Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Mutamento della detenzione in possesso: la prosecuzione del pregresso rapporto di fatto da parte degli eredi del detentore non vale ad integra una idonea causa di. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 27432 del 30 dicembre 2014)

L'interversione della detenzione in possesso ove l'iniziale relazione con il bene derivi da un atto o fatto del proprietario-possessore richiede il compimento di idonei atti materiali di specifica opposizione a quest'ultimo, che non possono consistere nella mera condotta materiale di un terzo ex art. 1141 c.c., attesa la necessità, in ogni caso, di una causa traditionis tra il detentore non qualificato ed il possessore per conto del quale il primo detiene. Ne consegue che, con riguardo a dei terreni detenuti da un ex casellante, già per ragioni di servizio e poi a titolo precario, a fronte della dismissione della linea ferroviaria, non seguita dal recupero dei fondi stessi, la mera prosecuzione del pregresso rapporto di fatto da parte degli eredi non integra una idonea condotta del terzo, trattandosi di comportamento materiale neppure astrattamente idoneo a trasferire un diritto sul bene.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso in esame (erroneamente appellato interversione, termine che normativamente allude al mutamento del titolo del possesso: cfr. l'art.1164 cod.civ.) i figli di un casellante ferroviario che già deteneva prima della sua morte un appezzamento di terreno a motivo del proprio rapporto di lavoro con la società proprietaria del fondo, assumevano di averlo usucapito, sulla scorta del mutamento della situazione di detenzione in possesso a far tempo dal venir meno del proprio dante causa. Ma è possibile che tale immutazione possa intervenire semplicemente per un fatto (la morte del detentore) a prescindere da un'attività di specifica opposizione manifestata al proprietario possessore? La lettura dell'art.1141 cod.civ. appare indicativa: a tal riguardo è indispensabile o che intervenga l'atto di un terzo, ovvero che abbiano luogo specifiche attività di opposizione manifestate al proprietario, ciò che non consiste nell'esplicazione di semplici attività materiali corrispondenti all'esercizio del possesso.

Aggiungi un commento