Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Non è sufficiente che ci si preoccupi del debito che ha dato origine al pignoramento dell'immobile: il notaio risponde per non aver avvisato l’acquirente del rischio conseguente ai possibili interventi nella procedura esecutiva non ancora estinta. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 6451 del 31 marzo 2015)

Sussiste la responsabilità solidale del notaio che prestò la sua opera per il contratto preliminare e definitivo, insieme con il venditore e il mediatore immobiliare, per la cancellazione del pignoramento laddove il professionista con grave negligenza non avvertì l'acquirente del grave pericolo che comportava l'esistenza della procedura esecutiva in corso, senza accertarsi adeguatamente dell'esistenza di interventi nella procedura esecutiva, pur dopo aver accertato tramite visure la trascrizione di un pignoramento, senza cercare di dissuadere la parte dallo stipulare in quelle condizioni e senza consigliare l'inserimento di clausole che potessero garantire l'acquirente, subordinando l'efficacia del negozio all'effettiva estinzione della procedura esecutiva immobiliare sul bene che la parte andava ad acquistare e alla cancellazione del pignoramento.

Commento

(di Daniele Minussi)
E' banale, ma ci si casca: se il bene è colpito da un pignoramento per 50, non è certo sufficiente assicurarsi che il creditore che ha promosso la procedura esecutiva sia stato soddisfatto integralmente per dare il via libera all'acquisto. Occorre infatti accertarsi che, nel tempo intercorrente tra il pagamento di quella passività e la definitiva estinzione del pignoramento non abbiano luogo interventi nella procedura esecutiva ancora in corso, con la conseguenza che si debba rispondere anche di ulteriori passività non preventivate. In altri termini, il pignoramento è una porta aperta verso l'ignoto. Va chiusa bene prima di procedere all'acquisto oppure congegnare una forma di protezione per l'acquirente che tenga conto di questa peculiare dinamica. Il notaio che non si dia cura di tali aspetti ne paga le conseguenze con riferimento alla precisa responsabilità professionale che non può certo non incombergli.

Aggiungi un commento