempo antecedente l'annullamento. Rappresentanza apparente. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 3787 del 9 marzo 2012)

L'annullamento della procura per incapacità naturale elimina i poteri del rappresentante, di modo che l'atto da costui perfezionato deve intendersi come stipulato in carenza di potere rappresentativo.
In tema di rappresentanza, possono essere invocati i principi dell'apparenza del diritto e dell'affidamento incolpevole allorché non solo vi sia la buona fede del terzo che ha stipulato con il falso rappresentante, ma anche un comportamento colposo del rappresentato, tale da ingenerare nel terzo la ragionevole convinzione che il potere di rappresentanza sia stato effettivamente e validamente conferito al rappresentante apparente.

Commento

(di Daniele Minussi)
Il tema, sdrucciolevole, è quello dell'annullamento della procura speciale a vendere che fosse stata rilasciata da un soggetto naturalmente incapace al tempo del rilascio. Quali sono le conseguenze della pronunzia che abbia statuito nel senso dell'invalidità della procura sull'atto che fosse stato stipulato dal rappresentante antecedentemente all'emanazione della sentenza?
Si può dire che il procurator, divenuto falsus, abbia efficacemente venduto o questa sua sopravvenuta carenza di potere (tale tuttavia ab initio, stante la situazione del rappresentato) si riflette sull'atto perfezionato? Qual è la sorte dei diritti che il terzo (tale in riferimento al rapporto tra rappresentante e rappresentato) abbia acquistato in base ad un contratto stipulato con il rappresentante nel tempo antecedente l'annullamento della procura per incapacità naturale del rappresentato?
La risposta a questi interrogativi è stata rinvenuta nell'applicazione del principio della rappresentanza apparente. Elemento fondante di tale fattispecie è tuttavia la condotta colpevole del soggetto falsamente rappresentato, condotta tale da ingenerare nel terzo l'affidamento circa l'esistenza dei poteri rappresentativi. In che modo può essere ravvisata in un soggetto incapace naturale già al tempo del rilascio della procura?

Aggiungi un commento