Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2018 numero 15461 (13/06/2018)




Sussiste il beneficio fiscale sull'imposta di registro che andrà versata con aliquota all'1 per cento piuttosto che nella misura ordinaria dell'8 per cento sulla compravendita immobiliare anche se l'acquirente è una cooperativa senza scopo di lucro. La disciplina prevista dal testo unico (art. 1, comma 1, Dpr. 131/86) prevede, infatti, l'esenzione per le imprese che hanno a oggetto l'attività di rivendita degli immobili, non rilevando l'eventuale profitto dell'impresa quale requisito necessario ai fini del beneficio; Pertanto essa trova applicazione per le società cooperative a mutualità c.d. "spuria", le quali svolgono anche attività commerciale a scopo di lucro nei confronti di terzi non soci, non essendo ciò in linea di principio incompatibile con la finalità mutualistica propria di dette società.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2018 numero 15461 (13/06/2018)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto