Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2018 numero 3533 (14/02/2018)




Sono vietate ed inopponibili all'Erario le operazioni che, pur non contrastando con alcuna specifica disposizione, sono idonee a procurare un vantaggio fiscale e non possono spiegarsi altrimenti che con il mero intento di conseguire un risparmio di imposta.

Pertanto, il collegamento negoziale fra il contratto di mutuo garantito da ipoteca su determinati immobili ed il conferimento di essi, dopo pochi giorni, da parte dei proprietari, mutuatari e soci, nella società, con contestuale accollo a quest’ultima del debito garantito, è illegittimo in quanto procura a questa il vantaggio fiscale di una riduzione dell’imposta di registro, pagata non sul valore immobiliare, ma sul valore immobiliare al netto della passività accollata.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2018 numero 3533 (14/02/2018)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto