Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina del pagamento, interessi moratori nelle "transazioni commerciali": modifiche al d.lgs. 9 ottobre 2002, n. 231, portante recepimento della Direttiva 2011/7/UE (lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali a norma dell'articolo 10, comma 1, della L. 11 novembre 2011, n. 180. (D.Lgs. 9 novembre 2012, n. 192)

E' stato emanato il D.Lgs. 9 novembre 2012, n. 192, recante "Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, per l'integrale recepimento della direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, a norma dell'articolo 10, comma 1, della legge 11 novembre 2011, n. 180" (G.U. 15 novembre 2012, n. 267).
Leggi il testo completo

Commento

(di Daniele Minussi)
Dal primo di gennaio dell’anno nuovo (2013) entrerà in vigore la nuova disciplina che modula i termini entro cui il debitore deve effettuare il pagamento nelle “transazioni commerciali”, novellando le disposizioni di cui al D.Lgs. n. 231/2002. Previsto anche l’innalzamento del tasso minimo degli interessi legali moratori. Il decreto legislativo in parola (emanato quale recepimento della direttiva Ue 2011/7/UE sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali tra imprese e tra Pubbliche Amministrazioni) costituisce concreta attuazione alla delega conferita al Governo con l’articolo 10 della legge n. 180 del 2011 (c.d. Statuto delle imprese).
L’intervento è specialmente rilevante, anche in riferimento all’intenzione di incrementare la liquidità del sistema produttivo, agevolando i creditori dello Stato e delle pubbliche amministrazioni in generale. Da osservare tuttavia come l’obiettivo potrebbe essere soltanto parzialmente colto, in relazione alle tempistiche processuali di un’eventuale condanna della P.A. e della susseguente fase esecutiva. Al riguardo si contrappongono alle esigenze di liquidità dell’impresa lo speciale sistema di “garanzie” poste a protezione dell’amministrazione pubblica (si pensi alla necessità del preventivo decorso del termine dilatorio dei 120 giorni, previsto come condizione di efficacia del titolo esecutivo e di procedibilità dell’esecuzione, plurimamente assoggettato al sindacato del Giudice delle Leggi (cfr. Corte Cost. 142/1998, 463/1998, 343/2006).
Numerose le modifiche alla normativa portata dal D.Lgs. 231/2002. Introdotta la previsione del termine massimo di 30 giorni entro il quale le Amministrazioni dovranno pagare i loro fornitori e prestatori di servizi, con possibili proroghe a 60 giorni per casi particolari (soltanto ove risulti giustificato dalla natura o dall'oggetto del contratto o dalle circostanze esistenti al momento della sua conclusione). Il termine di pagamento, in ogni caso, non potrà eccedere i sessanta giorni.
La clausola contrattuale con la quale le parti modificassero la data di ricevimento della fattura sarebbe inoltre nulla. Se i termini per il pagamento sono violati oppure non viene dato corso al pagamento, la normativa prevede una maggiorazione automatica del tasso degli interessi legali moratori di otto punti percentuali.

Aggiungi un commento