Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Criterio dell'estrazione a sorte del lotto divisionale. Immobile adibito ad uso commerciale da parte di uno dei coeredi. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 23395 del 6 ottobre 2017)

In tema di divisione ereditaria, il criterio dell'estrazione a sorte, previsto dall'art. 729 c.c., attiene al caso di uguaglianza di quote ed è posto a garanzia della trasparenza delle operazioni divisionali contro ogni possibile favoritismo, applicabile anche nell'ipotesi di divisione dei beni comuni, in virtù del rinvio recettizio di cui all'art. 1116 c.c.
Si tratta comunque di criterio che non ha carattere assoluto, ma soltanto tendenziale, ed è pertanto derogabile in base a valutazioni prettamente discrezionali, che possono attenere non soltanto a ragioni oggettive legate alla condizione funzionale ed economica dei beni, quale risulterebbe dall'applicazione della regola del sorteggio, ma anche a fattori soggettivi di apprezzabile e comprovata opportunità, la cui valutazione è sindacabile in sede di legittimità soltanto sotto il profilo del vizio di motivazione. (Fattispecie in cui la Corte faceva errata applicazione in materia della regola della parità di condizioni ed accennava apoditticamente ad una irrilevanza della circostanza che l'immobile fosse adibito da anni "ad attività commerciale" da parte di uno dei coeredi, senza precisare in alcun modo in che consistessero gli opposti interessi per cui appariva necessario effettuare il sorteggio.)

Commento

(di Daniele Minussi)
I primi due gradi del giudizio avevano decretato l'estrazione a sorte ai sensi dell'art. 729 cod.civ. quale criterio di attribuzione dei beni appartenenti alla massa ereditaria. Veniva così posto in non cale l'obiezione di uno dei coeredi che da tempo svolgeva un'attività commerciale all'interno di uno degli immobili appartenenti all'asse dividendo. La S.C., criticando tale impostazione, osserva come la regola in discussione non possieda una forza assoluta, ma debba confrontarsi con le concrete circostanze oggettive e soggettive (tali dunque non soltanto la situazione funzionale dei beni, ma anche l'esistenza di fattori quali il pregresso rapporto locativo instaurato tra uno dei coeredi e il defunto in funzione dell'attività commerciale svolta nell'immobile). Si veda, in senso analogo, Cass. civile, sez. II 2017/4426.

Aggiungi un commento