Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Contratti a tempo indeterminato, con patto di proroga tacita o di recesso anticipato



In tutte le fattispecie previste, la durata del contratto può essere diversa da quella inizialmente dichiarata (art. 36, D.P.R. n. 131/1986):
  • i contratti a tempo indeterminato (cioè se al momento della stipula non è possibile prevederne la durata) sono soggetti all’imposta in base alla durata dichiarata al momento della registrazione. Se a tale data il contratto continua, l’imposta va nuovamente applicata in relazione alla maggiore durata del contratto. Se la durata dell’atto dipende dalla vita di una persona si applicano le disposizioni previste per le rendite e pensioni ex art. 46, D.P.R. n. 131/1986. Entro venti giorni dalla scadenza della data provvisoria di durata, le parti contraenti (in solido) devono provvedere alla denunzia ex art. 19, D.P.R. n. 131/1986. La maggiore imposta corrisposta in ragione della maggiore durata del contratto è determinata in base alle norme vigenti al momento della registrazione iniziale;
  • i contratti con patto di proroga tacita sono soggetti all’imposta in relazione alla durata pattuita, salvo obbligo di pagare la maggiore imposta al momento della proroga. Entro venti giorni dalla scadenza del contratto, le parti contraenti (in solido) devono provvedere alla denunzia ex art. 19, D.P.R. n. 131/1986. La maggiore imposta corrisposta in ragione della proroga della durata del contratto è determinata in base alle norme vigenti al momento della proroga;
  • i contratti che attribuiscono il diritto di recesso prima della scadenza, ma dopo un determinato periodo di tempo, sono soggetti all’imposta in relazione a tale periodo minimo, salvo integrazione per l’ulteriore durata.

Entro venti giorni dalla scadenza del periodo minimo di durata, le parti contraenti (in solido) devono provvedere alla denunzia ex art. 19, D.P.R. n. 131/1986. La maggiore imposta corrisposta in ragione della maggiore durata del contratto è determinata in base alle norme vigenti al momento della scadenza del periodo minimo indicato nel contratto.


Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Contratti a tempo indeterminato, con patto di proroga tacita o di recesso anticipato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto