Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2017 numero 30185 (15/12/2017)




L'adozione del criterio di determinazione automatica del valore dell'immobile, ex art. 52, comma IV, del D.P.R. n. 131/1986 (T.U. Imposta di Registro), stabilisce un limite al potere di accertamento dell'Amministrazione finanziaria. Tale limite trova la sua giustificazione nella presunzione legale di corrispondenza del valore dichiarato dalle parti, in applicazione dei criteri catastali, a quello venale. Presupposto per l'applicazione di tale criterio è che la rendita catastale attribuita sia conforme allo stato di fatto dell'immobile al momento dell'atto sottoposto a registrazione. Qualora la situazione di fatto dell'immobile sia mutata rispetto a quella considerata ai fini dell'attribuzione della rendita catastale, la suddetta presunzione di conformità viene privata del suo fondamento logico. In tale situazione l'Amministrazione finanziaria è legittimata a stabilire, con diverso criterio, il valore venale dell'immobile, che deve, a tal fine, essere considerato come privo di rendita.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2017 numero 30185 (15/12/2017)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto