Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Simulazione assoluta riferita a contratto per il quale la forma scritta è prevista ad substantiam. Prova della simulazione tra le parti: principio di prova scritta che consente di introdurre la prova testimoniale e assegno circolare predisposto per il pagamento del prezzo. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 7093 del 20 marzo 2017)

In tema di simulazione assoluta di un negozio soggetto a forma scritta a pena di nullità, il documento che può costituire principio di prova per iscritto deve provenire dalla controparte e non dalla parte che chiede la prova, né da un terzo, e non è necessario un preciso riferimento al fatto controverso, ma l'esistenza di un nesso logico tra lo scritto ed il fatto stesso, dal quale scaturisca la verosimiglianza del secondo. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto che un assegno circolare costituiva principio di prova scritta, ex art. 2724 c.c., perché era proveniente dalla controparte in quanto sottoscritto dalla stessa a girata e che, in ordine al nesso logico con il fatto, esso era integrato dal riferimento al percorso del denaro che avrebbe dovuto servire al pagamento del prezzo).

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso pratico sottoposto all'attenzione della S.C. si trattava di dar conto della simulazione assoluta di una compravendita immobiliare, che si sosteneva non essere vera e reale. L'assegno circolare utilizzato per pagare il prezzo indicato in atto non risultava essere stato incassato dalla parte venditrice, ma riversato ancora, per il tramite di girate (non vigendo ancora la normativa in base alla quale la non trasferibilità risulta ostativa rispetto a siffatti trasferimenti) in favore dell'acquirente. La documentazione di tale tracciamento del flusso finanziario non fornisce tuttavia prova diretta dell'accordo simulatorio, consentendo puramente di ricavare una presunzione (prova indiretta). Tuttavia tale situazione vale a integrare gli estremi di quel "principio di prova scritta" che, ex art. 2724 n.1 cod.civ., consente l'ammissione di prova testimoniale per accertare, inter partes, la simulazione assoluta.

Aggiungi un commento