Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regime fiscale dei contratti invalidi: imposte sui redditi



Se successivamente alla conclusione, il contratto risulta invalido la legge fiscale pone diverse regole che tengono conto del venir meno dell’operazione.

Diversa è l’ipotesi degli effetti sui contratti delle violazioni tributarie e dei patti sulle imposte.

Se il contratto era posto in essere nell’ambito di un’attività d’impresa la sua invalidità e la sopravvenuta inesistenza dell’obbligo di pagare il corrispettivo (con insussistenza di costi già dedotti per competenza in precedenza esercizi) determina per l’impresa acquirente del bene o servizio una sopravvenienza attiva (art. 88, comma 1, D.P.R. n. 917/1986).

Reciprocamente il mancato conseguimento di ricavi già contabilizzati in precedenti esercizi realizza una sopravvenienza passiva per l’impresa cedente (art. 101, comma 2, D.P.R. n. 917/1986).

Vedi anche

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Regime fiscale dei contratti invalidi: imposte sui redditi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto